Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2508 - venerdì 30 maggio 2014

Sommario
- Bankitalia: Relazione annuale 2013
- Efficienza energetica: il parere delle Regioni e dei Comuni sul Decreto
- Friuli Venezia Giulia: si rinnova il sito della Presidente Serracchiani
- Strategia europea per il turismo costiero: chiesta l'Intesa in Stato-Regioni
- Sicilia: Crocetta su costi della politica regionale
- Coletto e Ciambetti su indennizzi per danni ad emotrasfusi

+T -T
Sicilia: Crocetta su costi della politica regionale

(Regioni.it 2508 - 30/05/2014) “Su stipendi e pensioni d'oro all'Ars non si può giocare”. Il presidente della regione Sicilia, Rosario Crocetta, interviene sulla questione dei costi della politica, e in particolare sugli stipendi dei burocrati dell’Assemblea regionale siciliana.
 “Mentre si e' provveduto a diminuire giustamente i compensi ai parlamentari - osserva Crocetta - l'Ars continua ad avere al proprio interno burocrati che costano 4-5 volte l'anno lo stipendio di un deputato, offuscando la grande azione di risanamento che stiamo facendo e l'immagine di una Regione che sta  mettendo in ordine i conti, come attesta il riconoscimento del patto di stabilita' dallo Stato per il 2013 e lo stesso bilancio consuntivo”.
"Stabilire oggi un tetto piu' alto per i burocrati dell'Ars rispetto a quelli dell'amministrazione regionale – sostiene  Crocetta - e' un palese atto di ingiustizia".
Crocetta quindi aggiunge: “Ci si appella persino alla violazione dell'Autonomia, invocando l'equiparazione al Senato. Ma l'Autonomia non e'  una carta bianca per riconoscere privilegi e parassitismi, si esercita nell'ambito di un quadro costituzionale che ci obbliga, non solo a tenere in ordine i conti, ma soprattutto ad assicurare solidarieta' nei confronti dei soggetti piu' deboli".
Secondo Crocetta "160 mila euro sono una cifra gia' pazzesca, le retribuzioni dell'Ars non possono essere le piu' alte d'Europa mentre la Sicilia e' tra le regioni piu' povere d'Europa. Quale Autonomia si invoca, quella dei privilegi?".  
"L'articolo al quale ci si appella non è a difesa dei  corporativismi ma difende il Parlamento nel senso che lo “Stato” non  può stabilire un tetto più basso per i dipendenti delle regioni  rispetto a quello stabilito a livello nazionale. Solo che l'esercizio  dell'Autonomia è affidata al Parlamento, il legislatore non ha  stabilito nessun privilegio a favore di caste o gruppi, ma ha dato  alla Regione la potestà in materia di trattamento del personale.
Quindi è vero che lo Stato non può stabilire tetti più bassi per i  dipendenti delle regioni rispetto a quello stabilito a livello  nazionale, ma è anche vero che la Regione nella sua autonomia, in relazione alle compatibilità economiche, non solo lo può fare ma lo  deve fare per risanare i conti e trattare tutti con equità e  giustizia. Stabilire oggi un tetto più alto per i burocrati dell'Ars rispetto a quelli dell'amministrazione regionale è un palese atto di  ingiustizia”.
 
 


( Giuseppe Schifini / 30.05.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top