Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2749 - martedì 23 giugno 2015

Sommario
- Alfano: 78 mila migranti ospitati in Italia
- Istat: dati provvisori bilanci consuntivi 2013 Regioni
- Renzi: la Cristillin alla guida dell’Enit
- Toscana: le deleghe della Giunta Rossi
- Marche: Ceriscioli vara la nuova Giunta
- Seminario Cinsedo su libera circolazione cittadini nell'Unione Europea

+T -T
Toscana: le deleghe della Giunta Rossi

(Regioni.it 2749 - 23/06/2015) Illustrando le deleghe attribuite ai diversi assessori, i cui nominativi erano già stati preannunciati, vedi “Regioni.it” del 19 giugno), il presidente della Toscana, Enrico Rossi si è soffermato su alcune caratteristiche della nuova Giunta che punta su “accorpamenti forti e forti personalità”. “Questo esecutivo - ha spiegato Rossi - ha due facce: da una parte è composto da persone con esperienza politica e amministrativa consolidata, che proseguono nel loro incarico dopo aver ottenuto buoni risultati nella precedente legislatura; dall'altra è espressione di professionalità qualificate, che hanno dimostrato volontà e competenza sul campo”.
“Con gli accorpamenti fatti -- ha aggiunto -- creeremo dei maxiassessorati organizzati per aree omogenee ed andremo a risparmiare circa il 50% sulle spese per la struttura politica della Giunta. Passeremo dai 5 milioni del 2009 a circa 2,5 milioni nel 2015”. Circa l'assegnazione delle deleghe il presidente ha spiegato di aver deciso di conferire a Bugli una specifica delega alla sicurezza perché “si tratta di un tema importante, politico, che ha bisogno di essere seguito in maniera assidua”.
Quanto alla decisione di slegare la delega alla casa dal sociale (assegnato a Saccardi) e di affiancarla all'urbanistica (assegnata a Ceccarelli), Rossi ha precisato che si tratta di una scelta condivisa dalla stessa Stefania Saccardi e legata alla volontà di avere un 'apripista pubblico' che miri al recupero e alla ristrutturazione degli edifici esistenti invece che alla realizzazione di sempre nuove costruzioni.
Per quanto riguarda l'abbinamento della protezione civile (prima di competenza del presidente) con l'ambiente, Rossi ha sottolineato che si tratta di una scelta fondata sulla consapevolezza che il tema necessita dell'attenzione costante di un assessore. "Quanto alla scelta di separare cultura e turismo -- ha aggiunto infine il presidente -- è maturata perché credo che in Toscana la cultura non può più essere considerata 'ancella' del turismo, ma debba avere una propria forza prorompente e proprie politiche mirate”.
Sono otto quindi gli assessorati con deleghe che si uniscono per formare quelli che lo stesso presidente Rossi ha più volte definito 'maxiassessorati'. La ripartizione delle competenze tra i membri della nuova Giunta regionale toscana disegna una realtà molto diversa da quelle consuete nel passato, quando gli assessorati regionali erano 14 o perfino 15.
Ai tre assessori uscenti Vittorio Bugli, Vincenzo Ceccarelli e Stefania Saccardi sono state confermate le deleghe attuali, con l’aggiunta di ulteriori competenze.
Questo il quadro riassuntivo relativo ai tre assessori “riconfermati”:
- Vittorio Bugli vede confermate le deleghe alla Presidenza, a finanze e bilancio, al personale, ai rapporti istituzionali, ma a queste si somma la sicurezza; 
- Vincenzo Ceccarelli manterrà le deleghe ad infrastrutture, mobilità e cave, ma si occuperà anche di governo del territorio, urbanistica ed edilizia sociale;
- Stefania Saccardi si occuperà di sanità, sociale e sport.
Questi invece gli incarichi assegnati ai neo-assessori:
Stefano Ciuoffo si occuperà di sviluppo economico, turismo, commercio, attività produttive e credito.
Federica Fratoni sarà il nuovo assessore all'ambiente, anche con competenze precedentemente in capo alle Province. Dunque Fratoni si occuperà di politiche ambientali, rifiuti, energia, prevenzione degli inquinamenti, autorizzazioni ambientali, parchi, terme, assetto idrogeologico e protezione civile;
Cristina Grieco avrà la delega a istruzione e formazione, un assessorato che diventerà strategico dato che l'accorpamento dell'istruzione alla formazione consentirà l'accesso alle risorse del fondo sociale europeo per sostenere l'avvicinamento tra mondo della scuola e mondo del lavoro;
Marco Remaschi sarà il nuovo assessore regionale all'agricoltura con delega a caccia, pesca e politiche per la montagna;
Previsto anche un ottavo assessore -- sul nome del quale il presidente Rossi non ha sciolto la riserva -- che si occuperà di cultura, ricerca e università ed avrà la vicepresidenza.
Di lavoro, gestione dei fondi europei e comunicazione si occuperà direttamente il presidente Rossi.
Infine Alfonso Musci è il nuovo portavoce del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Musci già dal novembre 2013 lavorava nella segreteria del presidente. Nato a Taranto il 20 ottobre 1981, si è laureato a Pisa in filosofia. Ha svolto attività di studio e ricerca in storia della filosofia a Firenze, Napoli, Trento, Innsbruck e San Marino. E' redattore del "Giornale critico della filosofia italiana", rivista fondata da Giovanni Gentile, e di "Rinascimento", a lungo animata da Eugenio Garin. E' autore di saggi e articoli.


( red / 23.06.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top