Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2498 - venerdì 16 maggio 2014

Sommario
- Jobs act: dalle Regioni parere favorevole "condizionato"
- Garanzia Giovani: un terzo delle adesioni dai portali regionali
- Fondi UE per l'Italia e negoziati in corso
- Unione dei Comuni: proposta delle Regioni alla Conferenza Unificata
- Caldoro su fondi UE e cassa integrazione in deroga
- Associazionismo comunale: tabella risorse concesse dalle regioni nel 2013

Documento della Conferenza delle Regioni del 15 maggio

+T -T
Jobs act: dalle Regioni parere favorevole "condizionato"

Il testo delle proposte emendative

(Regioni.it 2498 - 16/05/2014) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonomeha espresso, nella conferenza Unificata del 15 maggio, un parere favorevole condizionato all’accoglimento di una serie di emendamenti. Le proposte delle Regioni sono contenute in un documento che è stato consegnato al governo nel corso della stesa Conferenza Unificata e pubblicato nella sezione “Conferenze” del sito www.regioni.it. Di seguito si riporta il documento integrale.
Punto 4) O.d.g. Conferenza Unificata
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, esaminato il disegno di legge, esprime parere favorevole condizionato all’accoglimento di tutti gli emendamenti di seguito elencati:
Art. 1 – Delega al Governo in materia di ammortizzatori sociali -
Al comma 1, dopo le parole “di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze”, aggiungere le parole “sentita la Conferenza Stato-Regioni”.
Art. 2 - Delega al Governo in materia di servizi per il lavoro e politiche attive -
Riformulare l’articolo 2 come segue:
Art. 2
Delega al Governo in materia di servizi per il lavoro e politiche attive
1. Allo scopo di garantire la fruizione dei servizi essenziali in materia di politica attiva del lavoro su tutto il territorio nazionale, nonché di assicurare l’esercizio unitario delle relative funzioni amministrative, il Governo è delegato ad adottare, entro sei mesi dall’entrata in vigore della presente legge, su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto, per i profili di rispettiva competenza, con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, ai sensi dell'articolo 3 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 8 comma 6 della legge 5 giugno 2003, n. 131 , uno o più decreti legislativi finalizzati al riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e le politiche attive. In mancanza dell’intesa nel termine di cui all’articolo 3 del citato decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, il Consiglio dei ministri provvede con deliberazione motivata ai sensi del medesimo articolo 3.
2. Nell'esercizio della delega di cui al comma 1, il Governo si attiene ai seguenti principi e criteri direttivi:
a) razionalizzazione degli incentivi statali all’assunzione esistenti, da collegare alle caratteristiche osservabili per le quali l’analisi statistica evidenzi una minore probabilità di trovare occupazione;
b) razionalizzazione degli incentivi statali per l’autoimpiego ed autoimprenditorialità, con la previsione di una cornice giuridica nazionale volta a costituire il punto di riferimento anche per gli interventi posti in essere da regioni e province autonome;
c) istituzione, ai sensi dell’articolo 8 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, realizzazione di un sistema nazionale del lavoro articolato su Agenzie regionali, istituite dalle Regioni, e su di una Agenzia nazionale per l’occupazione, d’ora in poi Agenzia nazionale, istituita  ai sensi dell’articolo 8 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300,  partecipata da Stato, Regioni e Province autonome, vigilata dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, al cui funzionamento si provveda con le risorse umane e strumentali già disponibili a legislazione vigente.
d) mantenimento e attribuzione in capo alle Regioni e Province autonome delle competenze in materia di programmazione, organizzazione e gestione delle politiche attive del lavoro, della cooperazione territoriale tra i servizi pubblici e i servizi privati, collocamento e incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro e attuazione degli interventi in materia di occupazione nei confronti dei cittadini;
d) e) coinvolgimento delle parti sociali nella definizione delle linee di indirizzo generali dell’azione dell’Agenzia del sistema nazionale del lavoro;
e) f) attribuzione all’Agenzia nazionaledelle competenze gestionali in materia di servizi per l'impiego, politiche attive e di ASpI; in materia di implementazione e attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni sul territorio nazionale in raccordo con le Regioni; definizione degli standard informativi nazionali del sistema informatico federato; definizione e realizzazione del sistema di monitoraggio dei livelli essenziali delle prestazioni; valutazione del grado di attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni, con la possibilità di agire in sussidiarietà qualora questi non siano assicurati; coordinamento delle agenzie regionali; proposta di progetti speciali di politiche attive del lavoro per implementare gli standard di qualità dei servizi.
