Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2715 - lunedì 4 maggio 2015

Sommario
- Immigrazione: Alfano, il 7 maggio confronto con Anci e Conferenza Regioni
- Apre Expo 2015: le dichiarazioni dei presidenti delle Regioni
- In Trentino e Friuli si legge di più
- Elezioni regionali: 7 i candidati alla presidenza in Puglia
- Consiglio dei ministri 29 aprile: leggi regionali esaminate
- Contratti di rete: audizione delle Regioni il 5 maggio

+T -T
Apre Expo 2015: le dichiarazioni dei presidenti delle Regioni

Interventi di Frattura, D'Alfonso, Oliverio, Serracchiani, Zingaretti e Kompatscher

(Regioni.it 2715 - 04/05/2015) “Expo è iniziato molto bene, con tantissima gente e l'afflusso straordinario dei primi giorni è lì a dimostrarlo”. Così il presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni, su questi primi giorni di apertura di Expo 2015, e aggiunge: “Mi pare che, al di là di qualche dettaglio da sistemare in qualche padiglione, e al netto delle solite polemiche, si possa dare un giudizio estremamente positivo di questi primi giorni di Esposizione universale”.
“Insieme all’Italia anche noi, con il nostro Molise, all’Expo 2015”. Per il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, “inizia la grande sfida, inizia il grande sogno per tutto il Paese e per tutti noi”. A Milano saranno presentati i tesori del Molise “con una vetrina speciale, all’interno della mostra delle Regioni, dal 17 al 23 luglio prossimi”. Per la nostra settimana ospitata nel Padiglione Italia abbiamo lavorato e stiamo lavorando per dare conto ai milioni di visitatori previsti per l’Esposizione di Milano dell’essenza e delle potenzialità della nostra terra, non solo per mostrarla a Milano, ma soprattutto per suscitare la curiosità nei confronti del Molise, per invogliare a una conoscenza diretta della nostra realtà”.
Il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso, si dice “convinto che Expo riuscirà a donare alle regioni italiane la capacità, l'abitudine, direi la bravura nel competere”.
"Le Regioni - dichiara D’Alfonso - devono ritrovare l'attitudine a presentarsi in bella forma, a funzionare durevolmente e a esprimere la parte migliore di se stesse. L'Abruzzo ha da esporre valore e significato. Siamo convocati da un appuntamento di questo tipo, che connette l'Abruzzo al mondo e, se possibile, il mondo all'Abruzzo. Abbiamo 400 modi di essere abruzzesi e questa è una grande occasione per far conoscere tutti questi modi”.
E’ un’occasione importante per nostro Paese. Lo sottolinea il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, “Expo è un evento eccezionale, una manifestazione che segnerà sei mesi importanti per il nostro Paese. Noi ci siamo; l'esposizione è una grande opportunità, una occasione per l'Italia, ed anche per la nostra regione”.
“In tre mesi - ha aggiunto Oliverio -, con un grande lavoro, abbiamo recuperato uno spazio che ci consente di avere una presenza di rilievo, significativa, e sostanziato un programma denso che ci consentirà non solo di proiettare in questa vetrina mondiale le bellezze e le risorse della nostra regione ma che permetterà di portare in Calabria un parte delle migliaia di persone che parteciperanno alla manifestazione. In tal senso
stiamo lavorando ed abbiamo definito un accordo con Alitalia per l'abbattimento delle tariffe aeree con pacchetti agevolati perché da Milano, ed anche da Roma e da Torino, si possano raggiungere, nel periodo Expo, Lamezia Terme e Reggio Calabria in tempi rapidi e con tariffe sostenibili”.
“Expo - ha detto Deborah Serracchiani, presidente della Regione Friuli - è una grande occasione per tutti. Vi consiglio di andarci. È bella, culturalmente bella. Una figata”. Poi Serracchiani ha stigmatizzato gli scontri di Milano: “Quelli che li hanno provocati sono violenti senza coraggio”.
“La Regione – aggiunge Serracchiani - è pronta all'appuntamento di questo Expo, è una grande occasione per fare conoscere la produzione vitivinicola regionale, per conquistare nuovi spazi e nuovi mercati, per far conoscere il nostro territorio. Dai sei mesi di Expo, ci aspettiamo per il Friuli Venezia Giulia una grande visibilità, che significa anche conoscenza del nostro straordinario patrimonio alimentare, culturale e turistico, nonché della sua opportunità geopolitica”.
Verrà inaugurato il 5 maggio, all'interno del Padiglione Italia, lo spazio espositivo della regione Lazio, e il presidente Nicola Zingaretti sottolinea che “non è più il tempo degli egoismi, se continuiamo a pensare a un Lazio senza identità non abbiamo capito niente”.
Quello della Regione Lazio sarà uno stand multimediale, “caratterizzato dall'utilizzo di tecnologie all'avanguardia” – spiega Zingaretti – “I visitatori potranno interagire con visori e monitor leap motion, usufruire di un'area dedicata alla realtà virtuale 3D”.
“Sarà uno spazio sempre aperto ai visitatori di tutto il mondo e in grado di conquistarli con quelle eccellenze, uniche al mondo, che sono il cuore della nostra regione”, spiega sempre Zingaretti. “L'Expo lo viviamo cosi', promuovendo tutto il Lazio, preparando un cartellone che promuove le bellezze regionali”. Saranno otto i grandi temi scelti per raccontare il meglio del Lazio attraverso mostre e appuntamenti, tra questi “Tutte le strade portano a Roma” e “L'area centrale dei Fori”.
“Per noi l'Expo – afferma il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher - è già ora un grande successo. Non solo perché siamo presenti con uno stand molto ben riuscito, ma anche perché 60 imprese altoatesine hanno realizzato progetti di prestigio nei padiglioni di vari Paesi”.
L'Expo è una grande opportunità da un lato per aumentare l'export, “dall'altro per presentare la destinazione Alto Adige al mondo, rafforzando la riconoscibilità della nostra offerta territoriale e turistica sui mercati internazionali”.


( Giuseppe Schifini / 04.05.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top