Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2773 - martedì 28 luglio 2015

Sommario
- Lorenzin: in sanità non saranno tagliati 10 miliardi
- Coletto su tagli sanità: così salta sistema universalità
- Tagli sanità: Maroni, Rossi, Zaia e Bonaccini
- Tagli sanità: il testo dell'intesa Stato-Regioni del 2 luglio
- Sanità: piani di rientro, buone notizie per Abruzzo e Piemonte
- Trivelle: a Termoli il no di 6 Regioni

+T -T
Lorenzin: in sanità non saranno tagliati 10 miliardi

(Regioni.it 2773 - 28/07/2015) “Chi pensa che verranno tagliati 10 miliardi non ha capito”. Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, esclude qualsiasi ipotesi di ulteriori tagli in sanità. Lo ribadisce all’agenzia giornalistica ANSA.
“Voglio dire con chiarezza - spiega Lorenzin - che sono contraria a nuovi tagli al Servizio sanitario. Dico 'no' a qualunque ipotesi di taglio, che al momento non c'è. I risparmi non sono tagli”. Lorenzin conferma quindi i concetti già espressi nell'intervista al quotidiano "la Repubblica" il 27 luglio, dopo quella rilasciata il giorno prima, sempre sulla stessa testata, del commissario del Governo alla revisione delle spesa, Yoram Gutgeld, che prefigurava ulteriori tagli alla spesa sanitaria.
“Ribadisco - spiega infatti Lorenzin - che sono contraria ai tagli, difenderò il fondo sanitario così com'è per il 2016 e difendo l'applicazione del Patto per la ...

+T -T
Coletto su tagli sanità: così salta sistema universalità

(Regioni.it 2773 - 28/07/2015) Se si continua a tagliare in sanità salta tutto il sistema. Lo evidenzia il coordinatore della commissione sanità della Conferenza delle Regioni, Luca Coletto: “se si prosegue così salta il sistema della universalità della sanità pubblica e tutte le Regioni andranno in Piano di rientro. In sostanza, oltre alle tasse, gli italiani dovranno pagare le prestazioni sanitarie privatamente”.
“Ormai si taglia solo sulla sanità – afferma l’assessore alla sanita della regione Veneto - è un refrain monocorde e monotono. Nella sanità si è tagliato in passato si continua a tagliare. Ora ci ripropongono altri 10 miliardi in meno: bisognerebbe avere il coraggio di applicare i costi standard”.
Secondo Coletto i costi standard non sono ancora applicati perché “tante Regioni, applicando i costi standard, andrebbero sotto. Inoltre non applicarli fa sì che ...

+T -T
Tagli sanità: Maroni, Rossi, Zaia e Bonaccini

Boschi: tagli sanità sono quelli concordati con le Regioni il 2 luglio

(Regioni.it 2773 - 28/07/2015) “Tagliare 10 miliardi alla sanità, senza applicare i costi standard, significa dichiarare guerra alle Regioni virtuose, alla Lombardia in primo luogo, e alla guerra noi risponderemo con la guerra". Così il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, che ha anche rilasciato un’intervista al quotidiano “Libero” sul tema proposto dal Governo di ulteriori tagli alla spesa sanitaria.
“Non si può tagliare in questo modo, - afferma Maroni – la proposta che noi abbiamo fatto è molto chiara: applicando i costi standard, si ha un risparmio di 23 miliardi di euro, favorendo e premiando le Regioni virtuose e costringendo quelle non virtuose a fare meglio".
Comunque Maroni non crede al sistema dei tagli: “no, non ci credo, è la cosa più semplice ma è la cosa più pericolosa e dannosa per noi e io non intendo accettare di essere costretto a chiudere gli ...