f) g) attribuzione alle Agenzie regionali, nel quadro della programmazione regionale, delle competenze in materia di organizzazione e gestione dei servizi per il lavoro e degli interventi sul  territorio, in un’ottica di collaborazione tra pubblico e privato, con riunificazione nel sistema regionale dei servizi delle funzioni autorizzatorie in materia di prestazioni di disoccupazione e delle competenze in materia di politiche attive, ferma restando la facoltà per le Regioni diadottare proprie soluzioni organizzative;
f) h) razionalizzazione degli enti ed uffici che, anche all’interno del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, delle regioni e delle province, operano in materia di politiche attive del lavoro, servizi per l’impiego e ammortizzatori sociali, allo scopo di evitare sovrapposizioni e di consentire l’invarianza di spesa, mediante l’utilizzo delle risorse umane e strumentali già disponibili a legislazione vigente;
g) i) possibilità di far confluire nei ruoli delle amministrazioni vigilanti o dell’Agenzia nazionale il personale proveniente dalle amministrazioni o uffici soppressi o riorganizzati in attuazione della lettera f) h) nonché di altre amministrazioni;
h) l) rafforzamento delle funzioni di monitoraggio e valutazione delle politiche e dei servizi;
i)valorizzazione delle sinergie tra servizi pubblici e privati, al fine di rafforzare le capacità d'incontro tra domanda e offerta di lavoro, prevedendo, a tal fine, la definizione dei criteri per l'accreditamento e l’autorizzazione dei soggetti che operano sul mercato del lavoro e la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni nei servizi pubblici per l'impiego;
l) m) introduzione di modelli sperimentali, che prevedano l’utilizzo di strumenti per incentivare il collocamento dei soggetti in cerca di lavoro e che tengano anche conto delle esperienze più significative realizzate a livello regionale;
m) n) previsione di meccanismi di raccordo tra l’Agenzia nazionale, le Agenzie regionali e l’Inps, sia a livello centrale che a livello territoriale;
n) o) previsione di meccanismi di raccordo tra l’Agenzia nazionale, le Agenzie regionali e gli enti che, a livello centrale e territoriale, esercitano competenze in materia di incentivi all’auto impiego e all’autoimprenditorialità;
o) p) mantenimento in capo al Ministero del lavoro e delle politiche sociali delle competenze in materia di definizione dei livelli essenziali delle prestazioni che devono essere garantite su tutto il territorio nazionale previa definizione della relativa copertura finanziaria, nonché dei costi standard;
q) individuazione condivisa con le Regioni degli standard per il funzionamento dei servizi per il lavoro, comprensivi del personale preposto e delle risorse finanziarie necessarie, e delle regole attraverso le quali risorse finanziarie e risorse umane delle Province saranno trasferite;
p) mantenimento in capo alle Regioni e Province autonome delle competenze in materia di programmazione
q) r) attivazione del soggetto che cerca lavoro, in quanto mai occupato, espulso o beneficiario di ammortizzatori sociali, al fine di incentivarne la ricerca attiva di una nuova occupazione, secondo percorsi personalizzati, anche mediante l’adozione di strumenti di segmentazione dell’utenza basati sull’osservazione statistica;
r) s) valorizzazione del sistema informativo per la gestione del mercato del lavoro e il monitoraggio delle prestazioni erogate;
s) t) completamento della semplificazione amministrativa in materia di lavoro e politiche attive, con l’ausilio delle tecnologie informatiche, allo scopo di reindirizzare l’azione dei servizi pubblici nella gestione delle politiche attive.
Art. 3 - Delega al Governo in materia di semplificazione delle procedure e degli adempimenti -
All’articolo 3,comma 2 lettera g) dopo le parolein materia di libretto formativo del cittadino”, aggiungere le parole “previa intesa in sede di Conferenza Stato-Regioni”.
Art. 6 – Disposizioni comuni per l’esercizio delle deleghe di cui agli articoli da 1 a 5 -
Riformulare il primo periodo del comma 3 nel seguente modo: “Dall’attuazione delle deleghe recate dagli articoli 1, 3, 4 e 5 dalla della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”.
Aggiungere il seguente comma 5:
5. Sono fatte salve le potestà attribuite alle Regioni a statuto speciale ed alle Province autonome di Bolzano e di Trento dai rispettivi statuti speciali e dalle relative norme di attuazione, le competenze delegate in materia di lavoro e quelle comunque riconducibili agli articoli 2 e 10 della legge costituzionale 18 ottobre 2001 n. 3.
Si allega un documento recante le osservazioni e le motivazioni agli emendamenti proposti.
Roma, 15 maggio 2014
Allegato
Disegno di legge delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità e alla conciliazione (A.S. 1428)
 
