Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2684 - martedì 17 marzo 2015

Sommario
- Immigrazione: priorità nell'agenda di governo
- Fondi UE: si delinea la programmazione 2014-20
- UE: Commissione adotta Programma “Cultura e Sviluppo” 2014–2020
- Legge di stabilità: il testo dell'intesa Stato-Regioni sui tagli
- Concessioni demanio marittimo: serve tavolo con il Governo
- Cinsedo: pubblicati gli atti del I ciclo di seminari sulle politiche europee

Pubblicato anche il documento della Conferenza delle Regioni del 19 febbraio

+T -T
Legge di stabilità: il testo dell'intesa Stato-Regioni sui tagli

(Regioni.it 2684 - 17/03/2015) Il 26 febbraio è stata raggiunta l’Intesa tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano in merito all'attuazione della legge di stabilità.
In particolare l’intesa si riferisce all’attuazione dell’articolo 1 - commi 398, 465 e 484 - della legge 190/2014 (pubblicata anche negli atti della Conferenza Stato-Regioni del sito www.regioni.it).
L’intesa ricorda che "l'articolo 46, comma 6, del decreto legge n. 66 del 2014, come modificato dalla legge n. 190 del 2014, articolo 1, comma 398, ha previsto il concorso delle Regioni a statuto ordinario per complessivi 4.202 milioni di euro per gli anni 2015-2018 (750 milioni di euro + 3.452 milioni di euro) da definire mediante intesa in Conferenza Stato - Regioni entro il 31 gennaio 2015.
Al predetto contributo, si aggiunge quanto previsto dal decreto·legge n. 95 del 2012, articolo 16, comma 2, che prevede una riduzione delle risorse spettanti alle Regioni a statuto ordinario per 1.050 milioni di euro a decorrere dall'anno 2015.
Il raggiungimento dei predetti obiettivi di finanza pubblica per l'anno 2015 è effettuato con le seguenti modalità:
1) Contributo di cui all'articolo 16, comma 2, del DL 95/2012 mediante riduzione del Fondo per lo sviluppo e coesione per 1.050 milioni di euro;
2) Contributo di cui all'articolo 46, comma 6, del DL 66/2014 mediante:
a) riduzione delle risorse destinate al finanziamento del settore sanitario per 2.000 milioni di euro (con riferimento alla quota di pertinenza delle Regioni a statuto ordinario) e 2.352 milioni di euro, incluse le autonomie speciali;
b) utilizzo delle risorse per il patto verticale incentivato per 802,13 milioni di euro;
c) riduzione del Fondo per lo sviluppo e la coesione per 750 milioni di euro;
d) riduzione dell'edilizia sanitaria, in termini di saldo netto da finanziare, per 285 milioni di euro;
e) nriduzione di 285 milioni di euro del limite previsto dall'articolo 1, comma 465, della legge n.190/2014, in termini di indebitamento netto;
f) nulteriori risorse per 364,87 milioni di euro da recuperare su indicazione delle Regioni".
Si riportano di seguito le 3 tabelle contenute nella Intesa.
 
 



Il 19 febbraio la Conferenza delle Regioni aveva formulato le proprie proposte per arrivare all’intesa sulla legge di Stabilità. Tali proposte sono poi confluite in un documento - pubblicato sul sito www.regioni.it (sezione” conferenze”) - che è stato consegnato al Governo in occasione dlla Conferenza Stato-Regioni tenutasi lo stesso 19 febbraio.


( sm / 17.03.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top