Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2657 - venerdì 6 febbraio 2015

Sommario
- Maxi-mungitura di piazza per difendere il latte italiano
- Chiamparino: sostegno Regioni nell'azione a difesa del latte italiano
- Sanità: botta e risposta Lorenzin-Chiamparino sui LEA
- Bollo auto storiche: Veneto e Lombardia per agevolazioni
- Il 12 febbraio Conferenza Stato-Regioni
- Chiamparino: serve anche una riforma coraggiosa degli enti locali

+T -T
Sanità: botta e risposta Lorenzin-Chiamparino sui LEA

(Regioni.it 2657 - 06/02/2015) Ancora un botta e risposta fra le Regioni e il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.
"Insieme alle Regioni abbiamo fatto una battaglia di un anno e mezzo per aumentare il fondo sanitario, con carte alla mano, perché o si aumentava il fondo o il sistema andava al collasso. Non posso immaginare che le Regioni non lo sappiano. E io, questo, non posso non dirlo: facciano le loro scelte, quindi, e si studino bene i loro bilanci. Ma poiché la sanità riguarda l'80% delle funzioni del sistema Regione, forse dovrebbero immaginare che è il sistema prevalente che da' un senso alla loro esistenza. Altrimenti perché ci dovrebbero essere? Per gestire cosa? I consigli regionali?". Così Beatrice Lorenzin, ministro della Salute che poi rincara la dose:  “se le Regioni non sono in grado di trovare 20 milioni- prosegue Lorenzin- credo che ci sia un problema di organizzazione delle stesse”.  Solo alla fine ammorbidisce i toni: “voglio essere però costruttiva, non aprire una polemica senza fine: abbiamo messo a disposizione i tecnici del ministero, abbiamo deciso di avere un tavolo permanente con le Regioni per aiutarle in questa fase, nell'interesse esclusivo che è quello che il sistema sanitario nazionale funzioni”
A rispondere è ancora una volta (vedi anche “regioni.it” n. 2655) il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Sergio Chiamparino. “Il ministro della salute, Beatrice Lorenzin, sa bene che il problema non è quello di trovare i finanziamenti per i nuovi Lea, che andranno ben verificati nella loro entità, ma fare in modo che si trovino le risorse necessarie per il loro mantenimento complessivo. La legge di stabilità, infatti, costringe le Regioni a rinunciare ai 2 miliardi di aumento del Fondo Sanitario Nazionale per il 2015”.
“Non si può far finta – prosegue Chiamparino - che non esista questo provvedimento del Governo, né si può ignorare che i bilanci regionali sono per l’80% legati alla sanità. La legge di stabilità riduce di 5 miliardi e 250 milioni le risorse regionali, per questo bisogna invece sedersi intorno a un tavolo e lavorare insieme, così come è stato fatto per i Livelli essenziali di assistenza. Occorre cercare di ridurre il danno nel miglior modo al fine di mantenere la qualità dei servizi sanitari erogati ai cittadini. Diversamente – conclude Chiamparino - dovrà essere il Governo a definire e decidere i tagli e in quali settori”.
Sull’argomento è intervenuto anche il vice presidente e assessore alla Salute  della Regione Lombardia, Mario Mantovani: “la revisione dei Lea richiederà  ulteriori stanziamenti a carico delle Regioni e questo sostanzialmente  ci mette a disagio". "C'è stato anche l'altro  giorno un incontro con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin per  la revisione dei Lea e anche questa" operazione "pensano di metterla a carico dei bilanci delle Regioni". Un passaggio, quello di aggiornare i Livelli essenziali di assistenza, "che condividiamo tutti, è nei nostri programmi", precisa l'assessore  lombardo non nascondendo però preoccupazione per i margini risicati  con cui si dovrà concretizzare questo obiettivo. "Ci auguriamo che non proseguano quei tagli che sono sempre annunciati - conclude -  dipenderà da quello che il Governo riuscirà in qualche modo a non tagliare”.


( sm / 06.02.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top