Osservazioni e proposte di emendamento delle Regioni e P.A.
Considerando che il provvedimento, a legislazione vigente, interviene su ambiti nevralgici e centrali delle competenze regionali, in alcuni casi con manifesti profili di invasività, si ritiene che l’accoglimento delle proposte di emendamento sia condizionante per la formulazione di un parere favorevole da parte delle Regioni in sede di Conferenza Unificata.
In via preliminare, si osserva che il testo proposto, nel voler perseguire l’obiettivo di un sistema di intervento uniforme sul territorio nazionale, ripropone di fatto uno schema di separazione che con il D.Lgs. 469/1997 si voleva superare, in quanto per anni si è sostenuto che la mancata integrazione tra le politiche attive, di cui la formazione è una componente essenziale, e le funzioni di incrocio tra domanda e offerta di lavoro rappresenta una delle cause principali dell’inefficacia del collocamento pubblico. Pertanto, le competenze in materia di politiche attive e di gestione del mercato del lavoro non possono che essere riunificate nelle Regioni e Province autonome quale unico soggetto istituzionale capace di dare risposta alle diverse esigenze territoriali.
Le Regioni e Province autonome ribadiscono, inoltre, la contrarietà ad una modifica del Titolo V che preveda competenza esclusivamente statale della disciplina del lavoro, come già affermato nel documento della Conferenza delle Regioni e delle province Autonome sulla Bozza di DDL costituzionale del 12 marzo 2014. Deve essere, quindi, affermato il principio secondo cui le funzioni assegnate per delega alle Regioni in materia di mercato del lavoro e politiche attive debbano essere ad esse  attribuite in modo più conforme ed orientato al dettato costituzionale.
Sul piano metodologico, sono state inseriti nel documento dei box di approfondimento recanti le osservazioni generali sull’articolato e le proposte di emendamento; rispetto a queste ultime sono state inserite, rispettivamente, in “barrato” le richieste di eliminazione e in “grassetto corsivo” le richieste di integrazione al testo.
Art. 1 – Delega al Governo in materia di ammortizzatori sociali

Osservazioni

Si rileva come a legislazione vigente gli ammortizzatori sociali non rientrino nelle competenze istituzionali delle Regioni, fermo restando che le Regioni hanno esercitato per delega competenze amministrative su tale materia ed hanno espresso la necessità di una riforma dell’attuale sistema degli ammortizzatori sociali in chiave universalistica, al fine di garantire una eguale copertura a tutti i lavoratori sul territorio. Vista la rilevanza della materia e il ruolo svolto dalle Regioni nel governo degli ammortizzatori sociali in deroga, si rileva l’opportunità che nell’articolo 1 si inserisca la previsione di un coinvolgimento delle Regioni attraverso l’espressione di un parere.
Alla luce di tali considerazioni, sull’articolo 1 si esprime una valutazione positiva poiché si prevede una riforma normativa che di fatto supera lo strumento della deroga, con la volontà dichiarata di allargare le tutele e individuando forme di sostenibilità finanziaria del sistema.

