Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2711 - lunedì 27 aprile 2015

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 29 aprile
- "La buona scuola": le proposte emendative delle Regioni
- Chiamparino: contro la violenza negli stadi le società devono fare di più
- Trasporto pubblico locale: regole per bandi e gare, contributo per l'Autorità
- Legambiente: dare risposte e giustizia alle vittime dell'amianto
- Imprese alimentari: accordo su modalità controlli dei laboratori

Documento della Conferenza delle Regioni del 23 aprile

+T -T
Trasporto pubblico locale: regole per bandi e gare, contributo per l'Autorità

(Regioni.it 2711 - 27/04/2015) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 23 aprile ha approvato un documento per la consultazione pubblica dell'autorità di regolazione dei trasporti sullo “schema di atto di regolazione recante misure per la redazione dei bandi e delle convenzioni relativi alle gare per l’assegnazione in esclusiva dei servizi di trasporto pubblico locale passeggeri e definizione dei criteri per la nomina delle commissioni aggiudicatrici”. Il contributo delle Regioni è stato poi trasmesso dal Segretario Generale della Conferenza delle Regioni, Marcello Mochi Onori, al Segretario Generale dell’Autorità Regolazione dei Trasporti, Assunta Luisa Perrotti.
Il testo integrale è stato pubblicato nella sezione “Conferenze” del sito www.regioni.it.
Di seguito si riporta la sola premessa.
Contributo per la consultazione pubblica dell'autorità di regolazione dei trasporti sullo "schema di atto di regolazione recante misure per la redazione dei bandi e delle convenzioni relativi alle gare per l’assegnazione in esclusiva dei servizi di trasporto pubblico locale passeggeri e definizione dei criteri per la nomina delle commissioni aggiudicatrici". 
Premesse
Le Regioni e Province autonome, in via preliminare, segnalano due esigenze primarie:
I) appare necessario che l’atto di regolazione chiarisca se ed in che misura si deve tener conto di quanto previsto nell'emanando decreto sui costi standard, attualmente ancora oggetto di confronto tra MIT-MEF-Regioni-ANCI in sede di Conferenza Unificata, relativamente ai valori e alle metodologie da cui discendono, al fine di evitare difficoltà interpretative ed applicative in sede di definizione dei corrispettivi per i contratti di servizio;
II) per quanto attiene le informazioni minime da rendere disponibili in fase pre-gara, le richieste di cui alle misure e prospetti allegati appaiono decisamente sovradimensionate rispetto alle necessità, comportando enormi difficoltà operative e tempi estremamente lunghi per il reperimento dei dati richiesti, senza certezza del risultato.
Le Regioni e Province autonome, inoltre, come avevano già affermato nel documento inviato in occasione della prima indagine conoscitiva nel mese di agosto 2014, condividono, in linea teorica, l'impostazione della questione “beni essenziali” e “indispensabili” per l’effettuazione del servizio, stabilendo che per alcuni beni, seppur considerati “indispensabili”, non è possibile prevedere obblighi di cessione a fine mandato dall’attuale gestore/detentore al nuovo affidatario. Ribadiscono, a questo riguardo, il fatto che, sia nel caso del materiale rotabile che degli impianti fissi – con particolare riferimento all’esercizio del servizio ferroviario - la messa a disposizione dei beni a favore del subentrante è assolutamente dirimente nel contesto di assegnazione di servizi in esclusiva mediante gara, questione che appare oggi difficilmente risolubile in assenza di un'azione a livello governativo che definisca nuove regole, in grado di crearne le opportune condizioni di contesto. Ancora per quanto attiene ai beni, si sottolinea che sarebbe opportuna una maggiore chiarezza nella definizione delle diverse Misure (e in particolare della 2, 3 e 4), che si prestano a margini interpretativi troppo ampi. Sarebbe inoltre opportuno distinguere i casi di beni "ordinari" (ossia presenti nella generalità degli affidamenti) e i casi di beni “speciali”, definendo criteri di valorizzazione più precisi per i primi e criteri generali (metodologie di valorizzazione) per i secondi.


( red / 27.04.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top