Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2634 - martedì 30 dicembre 2014

Sommario
- Chiamparino: riforma Costituzione sia occasione per check-up Regioni
- Renzi: processo di riforme sta andando avanti in modo straordinario
- Legge di stabilità: una guida per le norme su sanità e welfare
- IVA: la mappa dell'evasione
- Sanità: intesa per il finanziamento 2014, le osservazioni delle regioni
- Serracchiani: jobs act, riflettere su applicazione a statali

Interviste al Messaggero Veneto e all'Alto Adige

+T -T
Serracchiani: jobs act, riflettere su applicazione a statali

Kompatscher: continuo a credere nell'aeroporto di Bolzano

(Regioni.it 2634 - 30/12/2014) Jobs Act: “è arrivato il tempo nel quale aprire una riflessione, nel quale ragionare sul lavoro pubblico e privato in termini di diritti, doveri e tutele. Il Parlamento sta affrontando la riforma della pubblica amministrazione e se ne discuterà in quel contesto. Se c'è qualcuno che ruba o che è assenteista, non credo vi debbano essere differenze se lavora nel pubblico o nel privato”, il concetto è stato espresso in una lunga intervista che la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha concesso al “Messaggero Veneto” (pubblicata il 30 dicembre. Un colloquio dedicato in gran parte ai temi della Regione e alle future sfide friulane. Serracchiani si dice convinta che una parte del percorso è già stato affrontato per rilanciare l’istituzione regionale: “sono mutati i punti di riferimento. Nei rapporti con la pubblica amministrazione c'è più chiarezza, so chi è il responsabile di un procedimento e quindi so con chi parlare o con chi eventualmente me la devo prendere, e ci sono tempi certi di risposta. Per le imprese e i cittadini, invece, i sistemi finanziario e bancario, mi riferisco a Friulia e Mediocredito, hanno ricominciato a essere strumento utile e al servizio degli utenti. So che la strada è lunga e che siamo solo all'inizio, perché l'obiettivo è che un cittadino che si confronta con la pubblica amministrazione esca convinto che il mondo va nel verso giusto”.
Anche il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, si “concede” ad una testata locale, l’Alto Adige, per un’ampia intervista sulle tematiche più rilevanti per il Sud Tirolo. Fra questi una particolare importanza è rivestita dall’aeroporto: “finora – spiega Kompatscher - sono stati investiti poco meno di 100 milioni di soldi pubblici. Sedici solo con l'ultimo appalto, poi congelato dalle vertenze legali in corso. Chi lo va a spiegare, poi, ai contribuenti che bisogna chiuderlo? Da quando sono stato eletto ho sempre sostenuto l'irrinunciabilità di uno scalo regionale funzionante. Per il turismo, per l'economia ma soprattutto per i residenti”, difende dunque la tratta Bolzano-Roma anche “perché si finanzia da sola. Le imprese che si stabiliscono qui chiedono, come primo requisito, uno scalo regionale funzionante. E noi saremo in grado di garantirlo. Con un collegamento per Roma, uno verso Nord e l'incoming turistico. Ci sono i numeri per guadagnare”. A breve presenteremo un piano complessivo e inizieremo con l'operazione di rilancio. Io ci credo. Di sicuro non possiamo fare a meno di uno scalo funzionante. Anche per questo abbiamo commissionato uno studio con un'analisi costi-benefici”.
Accanto all’intervista trova spazio anche una notizia relativa ai “rapporti con Roma”:”il Governo Renzi ha mantenuto gli impegni presi con Bolzano”, ha detto il presidente altoatesino e facendo un bilancio di fine anno, Kompatscher ha ricordato il "Patto di garanzia" stipulato con Roma e - ha sottolineato - garantito da uno scambio di note tra Roma e Vienna. "Ora - ha affermato Kompatscher - abbiamo la certezza giuridica sulle nostre entrate, senza essere più trattati come un bancomat come era avvenuto sinora”.


( red / 30.12.14 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top