Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2407 - mercoledì 18 dicembre 2013

Sommario
- Errani convoca la Conferenza delle Regioni per il 19 dicembre
- Integrati gli OdG di Stato-Regioni e Unificata del 19 dicembre
- Delrio: Regioni denunciano difficoltà con Trenitalia
- Vetrella: in 3 anni è stato sottratto un miliardo e mezzo al trasporto pubblico locale
- Ludopatia: la posizione delle Regioni sulle proposte di legge in materia
- Programmazione fondi Ue 2014-2020: la posizione del 5 dicembre

+T -T
Ludopatia: la posizione delle Regioni sulle proposte di legge in materia

(Regioni.it 2407 - 18/12/2013) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella riunione del 5 dicembre ha approvato un documento di osservazioni sulle proposte di legge d'iniziativa parlamentare in materia di prevenzione, cura e riabilitazione della dipendenza da gioco d'azzardo patologico. Il Documento è stato poi trasmesso alle Commissione Affari sociali della Camera, presieduta da Pierpaolo Vargiu, ed è stato pubblicato sul sito www.regioni.it.
Si riporta di seguito il testo integrale del documento al quale è stato allegato anche una precedente posizione assunta dalla Conferenza delle Regioni in materia (del 19 aprile 2012)
Premessa
Ildecreto-legge n. 158 (c.d. Decreto Balduzzi) convertito, con modificazioni, in Legge 8 novembre 2012, n. 189 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, recante disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del paese mediante un più alto livello di tutela della salute” prevede:
a) relativamente ai LEA del Gioco d'Azzardo Patologico
all'art. 5 l'inserimento nei Livelli Essenziali di Assistenza del Gioco d'Azzardo Patologico secondo la corretta procedura prevista dal Decreto legge 18 settembre 2001 n. 347 convertito con modificazioni dalla legge 16 novembre 2001, n. 405: “DPCM su proposta del Ministero della salute di concerto con il Ministro dell'Economia, d'Intesa con la Conferenza Stato/Regioni”.
Si rileva che ad oggi tale aggiornamento non è stato ancora effettuato sia per quanto concerne il Gioco d'Azzardo patologico che in generale per l'aggiornamento di tutti i LEA.
b) relativamente alla protezione minori
all'art. 7 “Disposizioni in materia di vendita di prodotti del tabacco, misure di prevenzione per contrastare la ludopatia e per l'attività sportiva non agonistica”, il divieto di pubblicità concernente il gioco con vincite in denaro nei mezzi di comunicazione  (Radio/TV/stampa) dirette ai minori
Nel merito anche Il Decreto Legge n. 98 del 6 luglio 2011, all'art. 24, comma 20, vieta la partecipazione ai giochi pubblici con vincite in denaro ai minori di anni 18.
c) relativamente all'istituzione di un Osservatorio nazionale
all'art. 7, comma 10, istituisce l'Osservatorio nazionale come segue:
“Presso l'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato e, a seguito della sua incorporazione, presso l'Agenzia delle dogane e dei monopoli, è istituito, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, un osservatorio di cui fanno parte, oltre ad esperti individuati dai Ministeri della salute, dell'istruzione, dell’università e della ricerca, dello sviluppo economico e dell'economia e delle finanze, anche esponenti delle associazioni rappresentative delle famiglie e dei giovani, nonché' rappresentanti dei comuni, per valutare le misure più efficaci per contrastare la diffusione del gioco d'azzardo e il fenomeno della dipendenza grave. Ai componenti dell'osservatorio non è corrisposto alcun emolumento, compenso o rimborso spese. “
Si segnala che in tale Osservatorio non è prevista la presenza delle Regioni e delle Province autonome.
Anche nelle pdl oggetto del presente documento non è prevista la partecipazione delle Regioni e delle Province autonome nell'Osservatorio.
d) relativamente alle campagne di informazione/educazione e alle avvertenze nei locali di Gioco
