Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2673 - lunedì 2 marzo 2015

Sommario
- Istat: dati 2014 su Pil e disoccupazione
- Dispositivi medici: Linee guida per utilizzo dati e documentazione
- Legge di stabilità: Bressa e Coletto su tagli alla sanità
- Rapporto Agenas: andamento della spesa sanitaria, anni 2008-2013
- Progetti didattici nei musei: parere positivo al Decreto sui criteri
- Posizione su crescita digitale e strategia banda ultra larga 2014-20

Documento della Conferenza delle Regioni del 19 febbraio

+T -T
Dispositivi medici: Linee guida per utilizzo dati e documentazione

(Regioni.it 2673 - 02/03/2015) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 19 febbraio, ha approvato le linee guida per il corretto utilizzo dei dati e della documentazione presente nel repertorio dei dispositivi medici. Il testo è la base per la futura sottoscrizione di uno specifico accordo Stato-Regioni.
Il documento integrale è stato pubblicato nella sezione “Conferenze” del sito www.regioni.it.
Di seguito si riporta l’indice e l’introduzione.
Indice
Introduzione
Il problema
Le finalità delle Linee Guida
Linee guida per potenziare la consultazione e l’utilizzo del sistema Banca Dati / Repertorio dei Dispositivi
Medici
1 L’Anagrafica di Base
2 Differenze tra Registrazioni BD e RDM
3 Gli Obblighi alla Registrazione
4 Elementi Identificativi di un DM in BD/RDM
5 Codifiche Multiple.
6 La richiesta di dati e documenti da parte delle strutture sanitarie procedure per l’approvvigionamento di dispositivi medici
Tipologia di documentazione relativa ai dispositivi medici
Open data
Introduzione
Il problema
Dall’analisi del flusso informativo per il monitoraggio dei consumi dei dispositivi medici direttamente acquistati dal Servizio Sanitario Nazionale (Decreto del Ministro della salute 11.06.2010 recante “Istituzione del flusso informativo per il monitoraggio dei consumi dei dispositivi medici direttamente acquistati dal Servizio sanitario nazionale”) è emersa la presenza di alcune criticità legate alla gestione del numero di Repertorio e, di conseguenza, la necessità di approfondire tali tematiche.
Le criticità riscontrate consistono, in particolare nella:
difficoltà nell‘identificazione/attribuzione ai dispositivi medici del numero di registrazione1 all’interno del sistema Banca Dati / Repertorio (BD/RDM); difficoltà nell’allineamento delle anagrafiche dei sistemi gestionali aziendali al sistema BD/RDM; parziale conoscenza da parte delle strutture sanitarie delle possibilità offerte dal numero di registrazione al sistema BD/RDM.
Dagli ulteriori approfondimenti effettuati è emerso, in generale, uno scarso ricorso, da parte delle strutture sanitarie, alla consultazione del sistema Banca Dati / Repertorio dei Dispositivi Medici e degli strumenti in esso disponibili (come, ad esempio, la funzione di “scarico della documentazione” che consente di consultare e salvare tutta la documentazione relativa ad un singolo dispositivo medico presente nel Repertorio dei Dispositivi Medici).
Ciò comporta che, in fase di approvvigionamento dei dispositivi medici, le strutture sanitarie richiedano ai fornitori di dispositivi medici di fornire documentazione al di fuori dello scopo della normativa sui dispositivi medici.
Si ricorda, infatti, che, ai sensi dell’art. 5 comma 5 del decreto del Ministero della Salute del 21.12.20092: “Nelle gare per l'acquisizione, a qualsiasi titolo, dei dispositivi medici di cui al comma 1 e, più in generale, nei rapporti commerciali, le strutture del Servizio Sanitario Nazionale si astengono dal richiedere ai fornitori qualsiasi informazione, dichiarata dai fornitori stessi disponibile nel Repertorio dei dispositivi medici, aggiornata alla data della dichiarazione.” Tale principio è inoltre ribadito all’art. 6 comma 2 del medesimo decreto: “Nelle gare per l'acquisizione, a qualsiasi titolo, dei dispositivi medici di cui al comma 1 e, più in generale, nei rapporti commerciali, le strutture del Servizio Sanitario Nazionale si astengono dal richiedere ai fornitori qualsiasi informazione, dichiarata dai fornitori stessi disponibile nel Repertorio dei dispositivi medici, aggiornata alla data della dichiarazione”.
Lo stesso principio è stato seguito nell’estendere il Repertorio ai dispositivi medico-diagnostici in vitro, come si può constatare nell’ art. n°3, comma 1 del decreto del 23 dicembre 2013 (GU n° 103 del 6_5_14) , ove è riproposta l’acquisizione d’ufficio delle informazioni presenti nel Repertorio.
Le finalità delle Linee Guida
Al fine di consentire il rispetto del dettato normativo e, al contempo, di garantire che le strutture sanitarie possano avere accesso alla documentazione necessaria per la valutazione dei dispositivi medici attraverso la consultazione del sistema BD/RDM, risulta determinante, da un lato, fornire tutti i chiarimenti per favorire il corretto utilizzo dello strumento, dall’altro, garantire la completezza e l’aggiornamento della documentazione disponibile nel suddetto Repertorio da parte dei fabbricanti o dei loro delegati.
Il presente documento è pertanto finalizzato a dare indicazioni sul corretto utilizzo del sistema BD/RDM, con particolare riferimento alle modalità attraverso le quali la stazione appaltante, in fase di approvvigionamento dei dispositivi medici, può reperire le informazioni necessarie alla valutazione degli stessi nel rispetto di quanto previsto dalla normativa di riferimento.
Infine, nella logica del miglioramento continuo della qualità e della condivisone delle esperienze, tale documento sarà progressivamente implementato con elaborazioni ed approfondimenti su specifici temi.
Link al documento integrale:
Documento Approvato - LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI DATI E DELLA DOCUMENTAZIONE PRESENTE NEL REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI


( sm / 02.03.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top