Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2413 - venerdì 10 gennaio 2014

Sommario
- Sardegna: 16 febbraio elezioni regionali
- Contratti Regioni, sanità ed enti locali: chiesto incontro a d’Alia
- 16 gennaio: Conferenza Stato-Regioni
- Istat: Regioni, 64% spesa ambientale per interventi di protezione
- Meccatronica: formazione responsabile tecnico, proposta di accordo
- Zingaretti su utilizzo fondi Ue e lavoratori socialmente utili

+T -T
Meccatronica: formazione responsabile tecnico, proposta di accordo

(Regioni.it 2413 - 10/01/2014) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 19 dicembre 2013 ha approvato un proposta di accordo  sullo standard professionale e formativo del responsabile tecnico di attività di meccatronica. La proposta è stata trasmessa alla Conferenza Stato-Regioni ed è stata pubblicata sul sito www.regioni.it (nella sezione conferenze). Si riporta di seguito il testo.
La legge n. 224/2012 ha disposto la modifica della legge 122/1992 in materia di attività di autoriparazioni, individuando le attività di:
A) meccatronica;
B) carrozzeria;
C) gommista
Ai sensi dell’art. 7, comma 2, lettera b), della legge n. 122/1992, come modificata dalla legge 224/2012, la formazione del responsabile tecnico di attività di meccatronica è di competenza delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e di Bolzano, che provvedono alla definizione degli standard per la formazione, nonché alla programmazione e organizzazione dei corsi sulla base dei fabbisogni localmente rilevati, nel rispetto degli elementi minimi comuni definiti dal presente documento e sulla base delle disposizioni vigenti in materia di formazione professionale.
I corsi di formazione sono erogati dalle Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano direttamente o attraverso soggetti accreditati, in conformità al modello definito ai sensi dell’Accordo Stato-Regioni e Province Autonome del 20/03/2008, e/o attraverso soggetti specificamente autorizzati in base alle disposizioni adottate da ciascuna Regione e Provincia Autonoma.
DESCRIZIONE DELLA FIGURA
Il responsabile tecnico di attività di meccatronica è la persona preposta alla gestione tecnica dell’impresa di autoriparazioni. È in grado di riconoscere le esigenze del cliente, di diagnosticare e pianificare gli interventi necessari ed operare sia sulla parte elettrica ed elettronica che sulla parte meccanica del veicolo in ottemperanza a quanto richiesto dalla legislazione vigente per l’abilitazione all’esercizio dell’attività di meccatronica.
DESCRIZIONE DELLO STANDARD PROFESSIONALE
Nel rispetto di quanto previsto dall’art. 2, della L. 224/2013, si individuano i seguenti ambiti di competenza, articolati in abilità minime e conoscenze essenziali.
1. Gestione dell’attività di autoriparazione;
2. Diagnosi tecnica e strumentale delle parti meccaniche del veicolo;
3. Riparazione e manutenzione delle parti meccaniche;
4. Diagnosi tecnica e strumentale degli apparati elettrico/elettronici del veicolo;
5. Riparazione e manutenzione degli apparati elettrico/elettronici del veicolo.

 
STANDARD FORMATIVO
ARTICOLAZIONE DEI PERCORSI DI FORMAZIONE
La durata minima dei percorsi standard è di 500 ore con una quota di stage che può oscillare dal 20 al 30% del monte ore complessivo.
E’ consentito un massimo di assenze pari al 20% del monte ore complessivo.
Ai sensi dell’art 3 comma 2 della legge 11 dicembre 2012 , n. 224, i responsabili tecnici delle imprese già iscritte nel registro delle imprese o nell'albo delle imprese artigiane e abilitate alle attività di meccanica e motoristica o a quella di elettrauto qualora non siano in possesso di almeno uno dei requisiti tecnico-professionali previsti dalle lettere a) e c) del comma 2 dell'articolo 7 della citata legge n. 122 del 1992, devono frequentare il percorso formativo, limitatamente alle competenze relative all'abilitazione professionale non posseduta. Per questi soggetti la durata minima del corso di formazione è ridotta a 40 ore.
Inoltre, nelle more dell’aggiornamento alla L. 122/1992 - come modificata dalla L. 224/2012 - degli standard delle competenze tecnico-professionali delle figure del repertorio nazionale del sistema di Istruzione e Formazione professionale (IeFP):
 I soggetti in possesso del coerente titolo di qualifica professionale conseguito nell’ambito dei percorsi di durata triennale previsti dal sistema di Istruzione e Formazione professionale (IeFP), per ottenere la qualificazione professionale di responsabile tecnico di attività di meccatronica dovranno frequentare un percorso integrativo della durata minima di 100 ore, limitatamente alle competenze non possedute.
 I soggetti in possesso del coerente titolo di diploma professionale regionale di tecnico conseguito nell’ambito dei percorsi di quarta annualità previsti dal sistema di Istruzione e Formazione professionale (IeFP), per ottenere la qualificazione professionale di responsabile tecnico di attività di meccatronica dovranno frequentare un percorso integrativo della durata minima di 50 ore limitatamente alle competenze non possedute. Sono fatte salve le disposizioni delle Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano inerenti il riconoscimento di crediti formativi che consentono di ridurre la durata dei percorsi formativi limitatamente alla specifica situazione del singolo individuo per competenze acquisite in percorsi formativi e/o professionali.
Come previsto dalla circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 3659 del 11 marzo 2013, “per i responsabili tecnici delle imprese attive nei settori di meccanica-motoristica o di elettrauto, che hanno operato per tre anni negli ultimi cinque anche su determinate componenti del veicolo che sono a “cavallo” tra meccanica-motoristica ed elettrauto” e che possono documentare tale circostanza, è possibile richiedere l’iscrizione alla Camera di Commercio per la nuova sezione della meccatronica, senza la necessità di frequentare corsi integrativi.
REQUISITI DI AMMISSIONE AL PERCORSO
Al fine dell’ammissione al corso di formazione sono necessari i seguenti requisiti.
- età non inferiore ai diciotto anni;
- diploma di scuola secondaria di 1° grado.
Per quanto riguarda coloro che hanno conseguito un titolo di studio all’estero occorre presentare una dichiarazione di valore o un documento equipollente /corrispondente che attesti il livello di scolarizzazione.
Per gli stranieri è inoltre indispensabile una buona conoscenza della lingua italiana orale e scritta, che consenta di partecipare attivamente al percorso formativo. Tale conoscenza deve essere verificata attraverso un test di ingresso da conservare agli atti del soggetto formatore.
ESAME FINALE
Condizione minima di ammissione all’esame finale è la frequenza di almeno l’80% delle ore complessive del percorso formativo.
L’esame è finalizzato a verificare l’apprendimento delle conoscenze e l’acquisizione delle competenze tecnico-professionali previste dal corso.
L’esame deve essere organizzato e gestito secondo principi di trasparenza e tracciabilità delle procedure.
Regioni e Province Autonome di Trento e di Bolzano provvedono alla definizione della composizione delle commissioni d’esame e delle prove di esame nel rispetto della propria regolamentazione.
Il mancato superamento dell’esame finale non consente il rilascio dell’attestato di qualificazione.
CERTIFICAZIONE RILASCIATA
Al termine del percorso, sia standard che integrativo, viene rilasciato un attestato di qualificazione professionale per responsabile tecnico di attività di meccatronica, ai sensi dell’art. 7, comma 2, lettera b), della legge 5 febbraio 1992, n. 122 e s.m.


( red / 10.01.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top