Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2756 - venerdì 3 luglio 2015

Sommario
- Terzo valico: le posizioni di Toti e Chiamparino
- De Luca: prossimamente cose positive per l'Italia e per la Campania
- Province: il monitoraggio della legge 56/2014, regione per regione
- Opere pubbliche incompiute: i dati del ministero delle infrastrutture
- Expo 2015: "Appennino parco d'europa" e "frontiera mediterranea"
- Zaia: se va avanti così, il futuro della sanità sarà rappresentato dai privati

+T -T
Terzo valico: le posizioni di Toti e Chiamparino

Il presidente della Liguria scrive a Renzi, quello del Piemonte chiede un incontro fra le tre regioni coinvolte e il ministro Delrio

(Regioni.it 2756 - 03/07/2015) Dura presa di posizione del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti sulla recente esclusione del Terzo Valico, la linea ferroviaria ad alta velocita'/capacita' Genova - Milano, dalla lista dei progetti considerati eleggibili del primo bando annuale e multi-annuale di finanziamenti nell'ambito dell'iniziativa Cef - Connecting Europe Facilities.
In una lettera inviata il 3 luglio al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Del Rio, Toti premette di “aver appreso con sorpresa il mancato finanziamento dell'opera” e chiede che “in occasione della riunione del comitato di programma organizzata dalla Commissione Europea con i rappresentanti degli Stati membri per venerdi' 10 luglio a Bruxelles, il delegato italiano proponga formalmente una correzione delle precedenti determinazioni della Commissione”, in modo che “prevalga una scelta ispirata ai principi di coesione” e che la realizzazione del Terzo Valico “come strumento di integrazione del sistema nord ovest con i suoi mercati oltre le Alpi possa procedere in sintonia con i tempi che, purtroppo, la Svizzera sa garantire molto meglio di noi per attuare Loetschberg e Gottardo”. Nella lettera Toti ricorda che proprio la Svizzera “nei giorni scorsi in nome di esigenze di crescita e di competitività, ha deciso il raddoppio (dopo soli sette anni dall'inaugurazione!) di alcune tratte di alimentazione del Loetschberg oltre al completamento del Gottardo, opere con le quali il Terzo Valico si pone in immediata contiguità. Senza un'accelerazione del Terzo valico si produrrà - e purtroppo già si produce - il rischio che il corridoio Alpi Reno funzioni solo verso sud, e cioè per alimentare la pianura padana dai porti del nord Europa, e non nella sua tratta meridionale per collegare, viceversa, il sistema portuale
ligure, del mezzogiorno e il nord ovest del paese ai loro mercati della pianura padana e della Baviera". Il presidente della Regione Liguria aggiunge poi nella lettera che "la realizzazione del Terzo Valico, avuto riguardo a indiscutibili dati di traffico, costituisce l'unico strumento di alimentazione dell'Europa meridionale da Sud attraverso il sistema portuale italiano”. Secondo il presidente ligure l'esclusione dai finanziamenti non può giustificarsi con il carattere non trasfrontaliero dell'opera in quanto “una serie di lavori su linee ferroviarie proposte da Germania, Francia, Belgio e Spagna hanno ricevuto il massimo del finanziamento possibile, pur non essendo sezioni transfrontaliere ma semplici colli di bottiglia esattamente come il Terzo Valico”. La richiesta del presidente Toti è di “evitare scelte di politica dei trasporti europee e nazionali inconsistenti, contrarie alla ragionevolezza e disarticolate dai principi europei di coesione, crescita e competitività”.
"Terzo Valico, a @GiovanniToti pieno sostegno da @LombardiaOnLine". E' il commento espresso dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, sul suo profilo Twitter
Sul tema del Terzo Valico ferroviario il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, suggerisce al ministro dei Trasporti Graziano Delrio di farsi promotore di “un incontro preliminare con le tre regioni maggiormente interessate all'opera: Piemonte, Liguria e Lombardia". Un'iniziativa utile - sostiene Chiamparino – “in vista della riunione del comitato di programma organizzata per il 10 luglio prossimo a Bruxelles. “La lettera del presidente (della Regione Liguria, ndr) Toti - dice Chiamparino - pone un problema vero sul quale si gioca, almeno in parte, la capacità di spostare l'asse dello sviluppo sul versante mediterraneo dell'Europa, con tutte le implicazioni che questo ha in termini di crescita economica e di creazione di nuovi posti di lavoro. E' un obiettivo che la Regione Piemonte sostiene da tempo con i diversi governi che si sono succeduti”.
Il 29 giugno il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, commentava molto positivamente i progetti italiani che la Commissione europea ha scelto e proposto di cofinanziare nell'ambito del Cef (Connecting Europe Facility): "Sono stati scelti 15 progetti, ma in particolare, la galleria di base del Brennero, l'alta velocità Torino Lione e il potenziamento tecnologico e infrastrutturale della Chiasso-Milano sono i più rilevanti: tre progetti europei a cui la Commissione parteciperebbe con oltre 2 miliardi di euro". "L'Italia è al centro dei principali corridoi europei - ricorda il Ministro Delrio - ed è quindi un'ottima notizia il fatto che la Commissione europea abbia scelto progetti che ci consentono di continuare l'opera impostata per connettere sempre meglio l'Italia all'Europa, da cui è fisicamente separata da Alpi e mare. Sarà di grande aiuto, a noi e ai paesi in dialogo con l'Italia”.
“Il sistema logistico italiano, che verrà ulteriormente rafforzato dal piano strategico della logistica e dei porti - continua il Ministro - verrà potenziato da queste opere che consentiranno alle imprese italiane collegamenti più efficaci e un trasporto più sostenibile. La scelta dei grandi corridoi ferroviari è una strategia vincente che, unitamente a massicci investimenti sull'Alta velocità nel Sud e un sistema più efficiente per il trasporto pubblico locale possono e devono cambiare sostanzialmente il viaggio in Italia delle persone, delle merci e delle idee". Come ha affermato a Bruxelles la Commissaria ai trasporti Violeta Bulc la proposta della Commissione europea al Parlamento prevede 276 progetti nazionali selezionati a cui, tramite il programma Cef, verranno assegnati 13,1 miliardi di cofinanziamento.
 
 
 
 


( red / 03.07.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top