Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2698 - mercoledì 8 aprile 2015

Sommario
- DEF: Chiamparino, non ci sono margini per altri tagli alle Regioni
- Il Governo avvia l'esame del Def 2015
- Cgia: studio sul peso dei tagli a Regioni ed Enti locali
- Svimez: spending review e divari regionali
- Gli atti della Conferenza Stato-Regioni del 25 marzo
- Gli atti della Conferenza Unificata del 25 marzo

+T -T
DEF: Chiamparino, non ci sono margini per altri tagli alle Regioni

(Regioni.it 2698 - 08/04/2015) “Non vedo margini, dopo i cinque miliardi gia' tagliati". Così il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, parla del Def. Ai microfoni di Rai News, il Presidente del Piemonte sottolinea che "una operazione di razionalizzazione delle partecipazioni non può avere ricadute di cassa immediate, se non minime". Piuttosto, “si può fare un programma di medio periodo che consenta di migliorare il sistema delle partecipazioni pubbliche, locali e centrali”.
Infine Chiamparino torna a chiedere al governo un “incremento del fondo sanitario” dopo i sacrifici delle Regioni sullo stanziamento di quest'anno.
"E' paradossale che si parli di nuovi tagli appena conclusa la trattativa sulla legge di Stabilità”, aveva già spiegato al quotidiano "La Repubblica" il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino.
Difficile, insomma considerare l’ipotesi di tagliare ancora dopo i sacrifici del 2014, per Chiamparino “sicuramente non è una cosa semplice. perché nel 2014 le Regioni hanno tagliato 5,5 miliardi di euro. Un miliardo e settecento di tasse nazionali che serve a garantire il monte stipendi dei dipendenti. Al contrario, noi avremmo bisogno di garanzie di segno opposto: il taglio di 2,2 miliardi del fondo sanitario che abbiamo accettato per quest'anno non potrà essere replicato per il prossimo, a meno di non ridurre le prestazioni”.
“Ci sono Regioni, come il Piemonte, che devono rientrare dal disavanzo sanitario accumulato negli anni scorsi. Altre che non sono in questa situazione - prosegue -. Ma in generale non si può pensare di continuare a chiedere sacrifici senza immaginare che ci siano conseguenze sulle prestazioni ai cittadini”. Quanto alla scelta su chi debba risparmiare di più, “non si tratta di aprire una guerra tra istituzioni - spiega Chiamparino -. Ma io credo che ci siano amministrazioni centrali dello Stato che potrebbero forse contribuire maggiormente alla riduzione delle spese. Sono ragionamenti che si potranno fare solo quando avremo in mano le proposte dei ministeri competenti. Credo che ci dovremo incontrare per discuterne tutti insieme”.
“Credo che l'unico settore in cui si possa ancora intervenire sia quello della riduzione del numero delle societa' partecipate. Ma qui dobbiamo dirci le cose con chiarezza, senza prese in giro - aggiunge -: la riduzione delle partecipazioni regionali è certamente un'operazione virtuosa ma i suoi effetti non sono immediati. Si vedono nel medio periodo ed è dunque illusorio pensare che questa possa essere la chiave per consistenti riduzioni di spesa nel 2016”.


( sm / 08.04.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top