Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2801 - venerdì 2 ottobre 2015

Sommario
- Lorenzin: livelli essenziali sono priorità, attuarli con legge di stabilità
- Ogm: Italia comunica a UE lo stop a coltivazioni geneticamente modificate
- Istat su andamento economia italiana
- Fondi UE: De Vincenti ha incontrato Pittella, Emiliano e Frattura
- Apprendistato: osservazioni su decreto per standard e percorsi
- Appalti: Anna Casini nuovo Presidente di Itaca

Documento della Conferenza delle Regioni del 1° ottobre

+T -T
Apprendistato: osservazioni su decreto per standard e percorsi

(Regioni.it 2801 - 02/10/2015) Le Regioni hanno espresso l’intessa sul decreto che definisce gli standard formativi e i criteri generali per la realizzazione dei percorsi dell’apprendistato, anche se hanno sottolineato (durante la Conferenza Stato-Regioni del 1° ottobre) di due questioni aperte per le quali hanno presentato specifici emendamenti.
Le proposte emendative sono contenute in un documento approvato dalla Conferenza delle Regioni, consegnato al Governo e c pubblicato sul sito www.regioni.it (sezione “Conferenze”) di cui si riporta il testo integrale
Osservazioni ed emendamenti per intesa sul decreto che definisce gli standard formativi dell'apprendistato e i criteri generali per la realizzazione dei percorsi di apprendistato
Punto 3) O.d.g. Conferenza Stato-Regioni
Osservazioni e proposte emendative
A seguito del confronto in sede tecnica con i rappresentanti dei Ministeri interessati, svoltosi presso la Segreteria della Conferenza Stato-Regioni il 30 settembre 2015, le richieste regionali sono state accolte ad eccezione di due questioni rimaste aperte.
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome esprime, pertanto l’intesa con le seguenti richieste:
1.
Articolo 4
L’articolo 4, ai commi 3 e 4, stabilisce la durata del periodo di apprendistato anche per il terzo livello. Tale proposta appare fortemente limitativa alle prerogative delle Regioni, considerato che il D.Lgs. n.81 del 2015 all’art. 45 comma 4 attribuisce espressamente tale regolamentazione alla competenza regionale.
Si chiede pertanto l’eliminazione dei commi 3 e 4.
2.
Articolo 5
Al riguardo, si sottolinea che con riferimento ai percorsi di studio universitari (inclusi i master), di cui al comma 2, lett. e) e al comma 6, lett. f) del presente articolo, il decreto interministeriale - secondo quanto previsto dall’art. 45, comma 2 del d.lgs. 81/2015 - deve definire i principi e le modalità di attribuzione dei crediti formativi universitari (CFU) connessi con la formazione presso il datore di lavoro. Il Decreto, tuttavia, non disciplina tale previsione.
Si sollecita, pertanto, l’invio di una circolare da parte del MIUR e del MLPS a tutte le università in merito al calcolo dei CFU universitari.


( red / 02.10.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top