Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2746 - giovedì 18 giugno 2015

Sommario
- Conferenza Regioni: Chiamparino formalizzerà dimissioni il 2 luglio
- Chiamparino su immigrazione, tagli sanità e agenzie per l'impiego
- Chiamparino: Errani ha dimostrato di essere un uomo di qualità
- Rinnovabili: in calo fotovoltaico nel 2014
- Immigrazione: i risultati del confronto Alfano, Regioni e Comuni
- ONU: nel 2014 è migrato un Paese come l'Italia

+T -T
ONU: nel 2014 è migrato un Paese come l'Italia

Il 20 giugno è la giornata mondiale del rifugiato

(Regioni.it 2746 - 18/06/2015) L’Onu comunica che il numero degli sfollati nel mondo è di 60 milioni, un Paese come l’Italia si muove costretto a cercare fortuna da un’altra parte. Sono oltre 42mila persone al giorno che cercano una nuova destinazione.
Il numero di rifugiati, richiedenti asilo e sfollati interni fuggiti da guerre e persecuzioni è alla fine del 2014 di 59,5 milioni persone. E’ in netto aumento rispetto ai 51,2 milioni di un anno prima ed ai 37,5 milioni di 10 anni fa. Nel mondo un essere umano su 122 ha dovuto abbandonare la propria casa e il 20 giugno è la giornata mondiale del rifugiato
A fine 2014 il numero di migranti forzati in Europa ha raggiunto quota 6,7 milioni, rispetto ai 4,4 milioni alla fine del 2013, in aumento del +51%, secondo l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) nel suo ultimo rapporto annuale 'Global Trends 2014'. I paesi europei che hanno ricevuto il maggior numero di domande di asilo sono stati la Germania e la Svezia.
Il conflitto in Ucraina, il numero record di 219.000 attraversamenti del Mediterraneo e la consistente presenza di rifugiati siriani in Turchia - che ha portato la Turchia a diventare nel 2014 il principale paese di accoglienza di rifugiati al mondo, con 1,59 milioni di rifugiati siriani presenti alla fine dell'anno.
“Se si trattasse della popolazione di un paese risulterebbe il 24/mo paese più popoloso del mondo", afferma l'Unhcr. Circa la metà dei rifugiati sono bambini. “Stiamo assistendo ad un cambiamento di paradigma”, ha commentato l'Alto Commissario Onu per i rifugiati Ant¢nio Guterres. “E terrificante che da un lato vi è sempre più impunità per chi scatena i conflitti e dall'altro si osserva un'apparente incapacità totale della comunità internazionale a lavorare insieme per fermare le guerre e costruire e preservare la pace”.
Nelle Americhe si è assistito a un incremento delle migrazioni forzate del +12% in un anno. Secondo il Rapporto Global Trends 2014 dell'Unhcr nel corso del 2014 il numero di rifugiati colombiani è sceso da 360.300 a 36.300, anche se ciò è avvenuto principalmente a causa di una revisione del numero di rifugiati segnalati dal Venezuela.
La Colombia ha però continuato ad avere una delle più grandi popolazioni di sfollati interni del mondo, stimata in circa 6 milioni di persone, con 137.000 nuovi sfollati interni colombiani durante l'anno. L'aumento del numero di persone in fuga dalla violenza delle bande o da altre forme di persecuzione in America centrale ha anche provocato un incremento di 36.800 unità (pari al 44 per cento) nelle domande d'asilo presentate negli Stati Uniti rispetto al 2013.
Sono i populismi dei Paesi Ue a pesare sulla difficoltà di intesa per i 40 mila ricollocamenti obbligatori dei migranti proposti dalla Commissione europea. Lo afferma il relatore speciale Onu Francois Crepeau, che si dice “non molto fiducioso”, spiegando che comunque “dipenderà dalle campagne elettorali nazionali dei prossimi 12 mesi. In molti Paesi i movimenti nazionalisti e populisti hanno dettato i termini del dibattito per 30 anni e i partiti principali non sono stati capaci di far valere argomenti diversi”.

https://www.unhcr.it/dona?gclid=CMHbxpfBmcYCFeLHtAodYTMEew


( Giuseppe Schifini / 18.06.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top