Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2569 - mercoledì 24 settembre 2014

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 25 settembre
- Chiamparino su articolo 18, politiche industriali e fondi europei
- Ministri Salute UE: Ebola, prevenzione tumori e cure palliative
- Rossi scrive a Renzi e propone riforma protezione civile
- Tesauro: eterologa deve entrare nel servizio sanitario
- Eterologa: Coletto, Regioni lavorano su ticket unico

+T -T
Tesauro: eterologa deve entrare nel servizio sanitario

(Regioni.it 2569 - 24/09/2014) Il presidente della Corte Costituzionale, Giuseppe Tesauro (in un'intervista al portale tematico di Giuffrè Editore www.giustiziacivile.com) ha affermato che la fecondazione eterologa assistita “deve entrare nella normalità anche sotto il profilo dell'assistenza dello Stato e del Servizio sanitario nazionale, in modo da non lasciare una cosa così delicata e importante agli aspetti economici e mercantili. Questa non è una materia da mercato. Lo Stato si prenda questa responsabilità, come si è preso quella della Legge 40
“Il punto più rilevante” della sentenza della Consulta sull'eterologa “è l'attenzione al diritto alla salute della coppia e al diritto alla libertà di scegliere un rimedio e una strada diversa da quella che è impossibile percorrere perchè il presupposto dell'eterologa attualmente è che la coppia sia assolutamente sterile o infertile. Noi avevamo puntato sulla libertà della coppia di formarsi una famiglia anche con figli, perché questo ha che fare con la salute psichica della coppia. Difatti - aggiunge Tesauro - nella sentenza non si parla mai di diritto di procreare, perché non avrebbe senso e per una coppia infertile sarebbe quasi una presa in giro. Ma si parla di diritto ad avere una famiglia e arricchirla con la presenza di figli”.  “La libertà e l'esercizio della libertà di autodeterminarsi per la formazione di una famiglia arricchendola con dei figli è una libertà che non si può assolutamente limitare o annullare”, prosegue il presidente della Corte Costituzionale, ricordando tra l'altro “queste storie di andare all'esterno con questo mercimonio pazzesco”.
“Non dimentichiamo che la Legge 40 era una legge con tante cose e questo" dell'eterologa "era un righino, mezzo rigo, che è stato eliminato chirurgicamente dalla Corte Costituzionale. Tutto il resto sta lì. Adesso c'è molta fantasia: 'Ci vuole una legge o non ci vuole?' Certo, il Parlamento è liberissimo, inutile che lo stia a sottolineare, di fare una altra Legge 40, di integrarla migliorandola ovviamente. Il pericolo è di peggiorarla. Stiamoci attenti”, conclude Tesauro.
 
 
 


( red / 24.09.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top