Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2771 - venerdì 24 luglio 2015

Sommario
- Firmato l'accordo Whirlpool
- Migranti: parere su decreto per accoglienza
- Esteri: parere su documento di programmazione e indirizzo 2015-2017
- Rapporti su invalidità (Istat) e malattie rare (Uniamo)
- Crocetta all'Assemblea regionale siciliana: non mi dimetto
- Pareggio bilancio e patto stabilità: pareri su decreto per certificazione

Documento della Conferenza delle Regioni del 16 luglio

+T -T
Esteri: parere su documento di programmazione e indirizzo 2015-2017

(Regioni.it 2771 - 24/07/2015) Le Regioni e le Province autonome hanno espresso un parere favorevole sul documento triennale di programmazione e di indirizzo 2015-2017 e sull’allegata relazione sulle attività svolte nell’anno 2014 del ministero degli Affari Esteri.
Il parere è stato espresso nella Conferenza Unificata del 16 luglio e nell’occasione le regioni hanno presentato un documento con alcune considerazioni e rilievi. Si riporta di seguito il testo integrale pubblicato anche nella sezione “Conferenze” del sito www.regioni.it.
Punto 15) O.d.g. Conferenza Unificata
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano, vista la recente approvazione, da parte del Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo (Cics), del Documento triennale di programmazione e di indirizzo sulle attività di cooperazione, esprime parere favorevole sul documento, con le considerazioni e i rilievi di seguito riportati.
Considerato che:
- il documento rappresenta un primo importante passo per dare piena e concreta attuazione ai principi e criteri contenuti nella Legge n.125 del 2014;
- con il documento il Governo esprime la sua intenzione di rafforzare la Cooperazione allo Sviluppo come investimento strategico per l’Italia per far fronte alle grandi sfide della sicurezza, della crescita globale, dei cambiamenti climatici, delle migrazioni;
- il documento intende ricondurre il sistema della cooperazione italiana all’attuale scenario mondiale caratterizzato da situazioni di crisi sempre più complesse enfatizzando il ruolo della cooperazione allo sviluppo quale strumento di investimento strategico per la crescita globale e la stabilità internazionale;
- il documento riconosce espressamente il ruolo della cooperazione territoriale, individuata come uno degli elementi di originalità e di identità della cooperazione italiana;
- l’impostazione generale del documento è apprezzabile per il modo in cui la cooperazione si collega con i diritti fondamentali delle persone, considerati come diritti universali.
Tutto ciò premesso, la Conferenza rileva:
1) una mancata consultazione nella fase di definizione del contenuto del documento che avrebbe delineato un percorso maggiormente partecipativo;
2) la necessità di approfondire il tema della “cooperazione europea” e dei suoi strumenti, che rappresenta una importante sfida dei prossimi anni per promuovere e sviluppare, oggi più che mai, un radicato senso di comunità, e quindi cooperazione tra i Paesi membri, fondamentale per una crescita più giusta e più sana;
3) l’esigenza di favorire meccanismi di condivisione delle informazioni e dei dati relative alla cooperazione allo sviluppo, non solo a livello nazionale ma anche internazionale.
La Conferenza auspica infine:
4) un rafforzamento del sistema di sussidiarietà nella cooperazione e un effettivo coinvolgimento delle Regioni nella predisposizione e nella attuazione dei documenti atti a delineare la strategia della cooperazione del Sistema Italia, al fine di valorizzare il ruolo delle Regioni e delle Province autonome, attori qualificanti della cooperazione italiana in grado di attivare e mettere in rete tutti i soggetti del proprio territorio, pubblici e privati, valorizzando il livello locale;
5) una maggiore chiarezza e definizione delle risorse disponibili e dei meccanismi di investimento.


( red / 24.07.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top