Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2685 - mercoledì 18 marzo 2015

Sommario
- EXPO REGIONI: le notizie on line
- EXPO 2015: i portali di Valle d'Aosta, Friuli, Marche, Lazio e Abruzzo
- OPG: metà Regioni sono già pronte
- Sanità: Toscana approva riforma ASL
- Sanità: avviata riforma in Campania
- Dal 22 al 25 marzo Vinitaly

+T -T
Dal 22 al 25 marzo Vinitaly

Le iniziative regionali finora annunciate

(Regioni.it 2685 - 18/03/2015) Il 49/o Vinitaly si svolgerà a Veronafiere dal 22 al 25 marzo. Nell'ultimo decennio l'export dei vini italiani è cresciuto dell'88%, trainato delle esportazioni degli spumanti (+263%).
Arrivano le prime segnalazioni delle iniziative regionali.
Sono 105 le aziende vitivinicole provenienti da 4 province della Campania che parteciperanno a Vinitaly. Nel padiglione Campania, ha spiegato l'assessore regionale all'Agricoltura, Daniela Nugnes, “grandi novità reali rispetto agli anni passati non ce ne sono. L'unica novità, purtroppo negativa, è che i nostri imprenditori si sono autotassati a causa delle ristrettezze economiche in cui versano le casse regionali, ma anche le Cciaa”.
Con 69 produttori il Consorzio Vini del Trentino sarà a Vinitaly. Accanto a loro, oltre alle altre aziende del panorama vitivinicolo locale, gli spazi ospiteranno anche gli altri tre enti di riferimento del settore presenti sul territorio.
Le Marche invece puntano 112 aziende e saranno 210 le etichette nello stand della Regione. Sarà anche presentata l'indagine nazionale "Vino&Giovani" dell'Università Politecnica delle Marche, commissionata dall'Istituto Marchigiano di Tutela Vini-IMT.
“L'Umbria sarà presente anche quest'anno al Vinitaly di Verona con i suoi migliori vini per affermare, insieme alla qualità delle produzioni, il 'brand' dell'intera regione, i suoi territori e valori”, ha spiegato l'assessore regionale all'Agricoltura, Fernanda Cecchini.
Sono 600 gli espositori piemontesi che partecipano a Vinitaly. Il 60% della produzione nel 2014 è finita sui mercati esteri per un valore di oltre un miliardo di euro. “Continua il trend positivo dell'export - sottolinea l'assessore all'Agricoltura della Regione Piemonte, Giorgio Ferrero - i nostri vini costituiscono una grande risorsa economica e un simbolo del Made in Italy e Made in Piemonte”.
Mentre sarà il musicista jazz Francesco Cafiso, il testimonial siciliano del jazz nel mondo, l'ambasciatore del patrimonio enogastronomico del sudest della Sicilia.
Tanti gli appuntamenti tematici previsti dal Friuli Venezia Giulia a Vinitaly. Saranno presenti gli allievi dell'Istituto tecnico agrario "Brignoli" di Gradisca d'Isonzo con il loro spumante "Emopoli" e i ragazzi del progetto "Diversamente Doc", sostenuto dall'Azienda agricola Giorgio Colutta di Manzano.
Un padiglione  di 4 mila metri quadrati per raccontare  i vini dell’Emilia-Romagna e il territorio di cui sono espressione.  Con un filo conduttore rappresentato dalla Via Emilia. Dal 22 al 25 marzo l’Enoteca regionale dell’Emilia-Romagna sarà anche quest’anno  a Verona per Vinitaly 2015, con 200 tra cantine e consorzi, e  oltre 400 vini. “La scelta di proporre la via Emilia è importante – ha spiegato l’assessore regionale all’agricoltura Simona Caselli -sempre più si compete nel mondo per sistemi territoriali e l’Emilia-Romagna è un territorio che ha molto da dire.  Tra il 2009 e il 2013 l’export di vino emiliano-romagnolo è cresciuto dal 78% , ma  il potenziale è ancora notevole.”
Il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, spiega che “la Lombardia è la prima regione agricola d'Italia. Pochi lo sanno, ma a me piace sempre ricordarlo. Siamo primi per tante cose, e lo siamo anche in fatto di produzioni enogastronomiche. Una vocazione che noi vogliamo valorizzare. In fatto di vini, non primeggiamo per 'quantità', ma abbiamo etichette di eccelsa qualità e questo spiega il nostro impegno in Vinitaly”.
 
 
 
 
 
  
 
 
 
 
 
 





( Giuseppe Schifini / 18.03.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top