Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2794 - mercoledì 23 settembre 2015

Sommario
- Chiamparino convoca la Conferenza delle Regioni per il 24 settembre
- Aziende partecipate: Rughetti, monitoriamo quelle "strumentali"
- Trivelle: tema in Commissione ambiente della Conferenza Regioni
- S&P vede uscita Italia dalla crisi
- Settore balneare: Toti su concessioni demaniali
- Conferenza Stato-Regioni del 24: integrato l'ordine del giorno

+T -T
Trivelle: tema in Commissione ambiente della Conferenza Regioni

(Regioni.it 2794 - 23/09/2015) Nella Commissione Ambiente della Conferenza delle Regioni approda il Manifesto di Termoli, documento elaborato al termine della prima riunione delle Regioni adriatiche e ioniche che, alla fine di luglio, dissero "stop" ai permessi di ricerca di idrocarburi a mare. Allora si trattava di Marche, Abruzzo, Molise, Puglia Basilicata e Calabria. Allora furono sei le Regioni firmatarie. Oggi la Commssione della Conferenza riunisce tutte le Regioni italiane.
Il Manifesto non contiene "pregiudizi o veti". É invece un documento che chiede con forza al Governo "di chiarire e condividere" con le comunità territoriali quali sono i suoi indirizzi di politica energetica nel settore degli idrocarburi. Quali giacimenti sono stati individuati? Dove? Come e quando il Governo intende sfruttarli? Si possono individuare di comune accordo aree nelle quali le coltivazioni sono precluse? Come avvenne con la legge 9/91? E perché, ad esempio, i golfi di Napoli e Salerno sono considerati off limits per la coltivazione di idrocarburi e quello di Taranto no? Ancora: quale protezione ambientale può essere garantita? Quali benefici alle comunità territoriali? Sono questi alcuni degli interrogativi che il Manifesto di Termoli pone, nella prospettiva di un dialogo tra istituzioni che sinora é oggettivamente mancato. “Non possiamo procedere a tentoni in una materia così delicata - ha ribadito oggi l'assessore della Basilicata Aldo Berlinguer - con sgambetti reciproci e continui ricorsi al giudice, amministrativo e costituzionale. Occorre una strategia condivisa che sappia coinvolgere e rispettare le comunità locali che nei territori interessati ci vivono”.
Attesa anche la posizione divergente assunta dall'Emilia-Romagna, in particolare dopo le iniziative referendarie assunte dal Consiglio regionale della Basilicata sabato scorso. Ma le Regioni favorevoli sono sicuramente in maggioranza, se non la quasi totalità di quelle costiere. “Dobbiamo essere uniti, ha concluso Berlinguer, per portare la questione in Europa, la quale non può, anche su questo tema, continuare a latitare. Abbiamo il paradosso che Stati confinanti hanno politiche estrattive opposte, pur condividendo le stesse acque. É arrivata l'ora che su tutte le problematiche dei nostri mari venga varata una politica comune, ascoltando attentamente le comunità più vicine, che quei mari li vivono quotidianamente”.

 



( red / 23.09.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top