 

Proposta di emendamento

Art. 1 – Delega al Governo in materia di ammortizzatori sociali -

Al comma 1 dopo le parole “di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze” aggiungere le parole “sentita la Conferenza Stato-Regioni”.


Art. 2 -  Delega al Governo in materia di servizi per il lavoro e politiche attive

Proposta di emendamento: Art. 2

Delega al Governo in materia di servizi per il lavoro e politiche attive

1. Allo scopo di garantire la fruizione dei servizi essenziali in materia di politica attiva del lavoro su tutto il territorio nazionale, nonché di assicurare l’esercizio unitario delle relative funzioni amministrative, il Governo è delegato ad adottare, entro sei mesi dall’entrata in vigore della presente legge, su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto, per i profili di rispettiva competenza, con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, ai sensi dell'articolo 3 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 8 comma 6 della legge 5 giugno 2003, n. 131 , uno o più decreti legislativi finalizzati al riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e le politiche attive. In mancanza dell’intesa nel termine di cui all’articolo 3 del citato decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, il Consiglio dei ministri provvede con deliberazione motivata ai sensi del medesimo articolo 3.
2. Nell'esercizio della delega di cui al comma 1, il Governo si attiene ai seguenti principi e criteri direttivi:
a) razionalizzazione degli incentivi statali all’assunzione esistenti, da collegare alle caratteristiche osservabili per le quali l’analisi statistica evidenzi una minore probabilità di trovare occupazione;
b) razionalizzazione degli incentivi statali per l’autoimpiego ed autoimprenditorialità, con la previsione di una cornice giuridica nazionale volta a costituire il punto di riferimento anche per gli interventi posti in essere da regioni e province autonome;
c) istituzione, ai sensi dell’articolo 8 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, realizzazione di un sistema nazionale del lavoro articolato su Agenzie regionali, istituite dalle Regioni, e su di una Agenzia nazionale per l’occupazione, d’ora in poi Agenzia nazionale, istituita  ai sensi dell’articolo 8 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300,  partecipata da Stato, Regioni e Province autonome, vigilata dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, al cui funzionamento si provveda con le risorse umane e strumentali già disponibili a legislazione vigente.
d) mantenimento e attribuzione in capo alle Regioni e Province autonome delle competenze in materia di programmazione, organizzazione e gestione delle politiche attive del lavoro, della cooperazione territoriale tra i servizi pubblici e i servizi privati, collocamento e incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro e attuazione degli interventi in materia di occupazione nei confronti dei cittadini;
d) e) coinvolgimento delle parti sociali nella definizione delle linee di indirizzo generali dell’azione dell’Agenzia del sistema nazionale del lavoro;
e) f) attribuzione all’Agenzia nazionaledelle competenze gestionali in materia di servizi per l'impiego, politiche attive e di ASpI; in materia di implementazione e attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni sul territorio nazionale in raccordo con le Regioni; definizione degli standard informativi nazionali del sistema informatico federato; definizione e realizzazione del sistema di monitoraggio dei livelli essenziali delle prestazioni; valutazione del grado di attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni, con la possibilità di agire in sussidiarietà qualora questi non siano assicurati; coordinamento delle agenzie regionali; proposta di progetti speciali di politiche attive del lavoro per implementare gli standard di qualità dei servizi.
f) g) attribuzione alle Agenzie regionali, nel quadro della programmazione regionale, delle competenze in materia di organizzazione e gestione dei servizi per il lavoro e degli interventi sul  territorio, in un’ottica di collaborazione tra pubblico e privato, con riunificazione nel sistema regionale dei servizi delle funzioni autorizzatorie in materia di prestazioni di disoccupazione e delle competenze in materia di politiche attive, ferma restando la facoltà per le Regioni di adottare proprie soluzioni organizzative;
f) h) razionalizzazione degli enti ed uffici che, anche all’interno del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, delle regioni e delle province, operano in materia di politiche attive del lavoro, servizi per l’impiego e ammortizzatori sociali, allo scopo di evitare sovrapposizioni e di consentire l’invarianza di spesa, mediante l’utilizzo delle risorse umane e strumentali già disponibili a legislazione vigente;
g) i) possibilità di far confluire nei ruoli delle amministrazioni vigilanti o dell’Agenzia nazionale il personale proveniente dalle amministrazioni o uffici soppressi o riorganizzati in attuazione della lettera f) h) nonché di altre amministrazioni;
h) l) rafforzamento delle funzioni di monitoraggio e valutazione delle politiche e dei servizi;
i)valorizzazione delle sinergie tra servizi pubblici e privati, al fine di rafforzare le capacità d'incontro tra domanda e offerta di lavoro, prevedendo, a tal fine, la definizione dei criteri per l'accreditamento e l’autorizzazione dei soggetti che operano sul mercato del lavoro e la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni nei servizi pubblici per l'impiego;
l) m) introduzione di modelli sperimentali, che prevedano l’utilizzo di strumenti per incentivare il collocamento dei soggetti in cerca di lavoro e che tengano anche conto delle esperienze più significative realizzate a livello regionale;
m) n) previsione di meccanismi di raccordo tra l’Agenzia nazionale, le Agenzie regionali e l’Inps, sia a livello centrale che a livello territoriale;
n) o) previsione di meccanismi di raccordo tra l’Agenzia nazionale, le Agenzie regionali e gli enti che, a livello centrale e territoriale, esercitano competenze in materia di incentivi all’auto impiego e all’autoimprenditorialità;
o) p) mantenimento in capo al Ministero del lavoro e delle politiche sociali delle competenze in materia di definizione dei livelli essenziali delle prestazioni che devono essere garantite su tutto il territorio nazionale previa definizione della relativa copertura finanziaria, nonché dei costi standard;
q) individuazione condivisa con le Regioni degli standard per il funzionamento dei servizi per il lavoro, comprensivi del personale preposto e delle risorse finanziarie necessarie, e delle regole attraverso le quali risorse finanziarie e risorse umane delle Province saranno trasferite;
p) mantenimento in capo alle Regioni e Province autonome delle competenze in materia di programmazione
q) r) attivazione del soggetto che cerca lavoro, in quanto mai occupato, espulso o beneficiario di ammortizzatori sociali, al fine di incentivarne la ricerca attiva di una nuova occupazione, secondo percorsi personalizzati, anche mediante l’adozione di strumenti di segmentazione dell’utenza basati sull’osservazione statistica;
r) s) valorizzazione del sistema informativo per la gestione del mercato del lavoro e il monitoraggio delle prestazioni erogate;
s) t) completamento della semplificazione amministrativa in materia di lavoro e politiche attive, con l’ausilio delle tecnologie informatiche, allo scopo di reindirizzare l’azione dei servizi pubblici nella gestione delle politiche attive.

