Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2681 - giovedì 12 marzo 2015

Sommario
- Cassa in deroga e agenzia del lavoro: il 25 marzo confronto Ministro-Assessori
- Sanità: Lorenzin fa il punto
- Riforma Costituzione: ordini del giorno sul "sistema Conferenze"
- Riforma Costituzione: ordine del giorno su macroregioni
- Istat: cresce l'export italiano
- Rollandin: Poste non perda funzione sociale

+T -T
Riforma Costituzione: ordine del giorno su macroregioni

Testo accolto dal Governo

(Regioni.it 2681 - 12/03/2015) Durante il dibattito alla Camera sulla riforma della parte II della Costituzione è stato accolto dal governo un ordine del giorno sul tema della fusione di Regioni (vedi anche notizia precedente). Nel testo, presentato da Russo, si legge che “uno dei principali ostacoli che storicamente si frappongono alla compiuta realizzazione del regionalismo italiano è la scarsa consistenza, in termini di territorio e popolazione, di molte Regioni, che non raggiungono la «massa critica» necessaria all'esercizio di diversi poteri che ad esse sono stati devoluti”.
Non a caso, scrive Russo “nel corso del dibattito parlamentare è stato sollevato il tema della revisione dell'assetto territoriale attraverso l'istituzione di macroregioni, ponendo la discussione su un altro piano, sicuramente di slancio propositivo dal punto di vista strategico e operativo”. Secondo il firmatario “l'istituzione di macroregioni garantirebbe maggiore efficienza ed economicità della programmazione territoriale, nonché della coesione territoriale e dei livelli essenziali delle prestazioni, alle economie di scala possibili nel governo di vaste aree omogenee”. Non solo: le macroregioni eviterebbero “gli squilibri territoriali determinati dalla istituzione di città metropolitane dotate di competenze simili a quelle delle attuali regioni” e inciderebbero “positivamente sui costi della politica, riducendo la dimensione degli apparati e gli sprechi”.
Poiché “la riforma costituzionale razionalizza la competenza legislativa regionale riportando allo Stato il potere di legiferare su alcune materie, nonché abolendo l'attuale competenza concorrente delle Regioni” è necessario che il Governo verifichi, conclude Russo, “la possibilità di intervenire anche attraverso una propria iniziativa legislativa di rango costituzionale, coinvolgendo tutte le realtà interessate, per rivedere l'intero assetto territoriale e disporre la fusione di regioni esistenti”.


( sm / 12.03.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top