Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2415 - martedì 14 gennaio 2014

Sommario
- Abruzzo: elezioni regionali il 25 maggio
- Anci: Audizione in Commissione Affari Costituzionali del Senato
- Istat: inflazione al livello più basso dal 2009
- Regioni su intesa a Decreto per facilitare accesso a scuole di I e II grado
- Piemonte: Sentenza Tar su elezioni. Regione ricorre al Consiglio di Stato
- Bankitalia: rilevazioni sul debito pubblico 2013

+T -T
Istat: inflazione al livello più basso dal 2009

(Regioni.it 2415 - 14/01/2014) L’Istat rileva che il tasso d’inflazione è sempre più rallentato. E’ il  livello più basso dal 2009. Il tasso d'inflazione medio per il 2013 è 1,2%, rispetto al 3% del 2012.
Nel mese di dicembre, su base annua l'inflazione resta stabile allo 0,7%, mentre sul mese torna un rialzo (+0,2%) dopo 3 ribassi. Rincara su base annua anche il carrello della spesa (+1,2%). L'istituto di statistica: sul 2013 ha pesato la stretta sui consumi delle famiglie, dal rialzo dell'Iva solo un effetto parziale e modesto.
''La dinamica dei prezzi al consumo nel 2013 riflette principalmente gli effetti della debolezza delle pressioni dal lato dei costi, in particolare degli input energetici, e quelli dell'intensa e prolungata contrazione della spesa per consumi delle famiglie''.
''In questo quadro  l'aumento dell'aliquota ordinaria dell'Iva, entrato in vigore all'inizio di ottobre 2013, ha esercitato sull'inflazione un effetto parziale e modesto''.
Quanto al cosiddetto carrello della spesa (dal cibo ai carburanti), l’Istat spiega che ''le caratteristiche del quadro inflazionistico del 2013 si sono riflesse in un ridimensionamento della crescita dei prezzi dei prodotti acquistati piu' frequentemente dai consumatori. I prezzi di tali prodotti sono infatti aumentati, nella media del 2013, dell'1,6% rispetto alla crescita del 4,3% del 2012, segnando comunque un valore di 0,4 decimi di punto percentuale piu' elevato rispetto all'inflazione media annua totale''.
Inoltre, l'Istat spiega che è nulla  l'eredità dello scorso anno: ''Il calcolo del trascinamento dell'inflazione sul 2014 registra un valore nullo, dovuto alla marcata attenuazione delle tensioni inflazionistiche nell'anno appena concluso''.
L’Istat rileva che il tasso d’inflazione è sempre più rallentato. E’ il  livello più basso dal 2009. Il tasso d'inflazione medio per il 2013 è 1,2%, rispetto al 3% del 2012.
Nel mese di dicembre, su base annua l'inflazione resta stabile allo 0,7%, mentre sul mese torna un rialzo (+0,2%) dopo 3 ribassi. Rincara su base annua anche il carrello della spesa (+1,2%). L'istituto di statistica: sul 2013 ha pesato la stretta sui consumi delle famiglie, dal rialzo dell'Iva solo un effetto parziale e modesto.
''La dinamica dei prezzi al consumo nel 2013 riflette principalmente gli effetti della debolezza delle pressioni dal lato dei costi, in particolare degli input energetici, e quelli dell'intensa e prolungata contrazione della spesa per consumi delle famiglie''.
''In questo quadro  l'aumento dell'aliquota ordinaria dell'Iva, entrato in vigore all'inizio di ottobre 2013, ha esercitato sull'inflazione un effetto parziale e modesto''.
Quanto al cosiddetto carrello della spesa (dal cibo ai carburanti), l’Istat spiega che ''le caratteristiche del quadro inflazionistico del 2013 si sono riflesse in un ridimensionamento della crescita dei prezzi dei prodotti acquistati piu' frequentemente dai consumatori. I prezzi di tali prodotti sono infatti aumentati, nella media del 2013, dell'1,6% rispetto alla crescita del 4,3% del 2012, segnando comunque un valore di 0,4 decimi di punto percentuale piu' elevato rispetto all'inflazione media annua totale''.
Inoltre l'Istat spiega che è nulla  l'eredità dello scorso anno: ''Il calcolo del trascinamento dell'inflazione sul 2014 registra un valore nullo, dovuto alla marcata attenuazione delle tensioni inflazionistiche nell'anno appena concluso''.

 Istat: Prezzi al consumo - 14.01.2014



( red / 14.01.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top