Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2599 - mercoledì 5 novembre 2014

Sommario
- Legge di stabilità: Corte dei conti, contributo chiesto a ministeri "è limitato"
- Garavaglia: Legge di Stabilità, tagli insostenibili e irragionevoli
- Legge di stabilità: Pisauro, nel 2015 risorse da tagli ad enti territoriali
- Serracchiani spiega Intesa Stato-Friuli Venezia Giulia
- Delrio su fondi UE: assegnati quando sono pronti i progetti
- Una manovra difficile da sostenere per Regioni ed enti locali

+T -T
Delrio su fondi UE: assegnati quando sono pronti i progetti

Vendola: Sud è il bancomat a cui hanno attinto tutti i governi. Simoncini: accordo di partenariato punto fermo importante

(Regioni.it 2599 - 05/11/2014) “La mole di fondi è paragonabile a un grande massiccio investimento pubblico che può portare il Mezzogiorno fuori dalla sua condizione”. Tra nuova programmazione 2014-2020, cofinanziamento e fondi europei non spesi ci sono “circa 200 miliardi da spendere tra il 2015 e 2020”. E’ il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, a fare queste considerazioni nel corso di un'audizione in commissione Politiche Ue al Senato sull'impiego dei fondi strutturali europei 2014-2020.
Soldi che si potrebbero spendere, ad esempio, per la banda larga, per le piccole e medie imprese, per il dimezzamento dei consumi energetici degli edifici pubblici, per la riduzione del rischio idrogeologico.
Nel contempo Delrio nella conferenza stampa a palazzo Chigi per la presentazione dell'Accordo di partenariato 2014-2020, ha dichiarato che l'utilizzo dei fondi legati alla politica di coesione europea “non avrà limitazioni dal Patto di Stabilità interno: Padoan lo ha garantito”.
Delrio quindi ha assicurato che “i soldi restano a disposizione, restano blindati, i fondi collaterali vanno su obiettivi strategici nazionali”.
Il Sottosegertario fa un altro esempio concreto su come gestire l’assegnazione delle risorse: "Se i progetti per Gioia Tauro, Bagnoli, Taranto sono pronti a partire, ci mettiamo subito i soldi e non ci saranno obiezioni per il Patto di Stabilità. Ma se Taranto è piu' avanti, allora metto subito 500 milioni là, senza obiezioni a causa del Patto di Stabilità, e su Gioia Tauro che magari è più indietro li metto l'anno successivo quando sono pronti". Ribadisce Delrio: “sono per delle grandi programmazioni nazionali in cui viene rispettato l'equilibrio di territorio. I fondi vengono assegnati quando sono pronti i progetti, non si può pensare di farsi inventare dei progetti per spendere i soldi”.
Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, si è detto contrario all’ipotesi del Governo di finanziare gli sgravi fiscali alle aziende che assumono con 3,5 miliardi prima destinati al cofinanziamento dei Fondi Europei: “in tutti questi anni il Sud è stato il bancomat a cui hanno attinto tutti i governi per affrontare tutte le crisi. Non so se ce la faremo: se si continua così non il Sud ma l'Italia intera non ce la farà”. Il riferimento è ai 3,5 miliardi di euro di cofinanziamento del triennio 2015-2017 che potrebbero essere destinati al bonus per le nuove assunzioni dalla legge di stabilità.
Infine per Gianfranco Simoncini, assessore al Lavoro della Regione Toscana, “l'approvazione dell'accordo di  partenariato da parte del nostro paese è un punto fermo importante,  che, delineando la strategia nazionale per 44 miliardi complessivi di  cui oltre 32 miliardi per le politiche di coesione, consente oggi di  procedere nella definizione dei Programmi operativi regionali per il  prossimo periodo 2014-2020. Con una novità, per quanto riguarda la  gestione del Fse: le Regioni, per la prima volta, riassumono  pienamente la governance delle politiche per lavoro, educazione,  coesione sociale non potendo più affidarsi alle Province come  organismi intermedi".
"Si tratta di una partita importantissima - ha osservato Simoncini - perchè  queste risorse costituiscono lo strumento principale di cui disponiamo per favorire la crescita e l'occupazione e per investire sul capitale  umano".

 Delrio sull'Accordo sui fondi Ue 2014-2020: “64 miliardi per rilanciare il Paese”

Accordo di partenariato  2014-2020 - I fondi europei per la coesione (. pdf) La politica di coesione e l’accordo di partenariato 2014-2020 - scheda (pdf) Immagini della conferenza stampa Accordo di partenariato 2014 - 2020 (Sito DPS) Conferenza stampa (video) Conferenza stampa di presentazione del nuovo Accordo Fondi Ue per l'Italia I Fondi Ue per l'Italia  dal 2014 al 2020: il nuovo Accordo di partenariato

 



( Giuseppe Schifini / 05.11.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top