Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2767 - lunedì 20 luglio 2015

Sommario
- Il 23 luglio Conferenza delle Regioni
- Decreto enti territoriali: il parere delle Regioni
- Serracchiani: fondi UE, tra prime 5 regioni per capacità spesa
- Immigrazione: UE discute Piano immigrazione comunitario
- Expo: su www.regioni.it il calendario eventi del "sistema regioni"
- Simoncini su tema personale e centri per l'impiego

Documento della Conferenza delle Regioni del 16 luglio

+T -T
Decreto enti territoriali: il parere delle Regioni

(Regioni.it 2767 - 20/07/2015) Le Regioni hanno espresso il proprio parere sul Ddl di conversione in legge del Dl che prevede disposizioni urgenti in materia di enti territoriali. Il DL in esame presenta alcuni profili di criticità sia nel merito dei contenuti sia nell’assenza di alcuni emendamenti richiesti più volte dalle Regioni e illustrati e condivisi dal Governo in sede di Conferenza Stato Regioni.
Nel documento che contiene il parere e che è stato consegnato al governo in occasione della Conferenza Unificata del 16 luglio, la Conferenza delle Regioni segnala soprattutto problematiche relative agli investimenti e ai servizi per l’impiego.
In particolare, in materia di investimenti le regioni sottolineano che “non è stato recepito l’emendamento per esclusione degli investimenti dal pareggio di bilancio in competenza per Regioni che hanno rispettato i tempi di pagamento verso fornitori”.
Quanto invece ai “servizi per l’impiego” (articolo 15) “le regioni hanno più volte ricordato, come del resto anche la Corte dei Conti, come i pesanti tagli agli enti locali mettano a rischio l’attuazione della legge 56/2014 “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni” e “l’articolo 15 del DL 78/2015 complica il quadro normativo, infatti, a fronte di costi per il funzionamento dei “Centri per l’impiego” di circa 210 milioni di euro, il decreto finanzia solo 70 milioni. Manca quindi la copertura finanziaria. La norma così formulata è incostituzionale e determina disavanzi nei bilanci regionali”.
Si riporta di seguito il testo del documento, senza gli emendamenti allegati. Il documento integrale è stato pubblicato nella sezione Conferenze del sito www.regioni.it .
Punto 14) O.d.g. Conferenza Unificata
Il provvedimento in esame si inserisce in un quadro di finanza pubblica in cui le Regioni e le province autonome sono state chiamate a partecipare pesantemente al miglioramento dei saldi delle grandezze macroeconomiche.
Si ricorda che la legge di stabilità 2015 ha richiesto un contributo alla Regioni e province autonome di circa 4 miliardi a decorrere dal 2015 che incide sulla spesa primaria per circa il 5% a fronte di un target di risparmio, dichiarato nelle intenzioni del DDL stabilità 2015, di circa il 3% per ogni comparto della PA.
Gli effetti cumulati delle manovre che si sono susseguite portano il contributo delle Regioni e province autonome alla finanza pubblica, dal solo 2012, a circa 7,8 miliardi a cui si aggiunge la perdita di entrata derivante dal minor gettito da manovra IRAP nazionale per circa 450 milioni (RSO) e il “valore” della manovra dell’applicazione delle norme sul “pareggio di bilancio” che vale per le regioni a statuto ordinario circa2,8 miliardi.
Si sottolinea che per prime, e unico settore della PA, le Regioni a statuto ordinario e la Sardegna applicano dal 2015 le regole disposte dalla legge 24 dicembre 2012, n. 243, ai sensi dell’articolo 81, sesto comma della Costituzione entra in vigore nel 2016, quando nella nota di aggiornamento al DEF, il Governo ha chiesto alla UE il rinvio al 2017.
Pertanto si può affermare che il sistema delle Regioni rispetterà l’equilibrio di bilancio oltre a contribuire al risanamento dei conti pubblici. L’introduzione del principio del pareggio di bilancio comporta il divieto di indebitamento per il finanziamento degli investimenti già a decorre da quest’anno oltre che preoccupanti difficoltà per la chiusura del ciclo di programmazione 2007-2013 dei fondi comunitari poiché nell’ultimo anno di rendicontazione (il 2015) si concentra una massa notevole di pagamenti i cui rimborsi da parte della UE, per gran parte, avverranno nell’esercizio successivo.
Il DL in esame presenta alcuni profili di criticità sia nel merito dei contenuti sia nell’assenza di alcuni emendamenti richiesti più volte dalle Regioni e illustrati e condivisi dal Governo in sede di Conferenza Stato Regioni.
In particolare, in materia di:
