Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2491 - mercoledì 7 maggio 2014

Sommario
- Errani convoca la Conferenza delle Regioni per l'8 maggio
- Lusenti: centralismo non è strada migliore per la sanità
- Lorenzin: Patto Salute dopo elezioni
- Legge di stabilità e collegato ambientale: incentivare pratiche virtuose
- Cig: interventi di Aprea, Simoncini, Poletti
- Abruzzo: elezioni regionali il 25 maggio, 4 i candidati alla presidenza

+T -T
Legge di stabilità e collegato ambientale: incentivare pratiche virtuose

Camera: audizione di rappresentanti della Conferenza delle Regioni in Commissione ambiente

(Regioni.it 2491 - 07/05/2014) Claudia Maria Terzi, assessore della Regione Lombardia - intervenuta il 6 maggio in rappresentanza della Conferenza delle Regioni, nel corso di una audizione davanti la commissione Ambiente della Camera sul collegato ambientale alla legge di Stabilità – ha espresso “preoccupazione” rispetto al rischio “che tutti gli sforzi fatti in passato sulla gestione dei rifiuti vengano vanificati o delegittimati da interventi normativi che sembrano andare in direzione opposta all''incentivazione di pratiche virtuose”. Terzi ha quindi posto l''accento, rispetto ai contenuti del ddl, sulla “Rete nazionale degli impianti di incenerimento di rifiuti per cui non ci spieghiamo le finalità se non quella di mettere a rischio le azioni e le scelte politiche coraggiose fatte in passato a vantaggio di altre meno virtuose”.
Il presidente di Federambiente, Filippo Brandolini, e il direttore, Gianluca Cencia, nel corso di un'ulteriore audizione presso la commissione Ambiente della Camera sempre per l'esame del disegno di legge sulla green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (il cosiddetto collegato ambientale alla Legge di stabilità 2014) hanno sostenuto la necessità di istituire un'Autorità nazionale di regolazione per il settore dei rifiuti, creando un fondo di garanzia a supporto degli investimenti nel campo delle opere ambientali e dando vita a un sistema di finanziamento autonomo e certo delle imprese che gestiscono il ciclo integrato dei rifiuti, promuovendo la tariffa puntuale in modo da ottemperare al principio europeo 'chi inquina paga'. Secondo Federambiente occorre favorire norme che premino gli enti locali che avviano processi di aggregazione societaria e spostare il baricentro dell'attenzione dagli obiettivi percentuali di raccolta differenziata a obiettivi percentuali di effettivo riciclaggio dei rifiuti urbani, eventualmente modulandoli sulla base delle diverse specificità territoriali.
“Federambiente- afferma Brandolini- stima che per superare le emergenze in alcune Regioni e chiudere il ciclo integrato con investimenti nella filiera del riciclo (distretti del riciclo, impianti di compostaggio e trattamento della frazione organica)siano necessari investimenti per oltre 7 miliardi. Come e' stato illustrato nel nostro 'Green Book 2014', l'analisi della serie storica degli investimenti registra negli ultimi anni un calo significativo dovuto anche alla mancanza di adeguate forme di finanziamento".


( red / 07.05.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top