Art. 3 - Delega al Governo in materia di semplificazione delle procedure e degli adempimenti

Osservazioni

Il comma 2, lettera g) prevede la revisione degli adempimenti in materia di libretto formativo del cittadino, in un’ottica di integrazione con la dorsale informativa di cui alla legge 92/2012 e con la banca dati delle politiche attive e passive di cui al DL 76/2013. Posto che andrebbe chiarito come si intenda declinare tale principio, si ritiene necessario prevedere una specifica intesa con le Regioni e P.A., a salvaguardia delle competenze in materia di formazione e considerando che sul tema era intervenuta l’Intesa in Conferenza Unificata del 14 luglio 2005.


Proposte di emendamento
Art. 3
Delega al Governo in materia di semplificazione delle procedure e degli adempimenti
(Omissis)
2. Nell’esercizio della delega di cui al comma 1, il Governo si attiene ai seguenti principi e criteri direttivi:
(Omissis)
g) revisione degli adempimenti in materia di libretto formativo del cittadino, previa intesa in sede di Conferenza Stato-Regioni, in un’ottica di integrazione nell’ambito della dorsale informativa di cui all’articolo 4, comma 51, della legge 28 giugno 2012, n. 92 e della banca dati delle politiche attive e passive del lavoro di cui all’articolo 8 del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99.

