Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2719 - venerdì 8 maggio 2015

Sommario
- Politiche sociali: ripartiti tre fondi
- Immigrazione: interventi di Rollandin, Garavaglia, Serracchiani e Chiamparino
- P.A.: ok a tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento
- Istat: dati su prospettive economiche
- Expo 2015: 9 maggio, la meravigliosa storia dell'acqua
- Trasporto pubblico locale in Italia: una proposta al governo
- Regioni: coordinamento protezione civile alla provincia autonoma di Trento

Documento della Conferenza delle Regioni del 7 maggio

+T -T
P.A.: ok a tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento

(Regioni.it 2719 - 08/05/2015) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 7 maggio, ha espresso un parere positivo sul Dpcm contenente le tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai contratti relativi ai diversi comparti.
Il “via libera” delle Regioni (vedi anche “Regioni.it” n.2718) è stato ufficializzato nel corso della Conferenza Unificata, ma è condizionato all’accoglimento di una proposta emendativa contenuta in un documento consegnato al Governo e pubblicato sul sito www.regioni.it (sezione “Conferenze”).
Si riporta di seguito il testo integrale.
Punto 2) O.d.g. Conferenza Unificata
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella seduta odierna, esaminato lo schema di D.P.C.M. contenente le tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai CCNL relativi ai diversi comparti di contrattazione ai sensi dell’articolo 29 bis del D.lgs 165 del 2001, esprime parere favorevole condizionato all’accoglimento della seguente proposta emendativa:
All’articolo 3, comma 2, inserire dopo le parole “fisse e continuative” le seguenti “previste e disciplinate dalla contrattazione collettiva nazionale”.
La modifica si rende necessaria al fine di chiarire la natura inequivocabile delle voci fisse e continuative del trattamento accessorio da computare nell’eventuale assegno ad personam. Tali voci non possono che essere quelle previste e disciplinate in maniera omogenea ed uniforme dal CCNL di 1° livello applicabile a tutte le amministrazioni rientranti nello stesso comparto contrattuale.
Pertanto, la riformulazione proposta evita di ricomprendere nell’eventuale assegno ad personam tipologie retributive di natura fissa introdotte dalla contrattazione integrativa decentrata; con ciò neutralizzando prevedibili sperequazioni, anche pensionistiche, tra il personale proveniente da enti diversi del medesimo comparto contrattuale ed escludere l’insorgenza di nuovi oneri a carico della finanza pubblica.


( red / 08.05.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top