Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2651 - giovedì 29 gennaio 2015

Sommario
- Legge di stabilità e tagli: slitta l'intesa in Stato-Regioni
- Cipe finanzia ferrovie e metanizzazione al Sud
- Retribuzioni contrattuali: siamo al minimo storico
- Comitato europeo delle Regioni: la delegazione italiana
- Legge di stabilità: Governo recepisca scelte delle regioni per ridurre il danno
- Zaia: i tagli della legge di stabilità ricadranno sulla testa dei cittadini

+T -T
Zaia: i tagli della legge di stabilità ricadranno sulla testa dei cittadini

Ciambetti: non ho voluto partecipare a nessuna espressione di voto

(Regioni.it 2651 - 29/01/2015) La regione Veneto non ha partecipato al voto in Conferenza delle Regioni sul parere da dare alla legge di stabilità 2015 in sede di Conferenza Stato-Regioni il 29 gennaio.
L'assessore  regionale al bilancio Roberto Ciambetti ha voluto così esprimere in maniera evidente la contrarietà del Veneto ai tagli previsti per le Regioni e che ricadranno in particolar modo sui servizi sanitari.
“Siamo inoltre convinti - ha sottolineato Ciambetti - che questa  Legge di stabilità, sottoposta all'esame delle Regioni, contenga tutta una serie di articoli e di commi incostituzionali. Pertanto, coerentemente con questa nostra posizione, non ho voluto partecipare a nessuna espressione di voto e sono uscito. In ogni caso, faremo  ricorso alla Corte Costituzionale”.
“E' la legge di uno Stato che non sa che pesci pigliare - afferma il presidente della Regione Luca Zaia - e punta solo a tagli insensati in modo da far aumentare a Enti Locali e Regioni il livello di tassazione, che è già a livelli insopportabili. E' chiaro fin d'ora  che con una legge come questa non si incentiva nessuna ripresa, né ci  si può attendere che vengano risistemati i conti pubblici, ma solo tagli che ricadranno sulla testa dei cittadini, mettendo a rischio anche servizi fondamentali come quelli della sanità”.
La regione Veneto quindi non ha partecipato alla Conferenza Stato-Regioni del 29 gennaio 2015.



( Giuseppe Schifini / 29.01.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top