Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2798 - martedì 29 settembre 2015

Sommario
- Ok a due decreti per evitare aumento accisa benzina e per decoro scuole
- Def: audizione della Banca d'Italia al Senato
- Tagli sanità: Veneto ricorre alla Consulta
- Reti d'impresa e contratti pubblici: guida per stazioni appaltanti
- Federalismo: Ugo Rossi, Enrico Rossi e Arno Kompatscher
- Farmacie: nuova "carta della qualità" di Federfarma e Cittadinanzattiva

+T -T
Farmacie: nuova "carta della qualità" di Federfarma e Cittadinanzattiva

Lorenzin: testimonianza del fondamentale rapporto tra la farmacia e il territorio

(Regioni.it 2798 - 29/09/2015) A vent’anni dalla prima stesura, Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato e Federfarma hanno realizzato la nuova Carta della qualità della farmacia, presentata il 28 settembre. La nuova Carta della qualità ha l’obiettivo di rinnovare l’impegno assunto dalle farmacie per favorire il rispetto dei diritti dei cittadini, alla luce delle novità del panorama sanitario attuale (ad iniziare dalla farmacia dei servizi e dalla riorganizzazione dell’assistenza territoriale) e del contesto sociale ed economico (difficoltà economiche di moltissime famiglie, difficoltà di accesso a servizi e prestazioni socio sanitarie). Aderendo alla Carta della qualità, le farmacie si impegnano a rispettare e diffondere i principi contenuti nella Carta europea dei diritti del malato, a tenere conto in ogni fase della propria attività dei bisogni delle persone e delle difficoltà che esse possono incontrare nell’esercitare il proprio diritto alla salute.
I principi ispiratori della Carta della qualità sono: accessibilità, accoglienza e personalizzazione, informazione, sicurezza e standard di qualità dei servizi erogati. La Carta della qualità è stata inviata a tutte le farmacie aderenti a Federfarma insieme a una locandina per informare i cittadini dell’adesione della singola farmacia all’iniziativa. “La Carta della qualità, a oltre 20 anni dalla sua nascita, è testimonianza del fondamentale rapporto tra la farmacia e il territorio. I principi ispiratori della Carta sono il marchio distintivo della relazione di fiducia tra i professionisti e i cittadini”. Lo sottolinea il ministro della Salute Beatrice Lorenzin in un messaggio di saluto, osservando che “la sfida del sistema sanitario nazionale è quello di riuscire a erogare servizi sempre più efficienti su tutto il territorio, guardando con particolare attenzione a una popolazione che invecchia. La Carta della qualità è il modo con cui i farmacisti raccolgono la sfida, misurandosi con i cittadini in un rapporto aperto alla valutazione degli standard di efficienza. Qualità, sicurezza, trasparenza, personalizzazione della cura e umanizzazione sono le parole chiave della sanità che vogliamo realizzare. Nella Carta della qualità i professionisti si mettono a disposizione delle persone per fornire tutti questi elementi, e non possiamo che scommettere insieme su questo tipo di futuro.” “La nuova Carta della qualità della farmacia può essere uno degli strumenti utili per conseguire margini di miglioramento dell’assistenza territoriale, rilanciando quella farmacia dei servizi su cui da anni anche le Regioni stanno puntando” afferma Sergio Chiamparino, presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. “Sono convinto che in questo ambito possano rientrare obiettivi per garantire maggiore accessibilità, una necessaria personalizzazione e più informazione. Colgo nella nuova carta anche uno spirito in linea con un servizio sanitario di tipo universalistico e solidaristico per l’attenzione che si vuole prestare alla persone fragili, agli anziani, alle persone con patologie croniche e ai migranti. Confermo la massima attenzione ai temi affrontai dalla nuova Carta della qualità in farmacia, anche attraverso l’attività della Commissione salute”.
“Dal 1994, anno di stesura della prima Carta, a oggi tante cose sono cambiate nel contesto sanitario, sociale ed economico del Paese e la farmacia si è evoluta per essere più vicina ai cittadini” osserva Annarosa Racca, presidente di Federfarma. “La nuova Carta della qualità costituisce per le farmacie uno stimolo forte ad andare sempre più in direzione delle esigenze di salute dei cittadini. Con i nuovi servizi, da ultimo la consegna gratuita dei farmaci a domicilio riservata a categorie particolarmente fragili, la farmacia consolida il proprio ruolo di primo presidio sociosanitario sul territorio a disposizione della popolazione.” “In un panorama sanitario che cambia, dare più servizi ai cittadini, il più possibile vicini a casa loro, è un tema essenziale. Noi scommettiamo da un lato sulla qualificazione professionale dei farmacisti e dall’altro sull’ampliamento degli standard di qualità in farmacia perché intendiamo riempire di contenuti concreti la farmacia dei servizi, che rischia di rimanere sulla carta”. Queste le dichiarazioni di Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva. “L’assistenza sanitaria territoriale”, ha aggiunto Gaudioso, “deve partire dalle esigenze dei cittadini. Le nostre realtà locali del Tribunale per i diritti del malato saranno un pilastro fondamentale, in collaborazione con le farmacie, perché la riorganizzazione dell’assistenza territoriale – coerentemente con  il Patto  per la salute – sia sempre più a misura di cittadino. E’ parimente importante evidenziare che le farmacie si aprono alla valutazione dei propri standard e dei servizi offerti dai cittadini: le persone potranno verificare come la farmacia aderisca al patto tra cittadini ed operatori  attraverso i chiari impegni contenuti nella Carta che sarà esposta  in modo visibile”. 
“Nell'anno in cui ricorrono 35 anni di attività del Tdm abbiamo deciso di rinnovare la collaborazione con le farmacie per dare più forza alla capillarità delle due associazioni in favore dei diritti”, ha dichiarato Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato, “per raggiungere soprattutto chi rischia di non avere accesso alle informazioni, ad esempio sulla prevenzione, e rimetterci in salute: proiettare standard al rialzo, favorire la conoscenza di servizi, essere al passo coi tempi sono alcuni degli obiettivi di questa collaborazione. Noi faremo il porta a porta nelle farmacie per farle aderire, ma i cittadini sono fondamentali per farla rispettare e applicare.


( red / 29.09.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top