Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2652 - venerdì 30 gennaio 2015

Sommario
- Mattarella candidato al Quirinale: i commenti dei Presidenti delle Regioni
- Rapporto 2015 Eurispes fotografa un Paese in crisi
- Istat: scende il tasso di disoccupazione
- Demanio acque: si discute su riforma dei canoni per le concessioni
- Gli atti della Conferenza Stato-Regioni 22 gennaio 2015
- Gli atti della Conferenza Unificata 22 gennaio 2015

+T -T
Demanio acque: si discute su riforma dei canoni per le concessioni

Interventi di Cascino, Gozi, Baretta

(Regioni.it 2652 - 30/01/2015) “Il 2015 sia l'anno della svolta”, afferma l'assessore della Regione Liguria, Gabriele Cascino, che coordina il comparto Demanio acque nell'ambito della Conferenza delle Regioni. Il riferimento è relativo all'incontro con il direttore dell'Agenzia del Demanio, Roberto Reggi. Punto all’ordine del giorno i problemi derivanti dalla direttiva Bolkestein che prevede la messa all'asta delle concessioni demaniali e comporta la riforma dei canoni per le concessioni.
Cascino quindi chiede “un tavolo aperto a tutti non sempre e solo governo-sindacati o regioni-sindacati o Agenzia del Demanio-sindacati”. È necessario, spiega Cascino “rivedere quindi i canoni, quelli normali pertinenziali e quant'altro”, poi c'è il tema “aste si', aste no nelle varie competenze Regione Stato”, il tutto “anche nell'ottica della riforma dell'art. 117” della Costituzione che regola i rapporti Stato-Regioni e in definitiva agire per “cercare di dare una svecchiata a questo sistema”.
Cascino pertanto augura che “finalmente si abbia una legge quadro su tutto il demanio”, una norma “che regolamenti la materia una volta per tutte, per far finire questa fase di incertezza che provoca mancanza di investimenti pubblici e privati sul nostro demanio, che riteniamo sia un asset fondamentale del nostro territorio e della nostra offerta turistica”.
Al direttore dell'Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, è stato proposto “di inserire nel provvedimento governativo un nuovo 'decreto Burlando' dal quale partire per affrontare le proroghe delle concessioni balneari”.
“L'applicazione del decreto Burlando - sostiene Cascino - consentirebbe in pratica il rinnovo delle concessioni balneari in cambio di investimenti, anche legati alla difesa della costa e ai rinascimenti, da parte degli attuali concessionari. Rivisto e disciplinato con alcune modifiche, potrebbe essere adattato anche al caso di specie”.
Lo stesso decreto Burlando, ribadisce l'assessore della Liguria, “non è mai stato messo in discussione dal parte dell'Europa in quanto non lesivo del principio della concorrenza, proprio quello che intende difendere la  stessa direttiva Bolkestein”.
A riguardo il sottosegretario all'Economia, Pier Paolo Baretta, annuncia che il Governo è impegnato “in un disegno di legge per riordinare il settore e le concessioni che sarà presto presentato”.
Le conferme in tal senso arrivano anche da Sandro Gozi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega agli Affari europei: “il governo sta lavorando sin dal primo giorno per capire termini e margini per poter tutelare gli interessi di oltre 30mila imprese balneari”.
 
 
Con la Commissione europea “è in corso un tavolo di lavoro, un dialogo tecnico che da mesi sta studiando quali margini possiamo ottenere" sull'applicazione della Direttiva. Quindi, “attendo sviluppi nelle prossime settimane e io stesso andrò a Bruxelles per discuterne”, aggiunge Gozi. Con le associazioni balneari “stiamo lavorando e abbiamo avviato da tempo in dialogo franco e costruttivo”.
 

(ER) SPIAGGE. GOZI: LAVORO PER TUTELARE 30MILA IMPRESE BALNEARI  

Bolkestein: Cascino a Roma, riproporre 'decreto Burlando' Per rinnovo concessioni balneari in cambio di investimenti

(ER) SPIAGGE. BARETTA: A BREVE DDL PER RIORDINO SETTORE

SPIAGGE. BALNEARI PERTINENZIALI: ORA INCONTRO URGENTE CON DEMANIO CHIUDERE AL PIU' PRESTO VERGOGNOSA INGIUSTIZIA E SPEREQUAZIONE

(LZ) SPIAGGE. ASSOBALNEARI: CRITICI SU NUOVO 'DECRETO BURLANDO' LE REGIONI NON HANNO COMPETENZA, NOSTRO MODELLO È 'MADE IN ITALY'

SPIAGGE. REGIONI PROPONGONO: SERVE UN NUOVO 'DECRETO BURLANDO' CONSENTIREBBE RINNOVO CONCESSIONI DEMANIALI DIETRO INVESTIMENTI

(LZ) SPIAGGE. REGIONI A DEMANIO: ORA LEGGE QUADRO E TAVOLO APERTO CASCINO (LIGURIA): ORA DI DARE UNA SVECCHIATA A QUESTO SISTEMA

DISSESTO IDROGEOLOGICO. GALLETTI: IL PIANO DEL GOVERNO E' PARTITO MA PER COLMARE RITARDI SERVE TEMPO



( Giuseppe Schifini / 30.01.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top