Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2758 - martedì 7 luglio 2015

Sommario
- Lavoro: Rossi su decreti delega
- Decreto enti territoriali: Garavaglia, agire su leve per investimenti
- Senato: relazione su Servizio Sanitario Nazionale
- Conferenza Unificata rinviata al 16 luglio
- Fmi e Ocse su andamento economia
- Serracchiani su sblocco vicende Fincantieri e Whirpool

+T -T
Fmi e Ocse su andamento economia

(Regioni.it 2758 - 07/07/2015) Il Fondo Monetario Internazionale riafferma i rischi relativi alla crisi greca e il possibile impatto anche sulla nostra economia.
Il Fmi ritiene che “gli avversi sviluppi in Grecia potrebbero avere un sostanziale impatto sull'Italia tramite effetti sulla fiducia, anche se l'esposizione diretta è limitata”, come limitati sono “i rischi di contagio nel breve termine”.
Il Fondo Monetario aggiunge che in Italia la ripresa è fragile. Il Fmi, prevede un Pil in crescita dello 0,7% nel 2015 e dell'1,2% nel 2016.
Comunque c'è apprezzamento per gli interventi promossi dal nostro Governo. Il premier Renzi ha avviato infatti “un'ambiziosa agenda per rivedere il sistema economico e politico italiano”.
Il Fondo incoraggia le misure di privatizzazione per migliorare l'efficienza del settore pubblico e chiede un’accelerazione su queste apprezzando in particolare l'operazione Enel.
Il rapporto deficit/pil arriverà al 2,7% quest'anno per scendere al 2,1% nel 2016; il debito salirà ancora, al 133,3% quest'anno, per tornare a scendere al 132,1% nel 2016.
Invece per l’Ocse nel 2014 il rapporto debito lordo/Pil dell'Italia è salito a quota 156%, contro il 142,95% del 2013 e il 110,63% del 2007. Il dato è il terzo più elevato dell'area Ocse, dopo Giappone e Grecia. L'Ocse taglia la previsione di crescita globale dal 4% al 3,1%. Abbassata anche la percentuale di crescita prevista per il 2016 al 3,8% dal 4,8%.
Inoltre l’Ocse evidenzia come l'Italia è, insieme a Grecia e Ungheria, il Paese dell'area Ocse dove i cittadini più poveri incontrano le maggiori difficoltà nel permettersi le spese mediche.
“In tutti i paesi europei le persone con bassi redditi nel 2013 hanno avuto una probabilità maggiore di riportare necessità mediche non curate rispetto alle persone con alto reddito e questo gap è particolarmente elevato in Ungheria, Italia e Grecia”, l’Ocse aggiunge che “il motivo più comune citato è rappresentato dai costi”.
L'Italia - sottolinea ancora l'Ocse - è inoltre uno di quei Paesi dove la quota totale della spesa per il welfare è aumentata dall'inizio della crisi (toccando il 41,3% nel 2013) a causa del forte aumento della disoccupazione.
Nel 2014, il rapporto debito lordo/Pil dell'Italia è salito a quota 156%, contro il 142,95% del 2013 e il 110,63% del 2007, rileva sempre l’Ocse.
Infine ci sono anche i dati forniti da Eurostat sulla spesa della pubblica amministrazione nell'Eurozona. Nel 2014 questa ha raggiunto 4.961 miliardi, il 49% del Pil contro il 49,4% nel 2013. Tra gli Stati Ue, si passa da una percentuale inferiore al 35% del Pil in Lituania e Romania a oltre il 57% di Finlandia, Francia e Danimarca. L'Italia è al 51,1% nella spesa per la pubblica amministrazione. I cali maggiori nella spesa rispetto al 2013 si evidenziano in Grecia -10,7% e Slovenia -9,9%.

Le stime Fmi per l'Italia fino al 2020.

                                 2015   2016   2017   2018   2019   2020

---------------------------------------------------------------

 

PIL                          +0,7%   +1,2%   +1,1%   +1,1%   +1,0%   +1,0%

DISOCCUPAZIONE   +12,5% +12,2% +11,9% +11,5% +11,1% +10,7%

DEBITO                   +133,3% +132,1% +130,5% +128,4% +125,8% +122,9%

DEFICIT-PIL              2,7%   2,1%   1,4%   0,8%   0,4%   0,2%

 



( Giuseppe Schifini / 07.07.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top