 
Art. 4 - Delega al Governo in materia di riordino delle forme contrattuali

Osservazioni

Con riferimento a quanto disposto nelle lettere a) e b) si ravvedono profili di interesse per le Regioni laddove si prevede l’analisi delle forme contrattuali esistenti ai fini dell’attività di valutazione in coerenza con il tessuto occupazionale e l’individuazione di nuove forme contrattuali per favorire l’inserimento lavorativo.

 

Art. 6 – Disposizioni comuni per l’esercizio delle deleghe di cui agli articoli da 1 a 5

Osservazioni

Con riferimento al comma 3, si rileva che prevedere   a monte il vincolo dell’invarianza della spesa anche in relazione ai   significativi interventi di riordino dei servizi per il lavoro contenuti   nell’articolo 2 risulta inopportuno, tanto più in un contesto di riforma del   mercato del lavoro che vede il nostro Paese collocarsi agli ultimi posti per   lo scarso investimento di risorse finalizzate al potenziamento e alla   qualificazione dei servizi occupazionali e alle politiche attive.
Si propone   pertanto l’eliminazione di tale vincolo in relazione all’articolo 2.


Proposte di emendamento

Art. 6 (Disposizioni comuni per l’esercizio delle deleghe di cui agli articoli da 1 a 5)

1. I decreti di cui agli articoli 1, 2, 3, 4 e 5 della presente legge sono adottati nel rispetto della procedura di cui all’articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali.
2. Gli schemi dei decreti legislativi, a seguito di deliberazione preliminare del Consiglio dei Ministri, sono trasmessi alla Camera dei deputati ed al Senato della Repubblica perché su di essi siano espressi, entro trenta giorni dalla data di trasmissione, i pareri delle rispettive Commissioni competenti per materia e per i profili finanziari. Decorso tale termine, i decreti sono emanati anche in mancanza dei pareri. Qualora il termine per l’espressione dei pareri parlamentari di cui al presente comma scada nei trenta giorni che precedono la scadenza dei termini previsti al comma 1 degli articoli 1, 2, 3, 4 e 5 ovvero al comma 3 del presente articolo, questi ultimi sono prorogati di tre mesi.
3. Dall’attuazione delle deleghe recate dagli articoli 1, 2, 3, 4 e 5 dalla della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. A tale fine, per gli adempimenti dei decreti attuativi della presente delega, le amministrazioni competenti provvedono attraverso una diversa allocazione delle ordinarie risorse umane, strumentali ed economiche, allo stato in dotazione alle medesime amministrazioni.
4. Entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore dei decreti di cui al comma 1, nel rispetto dei princìpi e criteri direttivi fissati dalla presente legge, il Governo può adottare, attraverso la medesima procedura di cui al comma 2, disposizioni integrative e correttive dei decreti medesimi, tenuto conto delle evidenze attuative nel frattempo evidenziatesi.
5. Sono fatte salve le potestà attribuite alle Regioni a statuto speciale ed alle Province autonome di Bolzano e di Trento dai rispettivi statuti speciali e dalle relative norme di attuazione, le competenze delegate in materia di lavoro e quelle comunque riconducibili agli articoli 2 e 10 della legge costituzionale 18 ottobre 2001 n. 3. 


[1] L’Agenzie regionali, in qualità di organismi a carattere tecnico-operativo, non hanno funzioni di programmazione che restano di esclusiva competenza delle Regioni (come peraltro ribadito all’art. 2, comma 1, lettera  d).

Documento Approvato - Jobs Act, DDL SU RIFORMA AMMORTIZZATORI SOCIALI E SERVIZI PER IL LAVORO E POLITICHE ATTIVE: EMENDAMENTI



( sm / 16.05.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top