Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2431 - mercoledì 5 febbraio 2014

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 6 febbraio
- Riorganizzazione Ministero della Salute
- Debiti P.A. : l'ostacolo del patto di stabilità
- Tumori: metà della spesa per fasi iniziali e terminali
- Tumori: le ultime iniziative regionali
- Lorenzin: Patto Salute, con Regioni stiamo lavorando a tamburo battente

+T -T
Tumori: metà della spesa per fasi iniziali e terminali

Oms: nel mondo 22 milioni di casi nel 2030

(Regioni.it 2431 - 05/02/2014) L’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, prevede nel mondo un’epidemia di tumori, 22 milioni di casi nel 2030. Oggi in Italia oltre la metà della spesa sanitaria per le cure oncologiche è rivolta alle fasi iniziali e terminali della malattia.
Quindi oltre la metà delle risorse economiche, il 57%, sono assorbite per diagnosticare e sottoporre il paziente a trattamenti primari (come chemioterapia, radioterapia o interventi chirurgici) e nella fase terminale della patologia, in cui spesso si richiede l'accesso alle cure palliative. Siamo in linea con gli altri Paesi europei e con gli Stati Uniti.
Sono alcuni dati emersi al seminario "L'impatto dei tumori sui sistemi sanitari: approcci ed esperienze a confronto" organizzato dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) in collaborazione con l'Istituto superiore di sanità.
Tra l’altro è stata presentata una ricerca basata sulla comparazione dei dati  del programma assicurativo americano Medicare con quelli di due registri tumori italiani , quello del Veneto e quello dell'Umbria. Dai dati emerge anche che i percorsi terapeutici sono simili, mentre  la permanenza in ospedale dei pazienti in Italia, pari a 30 giorni in media, e'  il doppio di quella negli Stati Uniti, dove si aggira intorno ai 15 giorni.
L'agenzia dell'Organizzazione mondiale della sanita' (Oms) prevede che in meno di vent'anni i casi passeranno dai 14 milioni del 2012 ai 22 milioni nel 2030.
Per quanto riguarda l'Italia, secondo il rapporto messo a punto da Aiom e Airtum, nel 2012 si sono registrati 364mila nuovi casi. Se la mortalita' appare in diminuzione, con il nostro paese che ha anche il record europeo di sopravvivenza a 5 anni, anche da noi c'e' la tendenza all'aumento dei casi. ''Non sono state ancora fatte stime cosi' a lungo termine, ma la tendenza e' a un aumento dell'incidenza provocato soprattutto dall'invecchiamento della popolazione oltre che da un peggioramento degli stili di vita - spiega Roberta De Angelis, ricercatore dell'Istituto superiore di sanita' -. Alcuni tumori calano, come quello ai polmoni negli uomini, ma altri sono in aumento, soprattutto quelli legati all'alimentazione come il cancro del colon-retto, oltre al melanoma della pelle e tumore alla prostata''.
Il tumore del colon-retto e' il piu' frequente in Italia, con oltre 50.000 nuove diagnosi, seguito da quello della mammella (46.000), del polmone (38.000, un quarto nelle donne) e della prostata (36.000). Il cancro del polmone si conferma al primo posto complessivamente per mortalita' (34.500 i decessi stimati) ed e' il 'big killer' fra gli uomini (27%), mentre quello del seno lo e' tra le donne (16%).


( red / 05.02.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top