Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2422 - giovedì 23 gennaio 2014

Sommario
- Conferenza Regioni: Cig, 400 milioni di anticipo 2014 a saldo 2013
- Simoncini: Cig, al 2013 le risorse sbloccate dal Governo
- Lorenzin: nel Patto Salute si dovranno rivedere anche i Lea
- Codice contro medicinali falsificati: parere delle Regioni
- Protezione animali a fini scientifici, da Regioni ok a Decreto
- Debiti P.A. 2013: stato pagamenti

+T -T
Lorenzin: nel Patto Salute si dovranno rivedere anche i Lea

(Regioni.it 2422 - 23/01/2014) Entro febbraio il nuovo Patto Salute. Lo sostiene il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in Audizione in commissione Affari sociali alla Camera.
Lorenzin spiega che si e' conclusa la "fase consultiva di lavoro delle dieci commissioni messe in campo dalla Conferenza Stato-Regioni" e che dopo l'incontro politico della scorsa settimana con le otto Regioni si e' stabilito un "timing di incontri, due volte a settimana, di qui a San Valentino, sui 10 capitoli. Capitolo per capitolo si andra' avanti a oltranza fino a che si chiude".
Nel Patto, ha sottolineato Lorenzin, "a Titolo V invariato ci saranno elementi autovincolanti per le Regioni, con impegni e tempistica precisa, ci sara' un nuovo modello per i piani di rientro, dando piu' forza all'intervento del ministero della Salute, con delle 'task force' che interverranno direttamente nelle aziende ai primi segali di allarme e in tempi circoscritti" e si affrontera' anche il problema della governance, non con interventi normativi ma puntando "sulla formazione e la selezione del management". In via di soluzione, ha assicurato, anche la ristrutturazione della rete ospedaliera, dopo che il decreto con i nuovi standard "e' stato bloccato in Conferenza" per diversi mesi. Nel Patto si dovranno anche "rivedere i Lea".
Le Regioni, ha sostenuto sempre Lorenzin, "hanno finalmente l'opportunita' di fare pianificazione a budget certo fino al 2017" che e' di "109,902 miliardi per il 2014, 113,452 per il 2015, 117,563 per il 2016 e 122 per il 2017".
Inoltre la Lorenzin ha affermato anche che "non c'e' una proposta da parte del governo ma le Regioni porteranno una loro proposta sulla compartecipazione della spesa".
La spesa farmaceutica "e' sotto controllo per quanto riguarda la parte territoriale, mentre quella ospedaliera sfora rispetto al tetto prestabilito" ma prima di pensare di rivalutare il tetto, bisogna capire perche' la spesa sfora".
Nel corso dell'audizione a proposito della farmaceutica il ministro ha ricordato anche che "occorre affrontare il tema della medicina personalizzata, che oggi viene toccato solo in piccoli tavoli tecnici. Trovo che quello dei farmaci generici o degli innovativi sia oggi un argomento 'giurassico', perche' presto tutti vorranno accedere alle terapie mirate che non costeranno piu' 7-8.000 euro a ciclo come i chemioterapici attuali, ma 150-200.000 euro. E bisogna porsi la domanda, anche con il mondo industriale, di come garantire ai cittadini il meglio che c'è, ponendo anche la questione della compartecipazione alla spesa sanitaria".
Per quanto riguarda la spesa sanitaria, Lorenzin indica con il nuovo Patto Salute a regime un possibile risparmio di 10 miliardi: “grazie a misure come i costi standard e attraverso il prossimo Patto  per la salute. Ma "abbiamo bisogno di almeno 2 miliardi da reinvestire in infrastrutture e ricerca".
"Con il commissario per la spendind review, Carlo Cottarelli -  ha spiegato Lorenzin - parlo tutti i giorni. Il nostro comparto e' molto  particolare e la spesa sanitaria e' la piu' scandagliata e per questo  la piu' 'aggredita': lo e' stata fortemente negli ultimi anni, ed e'  il motivo per cui ho portato avanti la battaglia per bloccare  ulteriori tagli. Il sistema non avrebbe potuto reggere: avrebbe  significato non avere piu' farmaci negli ospedali".

 


( red / 23.01.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top