Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2771 - venerdì 24 luglio 2015

Sommario
- Firmato l'accordo Whirlpool
- Migranti: parere su decreto per accoglienza
- Esteri: parere su documento di programmazione e indirizzo 2015-2017
- Rapporti su invalidità (Istat) e malattie rare (Uniamo)
- Crocetta all'Assemblea regionale siciliana: non mi dimetto
- Pareggio bilancio e patto stabilità: pareri su decreto per certificazione

+T -T
Firmato l'accordo Whirlpool

Soddisfatti Maroni, Ceriscioli, De Luca, Serracchiani e Bugli

(Regioni.it 2771 - 24/07/2015) E' stato firmato a Palazzo Chigi l'accordo tra Whirlpool, sindacati e governo sul piano industriale del gruppo in Italia. Primo firmatario il premier Matteo Renzi, che è stato poi seguito dai rappresentanti delle Regioni coinvolte, dai rappresentanti sindacali e dai vertici dell'azienda.
“Siamo molto soddisfatti. – dichiara Roberto Maroni, presidente della regione Lombardia - L'accordo prevede nella nostra Regione la stabilizzazione dei circa 2500 dipendenti e l'assunzione di 400 giovani. Un ringraziamento va al governo e la ministro Federica Guidi: è stato scongiurato il rischio di chiusura e licenziamenti ed assunto un impegno a investire ancora di più”. Maroni quindi aggiunge che la Lombardia “ha dato il suo contributo per i piani di sviluppo sull'innovazione”. Erano presenti anche i presidenti della regione Campania, Vincenzo De Luca, e della regione Marche, Luca Ceriscioli. La firma dell'accordo Whirlpool segna una pagina importante per il futuro delle Marche, sottolinea Ceriscioli, che rappresenta la soddisfazione per un accordo che “ha visto l'impegno determinante del Governo e del presidente Renzi in particolare, la sinergia tra le istituzioni, l'azienda e le parti sociali.” 
Ceriscioli quindi aggiunge: “Nessuna chiusura e nessun licenziamento rappresentano un traguardo per i tanti lavoratori e lavoratrici che in questi mesi hanno lottato e sofferto per il mantenimento del loro posto di lavoro.  Certamente continueremo a seguire gli sviluppi futuri. Ho già messo in agenda, infatti, gli incontri con i vertici dell'azienda per continuare a seguire questa fase strategica per il nostro territorio”.
Il ministro dello sviluppo economico Federica Guidi sottolinea come sia “un accordo molto importante perché il piano è stato modificato in più punti che come Governo non potevamo accettare: non ci sono esuberi e ogni stabilimento ha la sua missione produttiva e soprattutto vengono fatti investimenti per 523 milioni”, e così “con l'integrazione Indesit-Whirlpool nasce un gruppo molto più forte che potrà crescere in Italia”.
“Un importante passo in avanti dopo le tensioni dei mesi scorsi". Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca dopo la firma a Palazzo Chigi dell'intesa tra Whirlpool, sindacati e governo sul piano industriale del gruppo in Italia. L'accordo è stato firmato dal premier Matteo Renzi, seguito dai rappresentanti delle Regioni coinvolte, dai rappresentanti sindacali e dai vertici dell'azienda. “Manifesto apprezzamento - ha aggiunto De Luca - per l'impegno del presidente Renzi, il senso di responsabilità dei lavoratori, la mobilitazione istituzionale, il nuovo atteggiamento dell'azienda che hanno permesso di scongiurare le annunciate chiusure. "La Regione Campania - conclude il presidente De Luca, che negli scorsi mesi ha più volte incontrato il Governo ed i lavoratori - continuerà ad esser impegnata nell'adempimento dell'accordo con particolare riguardo per la difesa dello stabilimento di Carinaro, dei  livelli occupazionali, delle commesse produttive destinate ad un impianto che si è sempre distinto per alta qualità ed affidabilità nella lavorazione".
Soddisfazione anche in Regione Toscana, ma lo stabilimento senese della Whirpool era già salvo e non era stato messo in discussione nel piano industriale presentato ad aprile al Ministero: quel piano contestato che prevedeva più di una chiusura, poi superato. "E' successo perché in Toscana l'azienda ha investito in ricerca e sviluppo, con l'aiuto anche della Regione e contando sui bandi finanziati con risorse europee" spiega l'assessore alla presidenza della Toscana Vittorio Bugli, presente alla firma a Palazzo Chigi. “Grazie a quegli investimenti in ricerca lo stabilimento di Siena, specializzato in congelatori orizzontali, ha realizzato prodotti innovativi che alla fine gli hanno permesso di non essere messo in discussione – prosegue Bugli – E' la riprova che la globalizzazione non sempre porta alla delocalizzazione in paesi dove la manodopera costa di meno. Non accade, come in questo caso, quando ricerca e sviluppo sono in grado di creare un valore aggiunto tangibile”. La Whirpool – si legge in una nota della Regione Toscana - e l'unica azienda del settore del freddo rimasta in Toscana. Conta a Siena circa trecentocinquanta lavoratori. Ma progetto e gli investimenti finanziati con il bando regionale hanno coinvolto anche le imprese piccole e medie dell'indotto, che di lavoratori ne contano un altro centinaio
“L'accordo alla Whirlpool garantisce 513 milioni di euro di investimenti ed evita 2000 esuberi”, ha dichiarato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia e vicesegretaria nazionale del Pd, Debora Serracchiani. "Le riforme e le buone politiche industriali servono", ha concluso Serracchiani




( Gs-Sm / 24.07.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top