Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2487 - martedì 29 aprile 2014

Sommario
- Conferenza Regioni il 30 alle ore 14
- Riforma Senato: interventi di Renzi, Chiti e Boschi
- Maroni su riforme e rimpasto Giunta
- Caldoro sulla riforma del Senato
- Dl Irpef: Kompatscher e Rossi incontrano Delrio
- Calabria: Scopelliti si dimette da Presidente

+T -T
Conferenza Regioni il 30 alle ore 14

Conferenze Unificata e Stato-Regioni differite al 15 maggio

(Regioni.it 2487 - 29/04/2014) Il Presidente Vasco Errani ha convocato la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per mercoledì 30 aprile 2014 alle ore 14 (Roma, Via Parigi, 11). Le previste Conferenze Unificata e Stato-Regioni sono state differite al 15 maggio.
Nel corso della Conferenza delle Regioni saranno affrontati i seguenti temi all’ordine del giorno:
- Proposta di parere delle Regioni sul decreto-legge n. 47 del 2014 recante misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015;
- Proposta di parere sul disegno di legge collegato alla legge di stabilità recante “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali”;
- Posizione delle Regioni e Provincie autonome sulla comunicazione della Commissione sulla “Strategia europea per una maggiore crescita e occupazione nel turismo costiero e marittimo” e sulla Proposta di ...

+T -T
Riforma Senato: interventi di Renzi, Chiti e Boschi

(Regioni.it 2487 - 29/04/2014) La proposta di riforma costituzionale del Governo può avere dei limiti, ma non è autoritaria. Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervenendo sulle riforme costituzionali all'assemblea dei senatori del  Pd.
Il premier fa la sua proposta di mediazione: i consigli regionali indichino i senatori, e ogni Regione decida come farlo. Sul nodo dell'individuazione dei  senatori faccio "una proposta di sintesi: non discipliniamo noi il  modo con cui vengono eletti nelle regioni, potremmo lasciare alle  singole regioni le modalita' di individuazione dei consiglieri  regionali".
Sulle riforme Renzi si dice pronto a trovare un punto comune, altrimenti: “faremo tutti gli sforzi fino all'ultimo giorno per trovare un punto comune, altrimenti sono pronto a fare un passo indietro. A tutti i costi io non ci sto, o così o vado a casa".
Per il senatore Vannino Chiti “Sul tema della composizione  ...

+T -T
Maroni su riforme e rimpasto Giunta

Assessori: Mauro Parolini (Commercio, Turismo e Terziario) e Alberto Cavalli (Infrastrutture e Mobilità); sottosegretari: Daniele Nava (attuazione Legge Delrio) e Maurizio Del Tenno (Infrastrutture per Expo)

(Regioni.it 2487 - 29/04/2014) "Io vorrei un Senato che rappresenti le autonomie, cioe' le Regioni e, anche, gli enti locali e, soprattutto, la cosa importante per me, la suddivisione per Regioni, per aree territoriali e non per schieramenti pilitici". Lo sostiene il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, commentando la riforma del Senato proposta dal premier Matteo Renzi, "perche' deve rappresentare i territori, non le ideologie". Quindi, propone il presidente della Lombardia, "una sorta di vincolo di mandato a rappresentare il proprio territorio". "Seguiamo con attenzione la trattativa di questa discussione, sperando che si concluda rapidamente".
Maroni è inoltre intervenuto in Consiglio regionale spiegando il rimpasto della Giunta: nuovo sottosegretario Daniele Nava (Ncd), con la delega all'attuazione della legge Delrio, che stabilisce l'ingresso della Regione nelle partecipate della Provincia di Milano. Nella squadra di governo della Lombardia è entrato un secondo assessore di Ncd Mauro Parolini, al posto di Maurizio Del Tenno, esponente di Forza Italia, diventato sottosegretario, cosi' come Daniele Nava (Ncd).
Ma la legge Delrio rischia di "portare al blocco delle attivita' delle Province". In merito alla riforma delle Province "si pongono  - sottolinea Maroni - una serie di questioni.  Piu' di 15 societa' passeranno nel patrimonio della Regione con  l'impegno a restituirle. Stabiliremo i margini di manovra che la  Regione ha. ...

+T -T
Caldoro sulla riforma del Senato

(Regioni.it 2487 - 29/04/2014) Sulla riforma del Senato è intervenuto anche il presidente della regione Campania, Stefano Caldoro: “credo che la strada giusta da seguire sia quella in cui le Regioni abbiano la possibilita' di indicare con maggior forza i loro rappresentanti. Nell'ottica del superamento del Bicameralismo il Senato deve avere una reale capacita' di poter dire la sua in termini di interesse nazionale: penso agli aspetti che possono riguardare i profili costituzionali, il potere delle autonomie locali. Serve un Senato con poteri differenziati, ma che sia pur sempre un potere".
Caldoro sottolinea che "le istituzioni che non hanno nessuna forza, nessun valore, ma che abbiano solo una rappresentanza estetica - prosegue Caldoro – non hanno nessun senso. Bisogna riempire la riforma di contenuti, definendo meglio il livello di rappresentanza e di poteri, pur non venendo meno all'accordo che è stato fatto".

+T -T
Dl Irpef: Kompatscher e Rossi incontrano Delrio

(Regioni.it 2487 - 29/04/2014) I presidenti della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, e della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, incontreranno il sottosegretario Graziano Delrio, per discutere in merito alle ricadute economiche conseguenti al Dl sull'Irpef. "Le speciali - ha affermato Kompatscher - rappresentano i 15% dei cittadini e il 12% del pil, ma dovrebbero assumersi il 44% del peso di questa misura".
"Veniamo bastonati tre volte - ha aggiunto  Kompatscher -. Il bonus Irpef, che da noi e' a peso delle due Province autonome, puo' anche andare bene, perche' e' a vantaggio dei cittadini. Ma non e' accettabile che lo Stato voglia inoltre recuperare da noi le minore entrate, che sono gia' a nostro carico, e che preveda un ulteriore taglio per le autonomie speciali".
"Di certo non voteremo questo testo e non sosterremo il governo", ha precisato Kompatscher che si è comunque detto ottimista che "questo errore macroscopico" possa essere corretto.

+T -T
Calabria: Scopelliti si dimette da Presidente

(Regioni.it 2487 - 29/04/2014) Il presidente della regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, ha rassegnato le dimissioni: "Stamattina ho rassegnato le dimissioni" da presidente della Giunta regionale calabrese.
Scopelliti lo ha annunciato nel corso di una conferenza stampa a Catanzaro: "Adesso si avvia una procedura che non dipende da me".
"Ho ritenuto giusto e opportuno - ha spiegato Scopelliti - rassegnare le dimissioni e dare il via all'iter conseguente. Abbiamo mantenuto il nostro stile - ha aggiunto - e abbiamo percorso quella che ritenevamo la strada piu' giusta e corretta dopo tutto quello che è successo".

 
...
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top