Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2598 - martedì 4 novembre 2014

Sommario
- Legge di stabilità: audizione Conferenza delle Regioni
- Elementi qualificanti proposta in relazione alla legge di stabilità 2015
- Legge di stabilità: Bankitalia, con misure su IRAP gettito cala di 2,7 miliardi
- Maroni e Zaia: legge di stabilità con costi standard
- Lorenzin: se Regioni chiedono tagli al Fondo sanitario, apriremo un tavolo
- UE: ripresa lenta e fragile

+T -T
UE: ripresa lenta e fragile

Previsioni economiche autunnali della Commissione europea

(Regioni.it 2598 - 04/11/2014) La ripresa iniziata nel 2013 resta fragile e la ripresa nel 2015 sarà lenta. Sono state pubblicate le previsioni economiche autunnali della Commissione europea, primo atto ufficiale dell'era Juncker. Nel 2014 il debito italiano salirà al 132,2% per raggiungere il 133,8% nel 2015. Il deficit italiano è previsto al 3% nel 2014 e 2,7% il prossimo anno ed il Pil rispettivamente a -0,4% e +0,6%.
La Commissione Ue rivede al rialzo il deficit italiano, quello strutturale sale a 0,9% nel 2014, per scendere a 0,8% nel 2015 e salire all'1% nel 2016.
La Commissione Ue rivede anche al ribasso le stime di crescita dell'Italia: 0,4% nel 2014, con una "tiepida ripresa" nel 2015 stimata a 0,6% e dovuta all'”accelerazione della domanda esterna”. Eventuali "rischi al ribasso sono legati all'ulteriore slittamento della domanda esterna".
Il tasso di disoccupazione italiano "resta elevato ai suoi livelli storici" e si riflette “nell'attività economica depressa”: lo scrive la Commissione Ue nelle stime economiche autunnali, che prevedono una disoccupazione al 12,6% per il 2014 e 2015.
Ha dichiarato Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione europea per la crescita, gli investimenti e la competitività: "La situazione economica e dell'occupazione non sta migliorando con sufficiente rapidità. La Commissione europea si impegna ad avvalersi di tutti gli strumenti e le risorse disponibili per aumentare la crescita e l'occupazione in Europa. Proporremo un piano di investimenti di 300 miliardi di euro per rilanciare e sostenere la ripresa economica. L'accelerazione degli investimenti è infatti il perno della ripresa economica".
La Commissione afferma che la recente valutazione complessiva svolta dalla Banca centrale europea ha ridotto le incertezze circa la solidità del settore bancario, e il miglioramento delle condizioni di finanziamento dovrebbe contribuire a rilanciare l'attività economica.
E’ previsto che i consumi privati dovrebbero aumentare leggermente nel 2015 e 2016 e che ci sarà solo un lento miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro
Nel 2016 il tasso di disoccupazione dovrebbe scendere al 9,5% nell'UE e al 10,8% nella zona euro.
I disavanzi pubblici dovrebbero continuare a diminuire nel corso dei prossimi due anni, sull'onda di un rafforzamento dell'attività economica. L'orientamento della politica di bilancio dovrebbe essere pressoché neutro nel 2014 e nel 2015. I rapporti debito/PIL dell'UE e della zona euro dovrebbero registrare il prossimo anno un picco rispettivamente dell'88,3% e del 94,8% (secondo la definizione del Sistema di conti europeo 2010).

Indicatori economici 1995-2016




( Giuseppe Schifini / 04.11.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top