investimenti: non è stato recepito l’emendamento per esclusione degli investimenti dal pareggio di bilancio in competenza per Regioni che hanno rispettato i tempi di pagamento verso fornitori. Si ricorda che le Regioni sono l’unico comparto della PA che da quest’anno applica le norme del pareggio di bilancio che diventeranno obbligatorie per tutte le PA dal primo gennaio prossimo. Questa anticipazione normativa al 2015 costituisce di fatto una sorta di sperimentazione delle norme più stringenti che entreranno in vigore dall’anno prossimo. Attualmente la disciplina impedisce sostanzialmente l’attivazione degli investimenti e introduce serie difficoltà per il proseguimento di quelli in essere. In considerazione del fatto che l’art. 21 della Legge del 24 dicembre 2012, n. 243 stabilisce nuove disposizioni per la finanza degli enti territoriali e quindi anche delle Regioni, entra in vigore a decorrere 1° gennaio 2016, si ritiene coerente con la normativa a legislazione vigente la possibilità dell’esclusione per il 2015 dal “pareggio di bilancio” degli impegni in conto capitale per gli investimenti effettuati per le Regioni che hanno pagato nei tempi previsti dalla legislazione vigente. Le predette Regioni, infatti, dimostrano nei fatti una capacità di programmazione delle spese e dei flussi di cassa che permette i pagamenti nei tempi previsti dalla normativa.
Le Regioni invitano il Governo in ogni caso aprire una riflessione sulle implicazioni future dell’applicazione delle norme della legge 243/2012 a partire dal 2016 in materia di investimenti, al fine di impedire al Paese, in una fase così delicata della situazione economica, di trovarsi in una situazione di inammissibilità di ogni tipo di investimento.
Servizi per l’impiego (articolo 15): le regioni hanno più volte ricordato, come del resto anche la Corte dei Conti, come i pesanti tagli agli enti locali mettano a rischio l’attuazione della legge 56/2014 «Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni»
L’articolo 15 del DL 78/2015 complica il quadro normativo, infatti:
- a fronte di costi per il funzionamento dei “Centri per l’impiego” di circa 210 milioni di euro, il decreto finanzia solo 70 milioni. Manca quindi la copertura finanziaria. La norma così formulata è incostituzionale e determina disavanzi nei bilanci regionali.
- Il finanziamento di 70 milioni è solo per gli anni 2015 e 2016 a fronte di costi continuativi e permanenti (costi di personale a tempo indeterminato). Senza considerare i costi del personale a tempo determinato;
- «le politiche attive per il lavoro» sono materia di competenza provinciale che sarà trasferita dalla nuova Riforma Costituzionale in capo allo Stato. Non si comprende perché il personale debba transitare dalle regioni.
- In ogni caso, l’eventuale delega di tali funzioni alle Regioni in ottemperanza alla legge 56/2014 dovrà rispettare la correlazione “trasferimento funzioni – adeguate risorse permanenti a copertura”.
- Le Regioni ritengono indispensabile un’Intesa forte su questa materia che prefiguri, a regime, in un quadro di livelli essenziali di prestazioni un ruolo attivo delle Regioni. Le politiche attive del lavoro si costruiscono sui territori e sono strettamente correlate, sia nell’attuale contesto istituzionale che a riforme attuate, con la formazione professionale e lo sviluppo economico.
cofinanziamento nazionale ai fondi strutturali dell’Unione Europea: è esteso l’utilizzo a comuni e città metropolitane delle risorse pari a 700 milioni che la legge di stabilità metteva
a disposizione delle regioni. Tale norma a favore degli enti locali mette in difficoltà nuovamente le regioni nell’anno finale delle rendicontazioni 2007 - 2013 a fronte delle crescenti preoccupazioni sull’impiego dei fondi strutturali, aggravando ulteriormente il peso della manovra della legge di stabilità sul 2015 sugli equilibri di bilancio.
Le Regioni esprimono parere favorevole al decreto legge condizionato all’approvazione degli emendamenti allegati che mirano a:
promuovere lo sviluppo: sbloccare gli investimenti coniugando le necessità dei conti
pubblici con le nuove regole del pareggio di bilancio;
risolvere alcune questioni tecniche dell’applicazione delle nuove regole del pareggio di bilancio con le regole del D.lgs 118/2011 riguardante l’armonizzazione dei sistemi contabili entrato in vigore per tutte le amministrazioni territoriali da quest’anno;
favorire l’utilizzo delle risorse dei fondi comunitari nell’anno di chiusura della programmazione 2007 – 2013;
favorire l’utilizzo delle risorse delle anticipazioni di liquidità.


( sm / 20.07.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top