all'art. 7, comma 5, l'obbligo per i gestori di sale da gioco e di esercizi in cui vi sia offerta di giochi pubblici, ovvero di scommesse su eventi sportivi, anche ippici, e non sportivi, di esporre, all'ingresso e all'interno dei locali, il materiale informativo predisposto dalle Aziende Sanitarie Locali, diretto a evidenziare i rischi correlati al gioco e a segnalare la presenza sul territorio di servizi di assistenza pubblici e del privato sociale dedicati alla cura e al reinserimento sociale delle persone con patologie correlate al Gioco d'Azzardo Patologico (G.A.P.).
In sostanza, buona parte delle disposizioni previste dalle PdL in questione sono già presenti nella normativa sopra citata.
Nel merito delle PdL:
1.   PdL 101 Binetti - Buttiglione
Art. 3 - LEA e certificazione diagnostica del GAP
Come già sopra evidenziato, la procedura di revisione dei LEA non può essere quella indicata in tale proposta di legge. I LEA vengono definiti con DPCM di intesa con le Regioni. Peraltro, la Legge 189/2012 già prevede che, con la procedura sopradescritta, nel corso della ridefinizione dei LEA vengano inserite le prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione del GAP.
Si fa cenno inoltre ai LEA socioassistenziali a carico del Fondo Nazionale Politiche Sociali, che al momento non esistono in quanto tali.
Entra altresì nel merito della potestà organizzativa delle Regioni quando fa riferimento ai “presidi regionali” e “altre articolazioni” delle Aziende USL: pare poco opportuno definire per legge livelli di tipo organizzativo, la cui declinazione spetta alle Regioni.
Per quanto concerne la previsione di finanziare i programmi di cura e riabilitazione il principio è condivisibile (si rammenta che in sede di discussione della proposta di decreto interdirigenziale AAMS – Ministero della Salute, d'intesa con la Conferenza Unificata, concernente le linee di azione per la prevenzione, il contrasto e il recupero di fenomeni di ludopatia ex art. 1, comma 70, della legge 13 dicembre 2010, n. 220, la Commissione Salute propose di destinare parte dei ricavi dei concessionari a tale scopo).
Questa proposta è stata altresì avanzata dalle Regioni e Province autonome nel corso delle audizioni presso la XII Commissione della Camera come evidenziato nel documento conclusivo.
Rispetto alla proposta in oggetto sarebbe quanto meno opportuno quantificare l'ammontare stimato dell'impatto della norma in discussione.
Art. 5 - Osservatorio nazionale sulle dipendenze da gioco d'azzardo
Vedi quanto riportato nella premessa.
2.   PdL 102 Binetti - Buttiglione
Art. 3 - LEA e certificazione diagnostica del GAP
- commi 1 e 3 vale quanto detto in precedenza sulla procedura di adeguamento dei LEA;
- comma 4, la certificazione da disturbo da gioco d'azzardo patologico consente l'assistenza scolastica;
Artt. 4, 5 e 6 – (Presidi regionali, Diagnostica e certificazione, Protocolli diagnostici)
affrontano temi organizzativi di competenza regionale.
Art. 8 - Campagne informative
Sarebbe opportuno prevedere il coinvolgimento delle Regioni e delle Province autonome allorché si programmino iniziative di prevenzione e informazione.
Art. 9- Osservatorio
Vedi quanto riportato in premessa.
3. PdL 267 - Fucci
Art. 3 - Campagne di informazione e di educazione al gioco
Vale quanto detto per le PdL Binetti-Buttiglione
4. PdL 433 - Mongiello et altri
Artt. 3 e 4 - Campagne di informazione e di educazione al gioco
Vale quanto detto per le Pdl Binetti-Buttiglione e Fucci
In allegato lo schema comparativo delle principali disposizioni che interessano le competenze delle Regioni e Province autonome comuni a tutte e quattro le PdL.
Sulla posizione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome si richiama e si allega il Documento approvato il 19 aprile 2012 con oggetto “Relazione delle Regioni e Province autonome sul Gambling Patologico oggetto di indagine conoscitiva della XII Commissione della Camera dei Deputati.
Si fa presente infine che la maggioranza delle Regioni; anche d'intesa con le Autonomie locali, ha organizzato servizi ed interventi per contrastare il fenomeno del gioco d'azzardo. E' da ritenersi indispensabile anche una presa di posizione dello Stato di fronte al moltiplicarsi delle sale da gioco.
Roma, 05 dicembre 2013
 


( red / 18.12.13 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top