Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2583 - martedì 14 ottobre 2014

Sommario
- Renzi: eliminare per Comuni e Regioni il patto di stabilità
- Gli eletti nelle nuove Province e nelle città metropolitane
- Rossi: in Toscana 50 milioni fuori patto di stabilità per difesa suolo
- Burlando: procedere comunque nei lavori per dissesto idrogeologico
- Province: Bugli, accelerare su applicazione riforma Delrio
- Delrio: budget sanità non verrà toccato

+T -T
Burlando: procedere comunque nei lavori per dissesto idrogeologico

(Regioni.it 2583 - 14/10/2014) A Genova mentre si abbassa il livello del torrente Bisagno si lavora per liberare le zone colpite dall’alluvione e per sbloccare le opere.
"La gente ha bisogno di risposte". Il presidente della regione Liguria, Claudio Burlando, riflette su come sono andate le cose nel corso del tempo, sul fatto che c'è bisogno di risposte veloci da dare ai cittadini e quindi di far partire subito i lavori per la difesa del suolo, comunque, nonostante i ricorsi alla magistratura.
Ora basta burocrazia sostiene Claudio Burlando, in un'intervista al quotidiano “la Repubblica”: “La città affonda, ci sono 35 milioni di lavori fermi, dopo 30 mesi abbiamo almeno una sentenza di primo grado: dice che la gara andava bene. Adesso basta. Il mio appello è stato raccolto dalla struttura di missione di #ItaliaSicura, ho scritto una lettera all'Avvocatura dello Stato per avere il parere formale a procedere, tenendo conto che le eventuali implicazioni di carattere risarcitorio sarebbero a carico dello Stato”.
“Quand'ero sindaco di Genova 22 anni fa, chi venne dopo di me decise di bloccare i lavori per lo scolmatore del Fereggiano, chi ha bloccato l'opera per tanto tempo si porta i morti del 2011 sulla coscienza” ha dichiarato Burlando  a Canale 5. 
”Bisogna dare delle risorse fresche al mondo del commercio e dargliene tante, io spero che tra il governo e noi possiamo dare una cinquantina di milioni perche' altrimenti questi non riaprono più”, ha detto Burlando ai microfoni di 24 Mattino su Radio 24. ''L'accordo raggiunto a Palazzo Chigi - ha detto Burlando - è di fare metà la regione e metà il governo con la legge di stabilità e aiutare un mondo che è disperato”.
“La prima sentenza del Tar Liguria sulla vicenda del Bisagno dava torto all'allora commissario. Adesso per la prima volta abbiamo una sentenza a favore. L'appalto - spiega Burlando - prevedeva sia l'esecuzione del progetto che i lavori, così possiamo affidare il progetto e sperare che nei quattro o cinque mesi necessari a metterlo a punto, il Consiglio di Stato si pronunci sul nuovo ricorso. A quel punto, saprò come regolarmi per affidare i lavori e aprire i cantieri”.
"La questione è che gli appalti, le grandi opere vengono identificati come il male, i rapporti con le imprese devono essere per forza opachi'', sottolinea Burlando. ''Ma dico: se un'opera salva vite umane e secondo tutte le evidenze tecniche è l'unico modo, falla”.
“Voglio togliermi un 'sassolino' dalla scarpa sul torrente Fereggiano: quando sono stato sindaco di Genova la mia giunta ha progettato, finanziato, appaltato, iniziato i lavori per lo scolmatore del Fereggiano, 22 anni fa, poi scoppiò un'indagine, io venni arrestato e poi assolto, io non ero più sindaco - spiega Burlando - chi venne dopo di me, probabilmente a causa dell'indagine, decise di non fare più l'opera. E' colpa di chi a partire da un'indagine ha deciso di buttare il bambino con l'acqua sporca, se un'opera è necessaria, togli le persone indagate, ma l'opera la fai. Il paradosso è che dopo vent'anni tocca di nuovo a me insieme al sindaco Marco Doria far ripartire quel cantiere, chi lo ha fermato per tanto tempo deve averlo sulla coscienza”.
Infine l'annuncio definitivo: “Domani firmo il decreto per incaricare Regione e Comune che chiameranno l'impresa e stipuleranno il contratto" per i lavori di rifacimento della copertura del Bisagno.
"L'avvocatura - ha spiegato Burlando - ha scritto che non ci sono ragioni ostative per fare il contratto con la ditta che ha vinto la gara anche in considerazione della ben nota situazione di emergenza di Genova. La ditta avrà massimo cento giorni per fare il progetto esecutivo anche se ci auguriamo serva meno tempo poi potremo consegnare i lavori tra gennaio e marzo. Il cantiere dovrà chiudere in due anni e mezzo".

 



( Giuseppe Schifini / 14.10.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top