Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2597 - lunedì 3 novembre 2014

Sommario
- Legge di Stabilità, Corte dei Conti: Chiamparino, bene controlli
- Trasporto pubblico locale: Regioni, subito le risorse per il 2014
- Caldoro: criticità spesa fondi UE interessa anche programmi nazionali
- Fondo politiche attive per il lavoro: il parere sul decreto
- Istat: Audizione sulla Legge di Stabilità
- Strategia per cambiamenti climatici: parere su documento ministero

+T -T
Legge di Stabilità, Corte dei Conti: Chiamparino, bene controlli

Maroni: introdurre costi standard. Serracchiani: relazione Corte dei Conti tenuta presente nella sua integrità

(Regioni.it 2597 - 03/11/2014) Il  presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, interviene sulle questioni ancora aperte con la Legge di Stabilità anche in Consiglio regionale, e in particolare sul lavoro del tavolo tecnico Governo-Regioni. Chiamparino in tal senso si augura che si “possa arrivare a farci condividere delle proposte che rendano sostenibile la manovra per tutti".
"Si punta - spiega Chiamparino – a rendere più stringente il Patto per la salute già firmato, ad avere risorse per gli investimenti nel campo dell'edilizia sanitaria, costi standard per tutti, razionalizzazione del fondo per il trasporto pubblico locale. Ognuna di queste si articola in sei proposte tecniche che richiedono un lavoro comune con il ministero dell'Economia sul piano tecnico".
Serve “l'introduzione di un criterio diverso da quello dei tagli lineari,  cioè quello dei costi standard”. Anche quindi per il presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni, si tratta di confrontarsi bene sulla legge di stabilità, che per la Regione Lombardia comporta il rischio “di perdere nel bilancio oltre 900 milioni di euro e quindi di essere costretta a tagli significativi nei settori socio sanitario e del trasporto pubblico locale".Per quanto riguarda i bilanci 2012 regionali controllati dalla Corte dei Conti, Chiamparino ha spiegato che "bisogna conoscere le situazioni specifiche, nel merito risponderanno eventualmente coloro che hanno redatti i bilanci del 2012. Io posso parlare solo del Piemonte, una situazione che ho approfondito visto che devo occuparmene”.
“Ho già chiesto ai tecnici della Conferenza delle Regioni – afferma Chiamparino - di fare insieme ai tecnici delle diverse Regioni il lavoro necessario per dare delle risposte, se lo si ritiene". "Anche volendo – aggiunge  Chiamparino - io non sono in grado di dire che cosa sia successo in Calabria o in un'altra Regione".
Per Maroni "non è vero che tutte le Regioni sprecano e dilapidano, perché ci sono Regioni che governano bene la spesa, come la Regione Lombardia. La Corte dei Conti dall'anno scorso ha passato al setaccio i Bilanci di tutte le Regioni: la prima in assoluto a essere stata verificata è stata proprio la Lombardia e siamo stati promossi, sia l'anno scorso che quest'anno".
"Il nostro Bilancio è stato passato al setaccio, spesa per spesa e capitolo per capitolo, - ha dichiarato Maroni - e, se ci fosse stata qualche cosa fatta male, ci sarebbe stata segnalata. Dalla Corte dei Conti invece non abbiamo avuto nessuna richiesta di correzione, perché i nostri conti sono in ordine e di sprechi non ne abbiamo, mentre per altre Regioni non è stato così".
Anche il presidente Debora Serracchiani sottolinea come la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia abbia “i bilanci in ordine, tant'è che la stessa Corte dei Conti ne ha riconosciuto l'equilibrio e l'affidabilità delle scritture nella sede formale della "parifica", cioè nella più alta espressione del controllo contabile sull'Ente Regione".
"Le Regioni devono essere rappresentate e giudicate con il rigore necessario ma anche – afferma Serracchiani - con la dovuta capacità di discernimento tra realtà virtuose ed altre che non lo sono. In questo senso la relazione della Corte dei Conti andrebbe tenuta presente nella sua integrità, anche laddove, ad esempio, sono espressi giudizi positivi sulla riduzione dell'indebitamento e della spesa per il personale, sui minori costi della Giunta e del presidente, sul corretto indirizzo della riforma sanitaria, sulla positività dei saldi differenziali e la stabilità degli equilibri di bilancio".


( Giuseppe Schifini / 03.11.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top