Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2404 - venerdì 13 dicembre 2013

Sommario
- Green economy: Frattura, Regioni "elemento chiave"
- Rapporto di Cittadinanzattiva su politiche della cronicità
- Industria e servizi: rapporto Istat, crollano gli investimenti
- Bankitalia: sale debito pubblico, diminuiscono entrate tributarie
- Conferenza Stato-Regioni il 19 dicembre
- Conferenza Unificata il 19 dicembre

+T -T
Rapporto di Cittadinanzattiva su politiche della cronicità

(Regioni.it 2404 - 13/12/2013) Nell’ultimo Rapporto di Cittadinanzattiva sulla sanità nazionale si rilevano soprattutto le difficoltà sempre più accentuate dell’intero sistema a fornire i livelli essenziali di assistenza.
Si tratta del XII Rapporto nazionale sulle politiche della cronicita', dal titolo ''Permesso di cura'', presentato a Roma dal Coordinamento nazionale delle Associazioni dei malati cronici (CnAMC) di Cittadinanzattiva.
Cittadinanzattiva afferma che bisogna “prevedere all'interno del Patto per la salute 2013-2015 in discussione l'impegno a realizzare un Piano di azione nazionale sulle patologie croniche; approvare il Piano nazionale sulle malattie rare 2013-2016 e istituire i Registri nazionali di patologia, per ciascuna di esse;
implementare lo sviluppo di PDTA (precorso diagnostico terapeutico assistenziale) nazionali in grado di garantire livelli uniformi di assistenza socio-sanitaria su tutto il territorio nazionale; garantire un accesso equo, tempestivo ed uniforme alle terapie farmacologiche, nonchè la partecipazione delle Organizzazioni civiche e dei pazienti ai processi decisionali nazionali e regionali inerenti l'assistenza farmaceutica”.
Per le malattie rare curarsi è diventato sempre più difficile, così come accudire una persona malata è diventato oggi un ''lusso'' che non ci si puo' piu' permettere, perchè i costi diretti ed indiretti della malattia risultano insostenibili.
Sul piano sociosanitario, emerge una assistenza, soprattutto a livello di accesso ai farmaci, a macchia di leopardo, con regioni piu' avanti e altre che stentano a assicurare anche i LEA, mentre i tagli incidono maggiormente sull'assistenza domiciliare e sulla riabilitazione.
L'84% delle associazioni dichiara che i pazienti non riescono a conciliare l'orario di lavoro con le esigenze di cura ed assistenza, al punto che nel 63% dei casi hanno ricevuto segnalazioni di licenziamenti o mancato rinnovo del rapporto lavorativo per le persone con patologie croniche e invalidanti e nel 41% dei casi per i familiari che li assistono. Il 60% ha riscontrato difficolta' nella concessione dei permessi retribuiti, il 45% nella concessione del congedo retribuito di due anni; il 49% evita di prendere sul lavoro permessi per cura, il 43% nasconde la propria patologia e il 40% si accontenta di eseguire un lavoro non adatto alla propria condizione lavorativa.
Chi non puo' pagare, in una percentuale che arriva anche all'80% di chi e' in cura, rinuncia alla riabilitazione, al monitoraggio della patologia, ad acquistare i farmaci non dispensati, alla badante, all'acquisto di protesi e ausili non passati dal servizio sanitario nazionale.
Anche chi si impegna personalmente nella prevenzione, riconoscendone l'importanza, ha difficolta' ad accedere alle visite specialistiche o esami diagnostici necessari nel 66% dei casi e l'89% e', quindi, costretto a sostenere costi privati per accedere a queste prestazioni.
Cittadinanzattiva inoltre chiedono al Governo e alle Regioni di avviare un confronto anche con le Associazioni di cittadini e di pazienti sia sul Patto per la Salute, sia sulla prossima Spending review, che rappresentano le vere partite per il nostro Servizio Sanitario Nazionale. Non vogliamo infatti correre il rischio che queste misure possano comportare un'ulteriore compressione di tutele e di diritti.
Ciiadinazattiva ricorda al Governo che i cittadini hanno gia' dato tanto e sono invece ancora in attesa di ricevere quanto e' stato previsto e promesso anche da leggi. Il riferimento è all'aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza, e che dovrebbe prevedere, tra l'altro, la “revisione del Nomenclatore tariffario delle protesi e degli ausili e degli elenchi delle patologie croniche e rare esenti''.



( red / 13.12.13 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top