Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2810 - giovedì 15 ottobre 2015

Sommario
- Legge stabilità: ok da CdM, Chiamparino convoca Conferenza Regioni
- Sanità: Presidenti Commissioni parlamentari auspicano aumento fondo
- Toti: legge di stabilità, chiarire se Regioni possono continuare a esistere
- Vaccini: Assessori esaminano Piano nazionale
- Galletti: continua lotta contro dissesto idrogeologico
- Macroregione alpina: da Bruxelles Maroni, Chiamparino, Toti e Rollandin

+T -T
Macroregione alpina: da Bruxelles Maroni, Chiamparino, Toti e Rollandin

(Regioni.it 2810 - 15/10/2015) A Bruxelles si lavora alla creazione della macroregione alpina. Il battesimo ufficiale è previsto a gennaio.
Il progetto riguarda 7 Paesi, 48 Regioni, di cui 8 italiane, dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia, passando per Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Veneto, e le province autonome di Trento e Bolzano.
A Bruxelles hanno partecipato il presidente della regione Lombardia Roberto Maroni, del Piemonte Sergio Chiamparino, della Liguria Giovanni Toti, e della Valle d’Aosta Augusto Rollandin.
La macroregione alpina è stata quindi al centro di una giornata organizzata dal Comitato europeo delle Regioni e dalla Commissione Ue, e di un incontro voluto dalla Regione Lombardia all'Europarlamento.
Roberto Maroni spiega che è stato “presentato agli europarlamentari italiani eletti nelle due circoscrizioni Nord-Est e Nord-Ovest il progetto della macroregione, con lo sforzo delle otto regioni italiane di fare squadra. Pur essendo governati da esponenti politici di partiti diversi, ci siamo impegnati tutti per far sentire una sola voce”. Per Maroni l'obiettivo come macroregione è anche quello di avere i fondi “che fino ad ora sono mancati”.
“La macroregione alpina è un’opportunità per il nostro territorio”, sostiene il presidente della Liguria Giovanni Toti. “Ed è positivo – aggiunge Toti - che interessi anche la Liguria che rappresenta lo sbocco a mare di questa regione. Fino ad oggi la Liguria non aveva mai partecipato a queste riunioni, oggi con la nuova amministrazione siamo presenti e decisi a far valere le nostre ragioni”.
“La macroregione alpina – ha dichiarato Toti - è una grande regione che rappresenta le  più grandi aree di sviluppo dell’Europa e che deve avere una sua specificità e obiettivi comuni. E da oggi lavoreremo alla creazione di sinergie logistiche, di investimento, di tutela ambientale, di sviluppo delle piccole e medie imprese.  Credo sia una grande opportunità per tutti, in primis per la Liguria”.
“Dalla macroregione – aggiunge Toti – ci aspettiamo un grande appoggio sullo sviluppo delle infrastrutture strategiche, di cui la Liguria ha grande bisogno , primo fra tutti il Terzo Valico. E anche un sostegno  alle nostre piccole  medie imprese e ai nostri porti  che sono gli sblocchi a mare del Mediterraneo e un aiuto per risolvere un problema drammatico e annoso quale  il dissesto idrogeologico e per la tutela dell’ambiente con cui facciamo i conti da anni”.
E il presidente del Piemonte Sergio Chiamparino chiede che nel Piano di investimenti Juncker siano incluse azioni per la tutela del patrimonio ambientale e contro il dissesto idrogeologico. E ai territori che fanno parte del progetto lancia una "sfida": provare a fare politiche comuni per la prevenzione dei disastri e la tutela ambientale, su cui concentrare risorse nazionali, regionali e Ue.
Chiamparino ha spiegato che “è stato un segnale positivo che potrebbe essere l'inizio di una strada diversa, per contrastare il declino dell'istituto regionale. La macroregione alpina può essere la chiave di volta per rinnovare l'istituto della Regione stessa ma per farlo bisogna che le regioni italiane superino sempre di più la loro dimensione territoriale".
“Bisogna continuare a innovare, a tutelare e a investire nelle infrastrutture – aggiunge Chiamparino - e su questa base sviluppare un dialogo continuo con le comunità locali in direzione down-up, quindi dalle comunità locali verso l'Europa”.
Mentre il presidente della Regione Valle d'Aosta, Augusto Rollandin, sottolinea la “centralità del ruolo della montagna nel futuro assetto della macroregione” e l'”importanza dei temi ad essa correlati per garantire un sviluppo sostenibile ed equilibrato dell'intera area interessata dalla strategia europea”.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 



( gs / 15.10.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top