Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2632 - martedì 23 dicembre 2014

Sommario
- Istat: Annuario statistico italiano 2014
- Lorenzin: con inizio anno aggiornamento Lea
- Macroregioni e Province: fibrillazioni nel "cantiere riforme"
- Parere sulla Legge di stabilità
- Euregio: firmati accordi da Zaia e Serracchiani
- Istat: turismo, i dati dell'Annuario statistico 2014

Documento della Conferenza delle Regioni del 18 dicembre

+T -T
Parere sulla Legge di stabilità

(Regioni.it 2632 - 23/12/2014) Il 18 dicembre la Conferenza delle Regioni ha inviato alla Conferenza Stato-Regioni il parere alla Legge di Stabilità 2015. Si riporta di seguito la prima parte del documento (in gran parte predisposto e anticipato già nella seduta del 10 dicembre, vedi "Regioni.it" n.2624) e il link al documento integrale che è stato pubblicato nella sezione "Conferenze" del sito www.regioni.it. 
L’attuale richiesta del Governo di un contributo del 3% di riduzione della spesa a tutti i comparti delle amministrazioni pubbliche, così come formulata, non può che concretizzarsi in un taglio lineare della spesa. Tutto ciò a fronte di un percorso già iniziato dal precedente Governo e dichiarato dell’attuale Governo, che aveva come obiettivo invece i tagli agli sprechi e la salvaguardia degli investimenti, il pieno utilizzo delle risorse UE e il pagamento dei fornitori secondo i termini della Direttiva UE. A questi fini la norma che prevede l’abrogazione del comma che indicava come criteri per la determinazione del contributo alla finanza pubblica per ciascuna Regione dei tempi di pagamento stabiliti dalla direttiva UE 2001/7/UE e dell’incidenza degli acquisti centralizzati è in contrasto con lo spirito di ridurre gli sprechi e va nella direzione opposta dei tagli lineari per di più secondo PIL e popolazione senza considerare indici più appropriati di razionalizzazione della spesa.
Le ultime manovre hanno inciso pesantemente sulle finanze regionali. Grazie all’allora impulso impresso dal Ministro dei Rapporti regionali, Delrio, sono stati calcolati dalla Conferenza permanente per la finanza pubblica i contributi di ciascun comparto della PA al risanamento della finanza pubblica.
Dai dati resi noti nel rapporto della Commissione tecnica paritetica per l’attuazione del federalismo fiscale inviata alla Conferenza permanente per la finanza pubblica il 23 gennaio 2014 emerge che la spesa primaria regionale è stata ridotta del 38,5% fra il 2009 e 2012 a fronte di un peso percentuale che si è progressivamente ridotto dal 5,3% al 4,5% nel 2012 sulla spesa primaria della Pubblica Amministrazione. In confronto, ad esempio, la riduzione della spesa primaria delle amministrazioni centrali, che incide sulla spesa primaria per il 24%, è stata del 12,2%.

Documento Approvato - PARERE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2015


( red / 23.12.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top