Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2650 - mercoledì 28 gennaio 2015

Sommario
- Lorenzin annuncia i nuovi Lea
- Lanzetta: condizioni che rendono impossibile ingresso in giunta Calabria
- Diminuiscono ricoveri ospedalieri nei primi sei mesi 2014
- Lavoratori socialmente utili: firmate le convenzioni con 6 Regioni
- Mobilità sanitaria: D'Alfonso, verso accordo Abruzzo, Marche e Molise
- Parere sul Programma statistico 2014-16, aggiornamento 2016

+T -T
Lavoratori socialmente utili: firmate le convenzioni con 6 Regioni

(Regioni.it 2650 - 28/01/2015) Il sottosegretario al Lavoro, Teresa Bellanova, ha firmato il 26 gennaio le convenzioni con le Regioni per assegnare le risorse necessarie a garantire il pagamento degli assegni per i Lavoratori socialmente utili in forza agli enti locali e la messa in opera di politiche attive.
Le regioni interessate sono la Puglia, la Basilicata, la Campania, il Lazio, la Sardegna e la Sicilia.
A differenza degli anni passati, che vedevano la firma delle convenzioni a ottobre o novembre dell'anno interessato, per il 2015 la sottoscrizione arriva prima della fine del mese di gennaio, assicurando così che le Regioni possano agire nel corso dell'anno con la certezza delle risorse e i lavoratori abbiano la garanzia della continuità del reddito. “Le cose, perché funzionino, è bene che siano fatte nei tempi giusti. Rispettare i tempi si può”, è stata la sottolineatura del Sottosegretario, Bellanova.
L'assessore al Lavoro della regione Campania, Severino Nappi, ha commentato la convenzione per la gestione dei Lavoratori socialmente utili della Regione Campania attualmente in servizio presso le Amministrazioni locali di tutto il territorio. La convenzione assegna alla Campania circa 40 milioni di euro con i quali verrà garantita la copertura finanziaria per l'intero 2015 dei trattamenti economici per i circa 5.500 lavoratori interessati. "Una buona notizia per i nostri LSU – sottolinea Nappi - perché garantisce serenità ed evita incertezze sull'immediato futuro. Speriamo ora che il Governo consenta l'avvio dei processi di stabilizzazione di questi lavoratori che, da tempo, sono parte integrante delle nostre Amministrazioni e che svolgono spesso funzioni utili e importanti. Noi siamo già pronti da tempo con tutti gli strumenti necessari e le misure più moderne, consapevoli che le rigidità imposte dai vincoli finanziari incontrano il limite invalicabile della ragionevolezza e della dignità della persona”.
Di LSU si è occupata recentemente anche la  Giunta provinciale del Trentino che su proposta del vicepresidente e assessore allo sviluppo economico e lavoro, Alessandro Olivi (il quale ha accolto la proposta avanzata dalla Commissione provinciale per l'impiego) ha stabilito che è di 1.225 il numero di posti da attivare nell'ambito dei lavori socialmente utili per il 2015, a cui si aggiungono 40 posti da riservare a lavoratori con disabilità pari o superiori all'80%. Le opportunità occupazionali rimangono le stesse del 2014, viene inoltre ammessa la possibilità di ulteriori opportunità occupazionali qualora l'ente che propone i lavori socialmente utili sia disposto ad accollarsi integralmente gli oneri finanziari per la realizzazione dei relativi progetti. “Nel corso del 2014 la Provincia autonoma di Trento ha investito complessivamente 60 milioni di euro nel campo dei cosiddetti 'lavori socialmente utili' - ha ricordato Olivi -, un intervento poderoso, unico in Italia così articolato, reso possibile da due strumenti, da un lato il Progettone, dall'altro gli interventi 19 e 20.2 di Agenzia del Lavoro che hanno interessato il primo 1.400 persone, il secondo 1.700 lavoratori. Sostenere le fasce più deboli nel mercato del lavoro è per noi imprescindibile, anche questo è l'emblema di un Trentino civile e inclusivo”.
Il 28 gennaio via libera anche alle convenzioni per la Puglia e la Sardegna che assegnano, per il 2015, i fondi per le indennità degli Lsu. Il Sottosegretario Teresa Bellanova ha detto che è stato “confermato l'impegno ad operare nei tempi giusti, con l'attenzione dovuta alla garanzia del reddito per i lavoratori - ha aggiunto - ma anche alla salvaguardia dei servizi, che negli Enti locali spesso vengono erogati proprio con l'ausilio degli Lsu".  Dopo la firma delle convenzioni con le regioni Campania, Basilicata e Sicilia - sottolinea - ''la firma con Puglia e Sardegna delinea ulteriormente il quadro delle risorse necessarie a garantire la prosecuzione delle attività degli Lsu nelle Regioni interessate. Si avvia - conclude - un processo che ha anche un obiettivo di più ampio respiro, e cioè agevolare i processi di stabilizzazione e di fuoriuscita dal bacino regionale degli Lsu, anche incentivando la loro assunzione con contributi a valere sulle risorse proprie delle Regioni''.
Grande soddisfazione è stata espressa dall’assessore al lavoro, Leo Caroli, a seguito della firma della convenzione-per l’attività degli LSU impegnati nei Comuni e negli altri Enti utilizzatori, per il 2015. “Diversamente dal passato- ha detto l’Assessore- siamo arrivati a questa firma sin da gennaio, e non a giugno/luglio come in passato,contribuendo in tal modo a rasserenare i più di 1100 Lavoratori Socialmente Utili pugliesi, mettendo a loro disposizione la certezza di un periodo. “Poi- ha detto l’assessore- portiamo in Puglia ben 8 milioni e mezzo di euro che potranno  offrire  qualità ai servizi resi. Aspettiamo ora  la ratifica della Corte dei Conti sul documento, ratifica che  potrebbe arrivare già nella prossima settimana. “Inoltre- ha continuato Leo Caroli- con il sottosegretario Bellanova, presente questa mattina, abbiamo condiviso la necessità di aumentare ulteriormente il fondo per la stabilizzazione degli LSU, in modo da strappare alla precarietà servizi e lavoratori: la Regione Puglia, da parte sua, ricordo che ha già allocato sul Fondo 2 milioni di euro.“Certo, dovremo  vincere la battaglia  per l’allentamento del Patto di Stabilità interno in modo che le risorse possano essere immediatamente e concretamente essere disponibili, data l’integrazione ottenuta all’orario di lavoro degli LSU e quindi della ricaduta sul  loro reddito e sui servizi resi. “Al raggiungimento di questo obiettivo- ha concluso l’assessore Caroli- è  focalizzato pienamente il mio personale impegno”.
LSU: firmate dalla Sottosegretaria Bellanova le convenzioni con le Regioni per il 2015 - 26.01.2015

[Campania] PROTOCOLLO REGIONE-GOVERNO PER LSU: IN SICUREZZA 5.500 LAVORATORI PER TUTTO IL 2015.


( sm / 28.01.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top