Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2807 - lunedì 12 ottobre 2015

Sommario
- Salute: parte campagna vaccinazione antinfluenzale
- Serracchiani: ridisegno Regioni non è nell'agenda del Governo
- Zaia: chiederò a Renzi perché non applica i costi standard
- Accordo Regioni - Nuclei regolazione servizi pubblica utilità del CIPE
- Gazzetta Ufficiale: rassegna di settembre
- Garavaglia: sbloccati in Lombardia altri 121 milioni per Comuni e Province

Documento della Conferenza delle Regioni del 24 settembre

+T -T
Accordo Regioni - Nuclei regolazione servizi pubblica utilità del CIPE

Approvato lo schema che sarà perfezionato in seguito

(Regioni.it 2807 - 12/10/2015) La Conferenza delle Regioni del 24 settembre ha dato il via libera ad uno schema di accordo quadro con Ii Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica della Presidenza del Consiglio.
Il testo della bozza di accordo - che sarà perfezionato in seguito - è stato pubblicato integralmente sul sito www.regioni.it, nella sezione “Conferenze”.
Di seguito si riporta il documento, senza l’allegato tecnico relativo al piano esecutivo che coinvolge 5 macro aree: Contratti di servizio in ambito ferroviario e trasporto pubblico locale; Autostrade regionali; Aeroporti regionali; Logistica e retro-portualità; Operazioni effettuate in concessione di costruzione e gestione e in partenariato pubblico privato (testi che comune possono essere consultati nella versione integrale del documento).
Il Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nella persona del Capo Dipartimento, Ferruccio Sepe
e
la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella persona del suo Presidente, Sergio Chiamparino
Accordo Quadro NARS-Regioni e Province autonome
PREMESSO CHE
Il Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica economica (di seguito: DIPE) è una struttura generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri che svolge le funzioni di supporto al CIPE e alla Presidenza del Consiglio dei Ministri medesima in materia di, tra l’altro, infrastrutture e trasporti e regolazione tariffaria dei servizi di pubblica utilità (autostrade, aeroporti, porti, ferrovie).
Alle dirette dipendenze del Capo Dipartimento del DIPE opera il Nucleo di consulenza per l’attuazione delle linee guida per la regolazione dei servizi di pubblica utilità (di seguito: NARS) il quale svolge le funzioni di organismo tecnico di consulenza e supporto alle attività del CIPE in materia tariffaria e di regolazione dei servizi di pubblica utilità non regolamentati da una specifica Autorità di settore.
Il NARS si avvale dell’assistenza di una struttura tecnica di supporto (di seguito: STN) composta da esperti con particolare ed elevata professionalità nelle materie attinenti la regolazione dei servizi di pubblica utilità nominati ai sensi di quanto disposto dall’art. 3 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25 novembre 2008.
Il NARS, tra l’altro, su richiesta dei Presidenti delle Regioni e Province autonome, esprime parere in materia tariffaria e di regolamentazione economica dei settori di pubblica utilità e degli obblighi di servizio pubblico, ai sensi dell’art. 1 del DPCM 25 ottobre 2008 e s.m.i., nonché, ai sensi di quanto disposto dall’art. 143, comma 8, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, in occasione della revisione dei piani economico-finanziari, dovuta a variazioni apportate dalla stazione appaltante ovvero a nuove disposizioni normative o regolamentari che stabiliscano nuovi regimi tariffari o in grado, comunque, di incidere sull’equilibrio economico finanziario.
Il NARS, nello svolgimento dei propri compiti, si è trovato spesso a trattare tematiche concernenti infrastrutture strategiche e ad analizzare richieste di esame in merito a domande di riequilibrio dei piani economico-finanziari relativi alle concessioni di lavori pubblici a fronte di un sistema regolatorio e normativo, a diversi livelli istituzionali, complesso e non sempre omogeneo e ha, pertanto, ritenuto opportuno individuare forme di collaborazione con le Regioni al fine di poter valutare congiuntamente la definizione di un sistema di regolamentazione maggiormente coerente, identificando tematiche di comune interesse e condividendo tempi e modalità di collaborazione.
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome è un organismo di coordinamento politico fra i Presidenti delle Giunte Regionali e delle Province autonome ed è la sede ufficiale della interlocuzione istituzionale interregionale. Le sue principali finalità possono ricondursi a: il miglioramento del raccordo e del confronto con lo Stato Centrale attraverso l'elaborazione di documenti condivisi da tutto il "sistema dei Governi regionali"; l'instaurazione di un confronto permanente interregionale per favorire il diffondersi delle "best practices"; la necessità di rappresentare in modo costante all'esterno e nelle relazioni istituzionali il "sistema dei Governi regionali".
ITACA - Istituto per l’innovazione e la trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale – opera come struttura tecnica di supporto della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome in materia di contratti pubblici, laddove richiesto dalla stessa Conferenza.
Le parti sono interessate ad avviare un rapporto di reciproca collaborazione su temi di comune interesse, nell'ambito del quale il NARS potrà offrire assistenza e consulenza tecnico-giuridica. TUTTO QUANTO CIO' PREMESSO
il Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nella persona del Capo Dipartimento, Ferruccio Sepe
e
la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella persona del suo Presidente, Sergio Chiamparino
sottoscrivono il presente
Accordo Quadro
Articolo 1  (Premesse)
Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente protocollo di intesa.
Articolo 2  (Finalità e oggetto della collaborazione)
1. Il DIPE-NARS e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, ferme restando le reciproche competenze, definiscono criteri e modalità di collaborazione tra il NARS e le Regioni e le Province autonome, in particolare nei seguenti ambiti:
Contratti di servizio in ambito ferroviario e trasporto pubblico locale
Autostrade regionali
Aeroporti regionali
Logistica e retro-portualità
Operazioni effettuate in concessione di costruzione e gestione e in partenariato pubblico privato.
2. Le attività potenzialmente oggetto di assistenza e consulenza da parte del NARS, da intendersi a titolo esemplificativo e non tassativo, sono descritte nell'Allegato tecnico, che costituisce parte integrante del presente accordo.
3. Le parti possono modificare il presente accordo a seguito dell’esperienza di collaborazione maturata, per il manifestarsi di nuove esigenze ovvero per l'intervento di eventuali nuove disposizioni di legge sulle materie regolate dal presente accordo.
Articolo 3  (Modalità di collaborazione)
1. La singola Regione e/o Provincia Autonoma può definire nel dettaglio modalità e contenuti del rapporto di collaborazione, sulla base degli indirizzi del presente Accordo Quadro, attivando successivi accordi bilaterali con il DIPE-NARS.
2. Le Regioni e Province Autonome, qualora una tematica risulti di interesse comune e/o rivesta carattere interregionale, possono chiedere l'assistenza del NARS nell'ambito della Conferenza delle Regioni/PA, attivando la Commissione competente per materia e relativi gruppi di lavoro tecnici, individuati nell’Allegato tecnico.
3. I gruppi di lavoro tecnici, composti da almeno tre rappresentanti delle Regioni/PA e tre rappresentanti della STN, potranno avvalersi di ITACA, quale struttura tecnica di supporto.
4. L’attività svolta dal NARS e dalla STN è da intendersi a titolo gratuito.
Articolo 4  (Durata dell’accordo)
Il presente accordo ha durata biennale a decorrere dalla data della sua sottoscrizione e si intende tacitamente rinnovato in mancanza di disdetta scritta di una delle parti, da comunicare almeno entro tre mesi dalla data di scadenza.
allegato tecnico - Piano esecutivo


( red / 12.10.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top