Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2651 - giovedì 29 gennaio 2015

Sommario
- Legge di stabilità e tagli: slitta l'intesa in Stato-Regioni
- Cipe finanzia ferrovie e metanizzazione al Sud
- Retribuzioni contrattuali: siamo al minimo storico
- Comitato europeo delle Regioni: la delegazione italiana
- Legge di stabilità: Governo recepisca scelte delle regioni per ridurre il danno
- Zaia: i tagli della legge di stabilità ricadranno sulla testa dei cittadini

+T -T
Legge di stabilità: Governo recepisca scelte delle regioni per ridurre il danno

Chiamparino: "stiamo facendo sforzi enormi", ma serve un'intesa. Ora la palla passa al Governo

(Regioni.it 2651 - 29/01/2015) “Siamo in fase di riduzione del danno e ogni giorno siamo sempre più preoccupati". Con queste parole il presidente, Sergio Chiamparino, ha commentato il lavoro che la Conferenza delle Regioni sta portando avanti per il riparto del taglio nei trasferimenti che ammonta a 5,7 miliardi di euro. Stiamo cercando di evitare che i tagli (derivanti dalla legge di stabilità, ndr)ricadano sulle materie più sensibili come la famiglia, i disabili, il diritto allo studio, i trasporti, la scuola. Se entro il 31 gennaio non ci sarà l'intesa  - ha aggiunto Chiamparino - sarà il Governo stesso a decidere i tagli, sulla base del Pil delle Regioni e della popolazione residente”. Chiamparino ha poi spiegato che la Conferenza delle Regioni aspetta "che il Governo dia una risposta, al momento stanno facendo delle verifiche tecniche.  Il 29 gennaio alle 12 è convocata la Conferenza Stato-Regioni e mi auguro si trovi l'accordo. Rispetto alla sanità, obtorto collo e con uno sforzo enorme, possiamo rinunciare all'aumento del fondo sanitario, ma l'accordo va fatto su tutto.  E poi - prosegue - anche, alla luce dei nuovi Lea, è fondamentale riprendere la discussione sui fondi alla sanità e sui ticket. Ora siamo, come dicevo,  alla riduzione del danno".
"Noi dobbiamo fare uno sforzo di razionalizzazione sul fondo sanitario ma il governo deve accettare le nostre proposte e fare delle riconsiderazioni nella prossima legge di stabilità. Altrimenti non ci sarà l'intesa". E se si arriverà all'intesa o meno “dipenderà dal governo. Se entro il 31 gennaio non ci sarà una intesa tra le regioni recepita dal governo, il governo procederà sulla base del Pil e della popolazione delle regioni, ma mi auguro che si trovi un accordo".
Detto in altre parole o il Governo va incontro alle proposte che le Regioni hanno formulato in sede di autocoordinamento (come prevede la legge di stabilità) o, registrando una eventuale mancata intesa,  dovrà assumersi da solo il peso di scelte comunque dolorose.
Il vicepresidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Caldoro, ha rivelato che “c'è stata nell'incontro del 27 gennaio una apertura del governo sia del Ministro dell'Economia che del sottosegretario Delrio che ha dato indicazioni di fare approfondimenti per trovare un'intesa che è l'obiettivo di tutti, allo stato però - aggiunge- abbiamo registrato molta preoccupazione in più rispetto a ieri perché alcuni approfondimenti tecnici con il Mef non ci danno buoni riscontri”.


Legge di stabilità: Chiamparino su intesa per ripartizione tagli 


( Stefano Mirabelli / 29.01.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top