Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2575 - giovedì 2 ottobre 2014

Sommario
- Padoan: "margini di efficienza dappertutto, sanità inclusa"
- Barroso: rispettare impegni per il bilancio 2014
- Caldoro: bene Galletti su articolo 35 "Sblocca Italia"
- Zaia: no a qualsiasi ipotesi di rifiuti indistinti da altre Regioni
- Delrio: fondi UE, sviluppare diversamente nostra strategia
- Difensore civico: la situazione nelle Regioni

+T -T
Padoan: "margini di efficienza dappertutto, sanità inclusa"

Lorenzin: insieme alle Regioni inaugurata nuova fase della spending che porterà risultati

(Regioni.it 2575 - 02/10/2014) ''Non esistono settori” che possono migliorare la spesa pubblica: ''margini di efficienza si possono trovare dappertutto, sanità inclusa''. Così il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan in un’intervista pubblicata dal quotidiano 'Il Foglio' sui tagli di spesa. “In prima istanza il taglio non lineare è preferibile. Poi però, se nulla si muove, si interverrà così”.
Il Ministro della salute, Beatrice Lorenzin, in una dichiarazione rilasciata all’Ansa, dimostrandosi d'accordo con quanto affermato dal ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, al quotidiano 'Il Foglio', sottolinea di essere stata “la prima, non appena verificati i conti, a sostenere che nella sanità ci sono molti margini di risparmio”. “Su questa certezza - rileva il ministro - abbiamo lavorato insieme alle Regioni inaugurando una nuova fase della spending, che porterà risultati in termini di efficienza, qualità delle prestazioni e risparmio; responsabilizzando chi ha in mano la capacità di spesa e dunque eliminando gli sprechi.
Da questo punto di vista il Patto della salute è un vero impegno''. E se ''dovesse venire meno, allora - conclude Lorenzin - ha ragione Padoan a sancire il fallimento del ruolo della capacità di realizzare una spending interna da parte delle Regioni”.
"Sono d'accordo con il ministro dell'Economia quando afferma che vi sono margini ...

Lettera alla presidenza italiana del Consiglio Ue

+T -T
Barroso: rispettare impegni per il bilancio 2014

(Regioni.it 2575 - 02/10/2014) Appello del Presidente della  Commissione Ue, José Manuel Barroso, al Consiglio perché “dimostri la leadership necessaria per assumere nelle prossime settimane una decisione sul bilancio che rispetti il nostro accordo politico che ha  concluso i negoziati sul quadro finanziario 2014-2020”. Così Barroso  in una lettera alla presidenza italiana del Consiglio Ue avverte dei rischi legati al mancato rispetto degli impegni di pagamento per i programmi previsti dal bilancio Ue per il 2014.
L'esecutivo Ue ha proposto di aumentare di 4,7 miliardi di euro i  pagamenti per il bilancio 2014 per colmare la mancanza di fondi per  alcuni progetti e per imprevisti, Alcuni di questi sono legati a eventi negativi come l'instabilità di alcuni paesi confinanti, altri invece derivano da fatti positivi come l'attuazione maggiore del previsto della politica di coesione.
Barroso avverte che “se non ci sarà ...

+T -T
Caldoro: bene Galletti su articolo 35 "Sblocca Italia"

(Regioni.it 2575 - 02/10/2014) “Condivido la posizione del ministro Galletti sull'articolo 35 dello Sblocca Italia e sono certo che le Regioni sapranno trovare una sintesi ragionevole”. E’ intervenuto il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, in merito al decreto legge “Sblocca Italia”, che in uno dei suoi articoli prevede la messa in rete nazionale di inceneritori e termovalorizzatori.
Il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti (cfr Regioni.it 2574) aveva sostenuto che in alcune Regioni, la Campania in particolare, permaneva un problema serio di rifiuti e quindi "abbiamo una procedura di infrazione molto avanzata", e pertanto chi non vuole  trasferimenti da altre Regioni deve offrire anche una soluzione.
“Ci sono temi - afferma Caldoro - che non si possono regionalizzare o provincializzare”. Il presidente della Regione Campania, e vicepresidente della Conferenza delle Regioni, sottolinea come “l'utilizzo dei rifiuti ...

+T -T
Zaia: no a qualsiasi ipotesi di rifiuti indistinti da altre Regioni

Terzi (Lombardia): articolo sia stralciato dallo 'Sblocca Italia'

(Regioni.it 2575 - 02/10/2014) “Ribadisco il mio no”.  Il Veneto “non è più disposto a pagare per le carenze di altri”. Così il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, conferma di essere contrario a qualsiasi ipotesi di mobilità interregionale dei rifiuti. Il riferimento è il decreto legge "Sblocca Italia", che prevede la realizzazione della Rete Nazionale degli Inceneritori.
Zaia si dice contrario “a qualsiasi ipotesi di arrivo di rifiuti indistinti da altre regioni. E’ un no chiaro, netto e ampiamente motivato. Lo è stato in passato a fronte di altre analoghe ipotesi, lo è anche oggi”.
“Questa bella pensata – afferma Zaia – sarebbe l’ennesimo schiaffo ai virtuosi e un immeritatissimo ennesimo regalo a chi non ha saputo o voluto affrontare con raziocinio un problema come quello dei rifiuti, che non è certo un’emergenza nata ieri ma, purtroppo, la regola in ...

+T -T
Delrio: fondi UE, sviluppare diversamente nostra strategia

Caldoro: serve manovrabilità fiscale

(Regioni.it 2575 - 02/10/2014) Un miliardo al mese da spendere. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, ha ripreso il tema del buon utilizzo dei fondi europei, in particolare da parte delle regioni del Sud.
L’obiettivo è di superare alcuni ritardi amministrativi, ma “stiamo cercando di recuperare”, afferma Delrio. “Nei prossimi 15 mesi – ha aggiunto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio - solo nelle cinque regioni convergenza del Sud avremo da spendere, di fondi 2007-2013, 15 miliardi di euro, un miliardo al mese. E quasi altrettanti di fondi di sviluppo e coesione. E' una quantità enorme".
Delrio ha spiegato che accanto a questi fondi se ne aggiungono altrettanti di "fondi nazionali per le politiche di coesione e sviluppo. Il nuovo settennato sarà una grande occasione se riusciremo a svilupparlo bene. L'Europa ci ha chiesto di sviluppare diversamente la nostra strategia e stiamo costruendo questo piano. ...

+T -T
Difensore civico: la situazione nelle Regioni

(Regioni.it 2575 - 02/10/2014) L'istituzione del difensore civico non è presente in tutte le Regioni e le sue caratteristiche, laddove sia stata prevista, appaiono piuttosto differenti . E' questo il quadro delineato dalla relazione 2013 messa a punto dl coordinamento nazionale dei difensori civici delle Regioni, presentato il 2 ottobre alla Camera.
Gli statuti di molte Regioni prevedono il Difensore civico, in altre invece e nelle Provincie Autonome di Trento e Bolzano si prevede la figura del Difensore civico in base ad una legge apposita ma non è organo di garanzia introdotto negli statuti fondativi. In molte Regioni, poi, il Difensore civico non ha neppure un capitolo di bilancio e le dotazioni di personale sono molto diverse.
Dalla relazione emerge che la Regione a Statuto Speciale Trentino Alto Adige - Sudtirolo ha affidato ai Difensori civici delle rispettive provincie autonome la competenza sulle questioni della Regione. Il Difensore civico non ...
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top