Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2579 - mercoledì 8 ottobre 2014

Sommario
- Trascrizione matrimoni gay: fa discutere la circolare di Alfano
- Le Regioni per le "reti d'impresa"
- Sacri Monti: Expo 2015, accordo per valorizzazione
- Immigrati: progetto per mettere in rete servizi al Sud
- Serracchiani: cofinanziamenti Ue via dal patto di stabilità
- Gazzetta Ufficiale: la rassegna di settembre

+T -T
Serracchiani: cofinanziamenti Ue via dal patto di stabilità

(Regioni.it 2579 - 08/10/2014) Escludere i cofinanziamenti Ue dal patto di stabilità, lo evidenzia il presidente della regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani: “E' necessario che anche le quote di co-finanziamento nazionale dei Fondi strutturali siano escluse dal Patto di stabilita'. Su un tema come questo la stessa Commissione europea deve attivarsi''.
“Le risorse dell'Unione europea - spiega Serracchiani - sono escluse attualmente dai calcoli del Patto di stabilità, mentre le risorse del co-finanziamento nazionale sono incluse in  tali calcoli''.
“Per permettere alle Regioni e ai Comuni di usufruire dei Fondi europei e di finanziare i progetti strategici anche della  macrostrategia – sottolinea Serracchiani - è necessario superare questa situazione, permettendo di escludere dai vincoli del Patto di stabilità le somme impiegate per finanziare tali progetti all'interno di tutti i Fondi strutturali. Chiedo alla Commissione europea di attivarsi su questo tema”.
Il riferimento è rivolto anche alla macroregione adriatico-ionica, di cui si discute in questi giorni a Bruxelles nell'ambito degli Open Days,  dedicato alle politiche regionali di sviluppo, e in particolare nel workshop “The EU Strategy for the Adriatic and Ionian Region”.
In tal senso Serracchiani sottolinea come questa macroregione sia “una realtà molto importante, è la terza strategia dopo quella baltica e danubiana ed è un'opportunità per la prima volta per dei Paesi di operare insieme sul trasporto marittimo, sul turismo sostenibile, e su tutte quelle azioni, ad esempio, anche dal punto di vista ambientale, che ci possono permettere di fare massa critica ed utilizzare bene dei finanziamenti europei e fare dei progetti che possono riguardare l'intera area, con uno sguardo ad est e anche all'Asia”.
Ma bisogna lavorare alla semplificazione burocratica e quindi non commettere gli errori del passato, “per rendere più snella la macroregione adriatico ionica e di poter usare i finanziamenti con un occhio anche ai limiti del Patto di stabilità. Finché la quota nazionale dei cofinanziamenti europei resterà nel Patto di stabilità, il rischio è che questi finanziamenti non vengano utilizzati a pieno”.

 

 



( Giuseppe Schifini / 08.10.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top