Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2792 - lunedì 21 settembre 2015

Sommario
- Governo approva nota di aggiornamento al DEF 2015
- Conferenza delle Regioni il 24 settembre
- Garavaglia: Fondo sanitario all'osso, non ci sono margini per altri tagli
- Calabria: confronto Governo-Regione su utilizzo fondi UE
- Cambiamenti in vista per i vertici di Piemonte e Puglia
- Governo impugna legge regionale del Piemonte su aree protette

+T -T
Garavaglia: Fondo sanitario all'osso, non ci sono margini per altri tagli

(Regioni.it 2792 - 21/09/2015) La nota di aggiornamento al DEF 2015 conferma per il momento, per il 2016, una spesa sanitaria superiore ai 113 miliardi, ma non mancano le preoccupazioni legate anche a certe dichiarazioni che nei giorni scorsi alcuni rappresentanti del Governo hanno reso alla stampa.
In particolare a dare voce alle apprensioni delle istituzioni regionali è l'assessore all'economia della Lombardia e coordinatore della Commissione Affari Finanziari per la Conferenza delle Regioni, Massimo Garavaglia, secondo il quale “non ci sono margini” per intervenire con nuovi tagli sul Fondo sanitario nazionale e in ogni caso, scendere sotto un finanziamento di 112 mld di euro nel 2016, avrebbe “come effetto automatico l'incremento delle imposte e la riduzione dei servizi”. Solo a luglio scorso in Conferenza Stato-Regioni, i Presidenti delle Regioni avevano siglato un'intesa sancendo che il Fsn sarebbe passato a 109,7 mld nel 2015 e a 113 mld nel 2016. Giorni fa, proprio sulle indiscrezioni relative a una nuova riduzione di risorse, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin aveva detto che per il 2016 non si può scendere sotto i 112 mld: "Abbiamo letto con stupore – ha spiegato all'Adnkronos Garavaglia - le affermazioni del ministro Lorenzin che dice che sotto i 112 mld il fondo non può andare, tagliando di fatto già un miliardo di euro rispetto a quanto previsto dall'intesa sancita a luglio tra Stato e Regioni”.
“Tagliare il fondo e scendere sotto i 112 mld, quindi considerando già il miliardo che la Lorenzin si è portato via, significherebbe portare in disavanzo tante Regioni che oggi sono lì per lì per uscire dai piani di rientro o quelle che sono sul filo per entrarci. E altre Regioni in disavanzo significa aumento di Irap ed Irpef e non mi pare che Renzi voglia aumentare le tasse. Un taglio superiore avrebbe come effetto automatico l'incremento delle imposte e la riduzione dei servizi”.
“Il fondo sanitario è già all'osso, a meno che Renzi non voglia smantellare il sistema universalistico e passare a un sistema a pagamento all'americana, ma anche questa non ci sembra una cosa saggia", continua il coordinatore degli assessori agli Affari finanziari che fa notare: "Le Regioni si stanno già accollando i costi dei farmaci innovatici, come antiepatite e antitumorali che salvano vite e costano parecchio”.
“A legislazione vigente”, considerato quanto già previsto dalle scorse manovre e provvedimenti, "i tagli alle Regioni per il 2016 valgono già quasi 4,5 mld di euro e non si sa come coprire questi". Riguardo alla spending review, Garavaglia ricorda che "sono stati tagliati a luglio 2,350 mld e ciò comporta una profonda revisione della spesa in tante Regioni. C'è però un problema: dove ci sono sprechi ed inefficienza è più facile assorbire il taglio, dove si è già fatta efficienza, il taglio comporta automaticamente o una riduzione di servizi o un aumento di ticket”.
Secondo Garavaglia ci sono invece margini ci sono per agire sulle partecipate: “quella è un partita interessante - sottolinea l'assessore - però riguarda più i Comuni che le Regioni. La Lombardia, ad esempio, con 10 milioni di abitanti ha 5 partecipate, quindi c'è poco da tagliare, mentre nei Comuni i margini sono decisamente più importanti". Non solo la sanità. Secondo Garavaglia, circolano “anche voci di tagli al trasporto pubblico locale, ma non mi sembra una scelta intelligente neppure lasciare a piedi i pendolari. Il trasporto locale è già sotto finanziato di almeno 2 miliardi di euro e la parte gestita dalle Province è di fatto sull'orlo del fallimento, così come le Province stesse”.

 


( red / 21.09.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top