Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2639 - martedì 13 gennaio 2015

Sommario
- Riforma Costituzione: prosegue il dibattito alla Camera
- Lavori pubblici: 693 le "opere incompiute" finora censite
- Simoncini: riforme, preoccupazione per politiche attive del lavoro
- Frane e inondazioni: Rapporto Irpi-Cnr 2014
- PAC 2014-2020: intesa su politica agricola comune UE
- Decreto "sblocca Italia": trivellazioni, anche le Marche fanno ricorso

+T -T
Decreto "sblocca Italia": trivellazioni, anche le Marche fanno ricorso

(Regioni.it 2639 - 13/01/2015) Cresce la preoccupazione per le possibili trivellazioni in Adriatico. Dopo la Puglia (vedi “Regioni.it” n. 2638) anche la Regione Marche ha presentato ricorso alla Corte costituzionale contro gli articoli 37 e 38 del DL 133/2014 (il cosiddetto Sblocca Italia) che riguardano misure urgenti per l’approvvigionamento e il trasporto del gas naturale e quelle per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali. La necessità di impugnare tali provvedimenti era stata decisa dalla Giunta regionale che aveva dato seguito ad una mozione approvata dall’Assemblea legislativa.

“Lo avevamo annunciato e abbiamo mantenuto l’impegno – sottolinea il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca – La parte dello Sblocca Italia relativa alle misure per l’approvvigionamento del gas naturale contrasta con il titolo V della Costituzione. Di nuovo, dunque, un tentativo di ricentralizzare competenze delle Regioni, in un settore, per di più, di particolare importanza e delicatezza per le comunità locali. Per quel che riguarda l’Adriatico stiamo parlando di un mare semichiuso e con un lento ricambio delle acque; un’area dall’ecosistema molto sensibile e che sta puntando con grande determinazione, rafforzata dalla nascita della Macroregione adriatico ionica, sulla crescita turistica legata all’ambiente e al paesaggio. Impensabile che su tematiche come la produzione, il trasporto e la distribuzione dell’energia il parere e l’intesa delle Regioni, previsti dalla nostra Costituzione, non vengano tenuti nella debita considerazione”.

Con gli articoli 37 e 38 dello Sblocca Italia, infatti, si attribuisce tra l’altro al Ministero dello Sviluppo economico il compito di predisporre un piano delle aree in cui sono consentite le attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi e quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale senza prevedere la necessaria acquisizione dell’intesa con la Regione interessata. E’ inoltre previsto che venga richiesta alla Regione la necessaria intesa al rilascio del titolo concessorio unico per le attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi solo se tali attività si svolgono sulla terraferma e non anche in mare. In questo modo si ledono le competenze legislative regionali previste dall’articolo 117 della Costituzione in materia di produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia, oltre che quelle di governo del territorio, nonché le competenze amministrative delle Regioni in base al principio di sussidiarietà stabilito nell’articolo 118 della Costituzione. 

In Sicilia l'Anci regionale si è schierato  a fianco delle associazioni ambientaliste nel presidio contro le trivellazioni che si è svolto a Piazza del Parlamento il 7 gennaio". Il sindaco di Palermo e presidente di Anci Sicilia, Leoluca Orlando, ha ricordato che "l'Anci, assieme ad alcuni Comuni della costa sud della regione, ha anche aderito al ricorso presentato in sede amministrativa contro i provvedimenti del governo nazionale". A margine di un incontro in commissione regionale Antimafia, in merito alle trivellazioni nell'Isola, il Ministro dell'Interno Angelino Alfano, ha sottolineato che “si tratta di una materia molto complessa che investe lo stesso tema dell'Autonomia siciliana, la Regione non può privarsi di questa materia energetica, deve avere spalle larghe e anche fare, se serve, un negoziato forte con lo Stato. In quel caso mi troverà dalla parte giusta”.

 

 



( red / 13.01.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top