Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2569 - mercoledì 24 settembre 2014

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 25 settembre
- Chiamparino su articolo 18, politiche industriali e fondi europei
- Ministri Salute UE: Ebola, prevenzione tumori e cure palliative
- Rossi scrive a Renzi e propone riforma protezione civile
- Tesauro: eterologa deve entrare nel servizio sanitario
- Eterologa: Coletto, Regioni lavorano su ticket unico

+T -T
Ministri Salute UE: Ebola, prevenzione tumori e cure palliative

Lorenzin: servono campagne di comunicazione e sensibilizzazione

(Regioni.it 2569 - 24/09/2014) Per le cure palliative serve una rete europea così come per contrastare il virus Ebola servono più risorse. Sono alcune delle indicazioni pervenute dal Consiglio europeo dei ministri della Salute che si è svolto a Milano.
La Commissione Europea come la maggior parte dei Paesi membri “ritengono di fondamentale importanza la creazione di una rete europea per le cure palliative e la terapia del dolore incentrata principalmente nell'ambito di un maggiore impegno riguardo la formazione dei professionisti, lo scambio di informazioni  reciproche soprattutto relative alle migliori pratiche, allo sviluppo dei network”.
In particolare è stato ancora sottolineato al termine della riunione che "purtroppo risulta ancora poco sviluppata a livello dei singoli Paesi membri lo sviluppo della rete pediatrica di cure palliative e terapia del dolore; lo sviluppo nell'uso dei farmaci dedicati alla terapia del dolore, specialmente oppiodi, risulta crescente soprattutto nei Paesi del sud Europa. E' auspicabile lo sviluppo di cure palliative e terapia del dolore anche per altre fasce fragili di popolazione quali i pazienti anziani".
Inoltre il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha presentato nella conferenza stampa conclusiva del Consiglio Informale dei Ministri della Salute dell’UE le conclusioni sulla sessione “Stili di vita e prevenzione dei tumori”.
Bisogna cercare di “contenere l’impatto dei tumori – ha sottolineato Lorenzin - riducendone l’insorgenza attraverso interventi di prevenzione primaria e secondaria; è infatti stimato che circa un terzo di tutte le forme di cancro potrebbe essere prevenuto modificando o eliminando i fattori di rischio quali il fumo, l’obesità e il sovrappeso, l’inadeguato consumo di frutta e verdura, l’eccessivo consumo di sale, grassi, zucchero, alcol e l’inattività fisica”.
Lorenzin ha anche sottolineato come “l’escalation” dei prezzi dei farmaci, come nel caso di quelli per epatite C, mette a dura prova la sostenibilità economica della spesa sanitaria dei Paesi, quindi tutti i Paesi concordano sulla necessità di cooperazione, di strategie comuni e di scambi di informazioni tra Paesi”. Quindi il ministro della Salute aggiunge: “Tutti vogliamo, comunque, evitare “l’escalation” dei prezzi con strategie comuni per garantire la sostenibilità economica dei servizi sanitari degli Stati membri e migliorare, velocizzare e garantire l’accesso dei pazienti europei ai farmaci innovativi”.
“Il rischio ebola in Europa rimane basso - ha detto il Commissario europeo per la Salute Tonio Borg - ma nonostante tutto dobbiamo rimanere vigili, e non abbassare la guardia”. Borg ha ricordato che “in totale l'Ue ha già stanziato 150 milioni di euro per progetti d'intervento rivolti all'Africa”. E anche l'Italia ''sta facendo la sua parte'', ha affermato il ministro della salute Beatrice Lorenzin.
Inoltre l’Europa avrà anche come obiettivo quello di “abbattere il numero dei malati di tumore del 15 per cento entro il 2020”: traguardo ambizioso ma non troppo, dato che "negli ultimi 10 anni sono calati, secondo le stime, del 10 per cento”, ha dichiarato sempre il Commissario europeo per la salute Tonio Borg.
C’è anche l'obiettivo di "ridurre il numero dei fumatori europei del 2% in cinque anni, pari a 2,4 milioni di fumatori". Un problema sempre più urgente, dato che ogni anno in Europa muoiono per colpa del fumo "700mila persone, come se sparisse di colpo la popolazione di Palermo, o di Francoforte". Per raggiungere l'obiettivo, ha sostenuto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, "da una parte dobbiamo informare la nostra popolazione, che non deve avere paura di sottoporsi agli screening; e dall'altra parte è la prevenzione primaria è la vera arma per combattere le malattie croniche non trasmissibili: ad esempio con gli stili di vita, e con una corretta alimentazione fin dall'infanzia".
Tra le iniziative messe in campo dall'Ue c'è la direttiva anti-fumo: “il pacchetto delle sigarette sarà  molto 'respingente' ", in modo da dissuadere il più possibile il vizio, "Dobbiamo disincentivare il fumo soprattutto tra i giovanissimi: fumare non è una cosa che fa moda, non ti fa crescere, quindi bisogna stigmatizzare questi comportamenti". Sempre nella direttiva saranno vietati i 'sapori alternativi' delle sigarette, come vaniglia o menta. "Nel nostro paese non è già possibile, ma ora anche negli altri paesi Ue verranno eliminati tutti gli aromi e anche tutte le forme di pubblicità ingannevole che possano attrarre i consumatori giovani".
La prevenzione dei tumori è una delle grandi battaglie che si sta combattendo: e le armi “indispensabili sono le campagne di comunicazione e la sensibilizzazione continua dell'opinione pubblica”, ha spiegato Lorenzin.
“La prevenzione ci permette di risparmiare almeno dieci volte quello che viene investito, come si è visto in Italia quando abbiamo introdotto lo screening per il papilloma virus, per il tumore al seno e per quello al colon retto. Grazie alla prevenzione si può guarire meglio, e c'è una percentuale di intercettazione della malattia molto più grande”.

                                                                                                                              

[MINISTERO DELLA SALUTE] - CONCLUSIONI SESSIONE STILI DI VITA E PREVENZIONE DEI TUMORI - 23.09.2014      

[MINISTERO DELLA SALUTE] - CONCLUSIONI SESSIONE EBOLA - 23.09.2014     

[MINISTERO DELLA SALUTE] - CONCLUSIONI SESSIONE SU INNOVAZIONE TERAPEUTICA IN FAVORE DEI PAZIENTI - 23.09.2014 

[MINISTERO DELLA SALUTE] - CONCLUSIONI SESSIONE CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE - 23.09.2014

 

 



( Giuseppe Schifini / 24.09.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top