Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2587 - lunedì 20 ottobre 2014

Sommario
- Lorenzin: fondo sanitario non può essere toccato senza una legge
- Chiamparino: Regioni devono fare la loro parte, ma anche i ministeri
- Welfare: nomenclatore tariffario, workshop il 21 ottobre
- Sanità: presentato programma nazionale esiti 2014
- Matera capitale europea della cultura 2019
- La "buona scuola": contributo al dibattito

+T -T
Lorenzin: fondo sanitario non può essere toccato senza una legge

Marroni: legge di stabilità non cita la sanità e quindi non dovrebbe toccare il fondo

(Regioni.it 2587 - 20/10/2014) “Se le Regioni fanno saltare il Patto per la Salute se ne dovranno assumere la responsabilità davanti ai cittadini”. E’ perentoria la dichiarazione del ministro della sanità, Beatrice Lorenzin, che aggiunge: “Il Patto non serve al Ministro ma ai cittadini e se le Regioni pensano di giocare ad un'operazione 'Do ut des' hanno sbagliato porta".
Quindi i 4 miliardi di tagli richiesti dalla legge di stabilità alle Regioni non sono ascrivibili al Fondo sanitario.
Il ministro della sanità infatti sostiene che le stesse Regioni non possono toccare il Fondo Sanitario Nazionale, in quanto serve una legge dello Stato.
Il ministro della sanità afferma anche di aver “salvaguardato in tutti i modi il Fondo sanitario nazionale che è uscito dalla stabilità con un aumento sostanziale. Le Regioni non possono toccarlo senza una legge dello Stato e stanno trattando con il Governo, non con il Ministero della ...

+T -T
Chiamparino: Regioni devono fare la loro parte, ma anche i ministeri

(Regioni.it 2587 - 20/10/2014) Anche i ministeri facciano la loro parte. Il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, interviene sui tagli alle Regioni dovuti alla legge di stabilità, sostenendo la parità di trattamento all’interno dello Stato. Per Chiamparino, infatti, “quando si parla di risparmi bisognerebbe andare di pari passo: le Regioni devono fare la loro parte, ma anche i ministeri la loro”.
Chiamparino ha fatto quindi anche un altro esempio: "Le province sono state abolite e riorganizzate secondo aree funzionali. Credo che una razionalizzazione si imponga anche per le strutture statali sul territorio, come prefetture e questure", e aggiunge: "Non è che da lì vengano fuori miliardi, ma credo che una razionalizzazione si imponga anche a quel livello e, tra l'altro, renderebbe più funzionali certe strutture".
Chiamparino spiega che le Regioni non rifiutano i tagli, “ma stiamo lavorando ...

+T -T
Welfare: nomenclatore tariffario, workshop il 21 ottobre

(Regioni.it 2587 - 20/10/2014) Il 21 ottobre si terrà presso la sede della Conferenza delle regioni, in via Parigi 11 a Roma, un “workshop”, organizzato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, dal Cisis (Centro interregionale  per i sistemi informatici, geografici e statistici) e dalla Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome dedicato al tema nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali 2013.
Il programma
11.00 - Apertura dei lavori:  Saluti - Riccardo Nannini (Cisis).
Introduzione: Raffaele Tangorra (Ministero del Lavoro e Politiche Sociali); Anna Banchero (Coordinamento Tecnico Politiche Sociali della Conferenza delle Regioni).
11.30 - Il progetto. Relazione di Elena Ricci (Dirigente Regione Liguria). Le prospettive di lavoro Maria Elena Tartari (Cisis).
12.00 - Il nomenclatore per la programmazione e valutazione nazionale delle politiche sociali . relazione di Oreste Nazzaro (Ministero Lavoro e Politiche ...

+T -T
Sanità: presentato programma nazionale esiti 2014

(Regioni.it 2587 - 20/10/2014) “I direttori generali devono adeguarsi agli standard, non è un optional. Il rispetto degli indicatori deve essere un dovere per le amministrazioni". È quanto ha affermato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin durante la presentazione del Programma nazionale esiti, (Pne) 2014, sviluppato dall'Agenas per conto del ministero della Salute, e presentato il 20 ottobre dallo stesso ministro e dal direttore dell'Agenas, Francesco Bevere. “Il Piano nazionali esiti - ha specificato il Ministro - non è uno strumento punitivo o una classifica ma è un programma che ha l'obiettivo di valutare e misurare le performance delle strutture sanitarie. Dalle Regioni speciali abbiamo avuto problemi di ricezione dei dati, e questo è inaccettabile come le differenze che emergono tra le Regioni”.
Valutare oltre che le performance complessive dei singoli ospedali anche i volumi di attività prodotti dalle singole equipe ...

+T -T
Matera capitale europea della cultura 2019

(Regioni.it 2587 - 20/10/2014) “La capitale europea della Cultura 2019 designata dalla giuria è Matera”, è stato questo l’annuncio dato dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, il 17 ottobre. Parole che hanno fatto esplodere di gioia, dopo ore di attesa per il verdetto, la piazza San Giovanni, nel pieno centro storico della città.  Abbracci e sventolio di bandiere con il logo “Matera 2019”.
Matera ha avuto la meglio su una rosa di sei candidate che comprendeva anche Cagliari, Perugia-Assisi, Siena, Lecce e Ravenna. Matera e' stata designata 9 con 7 voti favorevoli su 13, ha sottolineato Steve Green, presidente della giuria chiamata a valutare le candidature.
“Vince Matera. Stravince la Basilicata. Avverto sulla mia pelle i brividi e le lacrime di una intera regione che esulta di gioia. Non ho parole per descrivere l'emozione di questi primi minuti di festa collettiva”, ha detto il presidente della Regione Basilicata, ...

Documento della Conferenza delle Regioni del 16 ottobre

+T -T
La "buona scuola": contributo al dibattito

Il rapporto trova l'apprezzamento di tutte le Regioni

(Regioni.it 2587 - 20/10/2014) Le Regioni intendono partecipare e contribuire al dibattito sul rapporto “la buona scuola” e auspicano che questo dibattito possa trovare anche una sede di confronto dove poter condividere idee, progetti, strategie, modelli organizzativi, ritenendo il “confronto” l'elemento fondamentale per promuovere il miglioramento continuo del sistema. Tanto più importante è il “confronto” in questa materia dell'istruzione, indicata, nella carta costituzionale, tra quelle materie dove Governo e Regioni sono chiamate ad esercitare competenze ispirate al principio di leale collaborazione, anche nel nuovo testo approvato in Senato l ’8 agosto 2014.
E' questa la premessa al documento approvato  dalla Conferenza delle Regioni il 16 ottobre che è stato illustrato dall'assessore della Regione Toscana, Emanuele Bobbio (vedi "Regioni.it n.2585) e che è stato pubblicato integralmente ...
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top