Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 2810 - giovedì 15 ottobre 2015

Sommario
- Legge stabilità: ok da CdM, Chiamparino convoca Conferenza Regioni
- Sanità: Presidenti Commissioni parlamentari auspicano aumento fondo
- Toti: legge di stabilità, chiarire se Regioni possono continuare a esistere
- Vaccini: Assessori esaminano Piano nazionale
- Galletti: continua lotta contro dissesto idrogeologico
- Macroregione alpina: da Bruxelles Maroni, Chiamparino, Toti e Rollandin

+T -T
Vaccini: Assessori esaminano Piano nazionale

De Biasi: la proposta delle Regioni è positiva e auspico che ne venga confermato l'orientamento

(Regioni.it 2810 - 15/10/2015) Gli assessori alla Sanità delle Regioni nel corso della riunione della Commissione salute che si è svolta il 14 ottobre a Roma, hanno discusso anche del nuovo "Piano nazionale di prevenzione vaccinale", che si sta scrivendo in questi giorni, valutando anche la previsione di non ammettere nelle scuole i bambini che non siano in regola con il libretto di vaccinazioni. "Bisogna porsi il tema ma le Regioni non vietano nulla a nessuno", ha detto il coordinatore degli assessori regionali, Sergio Venturi. “Non vietiamo l'accesso alla scuola pubblica ma ci poniamo il tema che la frequenza della scuola sia coerente alle vaccinazioni obbligatorie". Il piano vaccinale andrà probabilmente il 20 ottobre all'attenzione dei Presidenti delle Regioni nel corso della Conferenza delle Regioni e successivamente, all'esame della Conferenza Stato-Regioni.
“Il nuovo piano nazionale dei vaccini è non più rinviabile anche a fronte della recrudescenza di diverse malattie infettive", ha aggiunto il coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, Sergio Venturi.
In realtà che all'accesso nella scuola sia presentato il libretto vaccinale è già previsto nel piano vaccinale attuale del ministero della Salute. Finora però anche se non si erano fatti i vaccini obbligatori, i bambini venivano ugualmente iscritti a scuola. “Bisogna porsi il tema che l'accesso alla scuola pubblica sia coerente alle vaccinazioni obbligatorie. Il diritto all'accesso agli studi - osserva il coordinatore degli assessori regionali - è costituzionale così come lo è anche il diritto alla salute. Se c'è un bambino immunodepresso il compagno di banco prende una malattia infettiva, è giusto che venga tutelato. Le Regioni dicono: discutiamo di questo tema che riguarda la salute di tutti. Il mondo è cambiato e abbiamo tassi di copertura vaccinale molto bassi. E' un tema sul quale tutti gli assessori hanno concordato che bisogna parlarne, ma non vietiamo nulla. Credo che tra Governo e Regioni se ne debba discutere e assumere una posizione", conclude Venturi.
L'ipotesi è che il nuovo "Piano nazionale di prevenzione vaccinale", che si sta scrivendo in questi giorni, e che costerà 200 milioni in più rispetto al passato, proprio per la introduzione di nuove vaccinazioni, introduca anche la previsione di non ammettere nelle scuole i bambini che non siano in regola con il libretto di vaccinazioni. “Bisogna porsi il tema ma le Regioni non vietano nulla a nessuno", ha detto il coordinatore degli assessori regionali, Sergio Venturi.
In Parlamento il deputato Crimì annuncia che “per combattere l'allarmante calo delle vaccinazioni nel nostro Paese ho deciso con alcuni colleghi di intervenire con norme idonee, presentando alla Camera un progetto di legge che reintroduce l'obbligo di vaccinazione per i bambini che frequentano le Scuole dell'obbligo”.
Per la capogruppo Pd nella commissione Affari sociali, Donata Lenzi "è importante la massima attenzione sui vaccini, quindi bene le campagne informative ma è davvero eccessiva l'ipotesi di negare le iscrizioni nelle scuole ai bambini non vaccinati. Il loro diritto all'istruzione va garantito”.
L'assessore alla Salute della Regione Toscana, Stefania Saccardi - rispondendo ai cronisti che chiedevano un parere su quanto sostenuto dall'assessore dell'Emilia-Romagna Sergio Venturi in relazione alla necessità di vincolare la frequenza scolastica all'assolvimento degli obblighi vaccinali – ha sottolineato di essere “assolutamente d'accordo sulla proposta che sia obbligatorio per chi frequenta le scuole vaccinarsi soprattutto per certe problematiche. In questo Paese, se non parliamo più di alcune malattie è stato proprio grazie a delle campagne vaccinali molto intense e molto diffuse. Credo che sia un dovere per tutti- ha aggiunto- per i genitori prima di tutto, vaccinare i propri figli, soprattutto in un paese che offre questa possibilità in modo molto diffuso grazie al nostro sistema sanitario". D'altronde, ha proseguito, “non vaccinarsi credo che sia un pericolo anche per gli altri bambini, per alcuni che non possono accedervi, penso ad esempio ai bambini immunodepressi che non possono fare il vaccino e che corrono il rischio di essere infettati da chi può farlo e non lo ha fatto”.
Apprezzamenti arrivano da Emilia Grazia De Biasi, presidente della Commissione Sanità del Senato: “la proposta delle Regioni sui vaccini è positiva e auspico che ne venga confermato l'orientamento. Del resto, anche dal primo presidente della Corte di Cassazione arriva un’affermazione importante. Alcune malattie – prosegue la senatrice - che erano state sradicate completamente, penso ad esempio alla poliomielite, al morbillo, alla pertosse, stanno tornando e l'allarme è assolutamente giustificato. Non possiamo consentire che delle persone innocenti, dei bambini- sottolinea la De Biasi- possano avere problemi o addirittura morire. Ognuno può avere le sue convinzioni etiche, può seguire le sue medicine, però c'è un problema che riguarda l'altro. Non si puo' imporre un modo di vedere che danneggia un'altra persona". Conclude insomma De Biasi: "L'obbligatorietà delle vaccinazioni è fondamentale. Le vaccinazioni non sono solo utili, ma necessarie perché prevengono".
 


( sm / 15.10.15 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top