+T -T
Tagli sanità: il testo dell'intesa Stato-Regioni del 2 luglio

(Regioni.it 2773 - 28/07/2015) Il 2 luglio, nel corso della Conferenza Stato-Regioni, è stata sancita l’Intesa tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano concernente l’individuazione di misure di razionalizzazione e di efficientamento della spesa del Servizio Sanitario Nazionale di cui alla lettera E dell’intesa n. 37/CSR sancita dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 26 febbraio 2015. I contenuti dell'intesa saranno recepiti dal governo nel dibattito paralmentare per la conversione in legge del Decreto 78/2015 sugli enti territoriali .
Durante la Stato-Regioni del 2 luglio Governo e Regioni, oltre a sancire l’intesa, hanno convenuto di “verificare e di rivedere il patto per la salute 2014 – 2016”, così come aveva chiesto la Conferenza delle Regioni con un documento sottoposto al Governo e contenente alcune richieste ed alcune proposte, sostanzialmente recepite nel testo finale dell’intesa. E’ stato infatti previsto un Tavolo misto Governo, Regioni ed AIFA che riveda le regole e i meccanismi dei tetti e del pay back della spesa farmaceutica. Non solo, le regioni hanno avuto rassicurazioni - scritte “nero su bianco” nel testo dell’intesa – sulla entità futura del finanziamento del servizio sanitario. Infatti “per l'anno 2015 le risorse disponibili per il Servizio Sanitario Nazionale sono pari a 109.715 miliardi di euro e per l'anno ...

+T -T
Sanità: piani di rientro, buone notizie per Abruzzo e Piemonte

(Regioni.it 2773 - 28/07/2015) I tavoli di monitoraggio per le regioni in piano di rientro hanno portato notizie positive per Abruzzo e Piemonte.
Così l'assessore alla sanità, Silvio Paolucci, ha definito l'esito delel riunione del 24 luglio: è “una giornata storica per l'Abruzzo perché segna la fine del commissariamento della sanità e l'inizio di un percorso che porterà la Regione, a breve, a riappropriarsi a pieno titolo della programmazione della gestione dei servizi sanitari sul territorio". C’è sttao infatti il riconoscimento da parte del Tavolo di monitoraggio della sanità degli adempimenti svolti dalla gestione commissariale D'Alfonso in ordine alla sua sostenibilità economica e finanziara e in relazione agli obiettivi di salute che si intendono raggiungere e che sono fissati dal ministero della salute.
In ordine agli obiettivi di salute, per la prima volta l'Abruzzo ha superato la soglia di ...

+T -T
Trivelle: a Termoli il no di 6 Regioni

(Regioni.it 2773 - 28/07/2015) Abruzzo, Basilicata, Calabria, Marche, Puglia e Molise fanno fronte comune in difesa dell'Adriatico e dello Ionio. Il 24 luglio, a Termoli, si sono riuniti i presidenti delle Regioni Abruzzo (Luciano D'Alfonso), Basilicata (Marcello Pittella), Molise (Paolo di Laura Frattura), Puglia (Michele Emiliano), il vicepresidente della Regione Marche, Anna Casini, e per la Calabria l’ assessore all'Ambiente, Antonella Rizzo. Erano inoltre presenti gli assessori all'Ambiente di Abruzzo (Mario Mazzocca), Basilicata (Aldo Berlinguer) e Molise (Vittorino Facciolla). Una riunione convocata per concordare una linea comune in difesa dell'ambiente marino a rischio trivellazioni a seguito dello Sblocca Italia.
Alla riunione, aperta dai saluti del sindaco di Termoli, Angelo Sbrocca, ha partecipato anche l'europarlamentare croato, relatore della Strategia della Macroregione Adriatico-Ionica, Ivan Jakovcic. I presidenti hanno confermato il loro no netto ad opere di trivellazione nei mari Adriatico e Ionio, ribadendo comunque l'intenzione comune di avviare un dialogo con il Governo. La posizione di confronto, per le Regioni, rimane prioritaria, anche se le stesse sono pronte a valutare la praticabilità, quale estrema ratio, di tutti gli strumenti previsti dall'ordinamento.
Nel corso della riunione è stata messa in evidenza, in un'ottica di difesa globale delle coste adriatiche, l'importanza della partecipazione dell'europarlamentare Ivan Jakovcic a ...
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top